Ariane 4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ariane 4
Ariane42P rocket.png
Lanciatore Ariane 42P trasportante il satellite TOPEX/Poseidon (Kourou, 10 agosto, 1992)
Informazioni
ProduttoreFrancia Arianespace
Nazione di origineFrancia Francia
Europa Europa
Dimensioni
Altezza58,4 m
Diametro3.8 m
Massa245000 kg (245 t)
Stadi3
Capacità
Carico utile verso orbita terrestre bassa5000 kg (AR 40) - 7600 kg (AR 44L)
Carico utile verso
GEO
2100 kg (AR 40) - 4730 kg (AR 44L)
Cronologia dei lanci
StatoRitirato dal servizio
Basi di lancioCentre spatial guyanais (Guyana francese Kourou)
Lanci totali116
Successi113
Fallimenti3
Volo inaugurale15 giugno 1988
Volo conclusivo15 febbraio 2003
Razzi ausiliari (AR 44L) - PAL
Nº razzi ausiliari4

Ariane 4 è un lanciatore sviluppato dall'Centre national d'études spatiales, su approvazione dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), realizzato dalla ArianeGroup, commercializzato dalla Arianespace e facente parte della famiglia di lanciatori Ariane.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo del lanciatore iniziò nel 1983 e il primo lancio effettuato con successo si ebbe il giugno 1988. Il sistema è diventato, nel periodo di servizio, il lanciatore standard per i satelliti Europei per i lanci commerciali, arrivando a coprire il tra il 50% ed il 60% dei lanci di satelliti commerciali a livello mondiale.[1][2]

Il lanciatore ha effettuato, nelle sue varie configurazioni, 116 lanci con solo 3 guasti, ottenendo, quindi, una percentuale di successo del 97.4%.[2]

L'ultimo lancio si è svolto il 15 febbraio 2003 quando mise in orbita il satellite Intelsat 907 in orbita geostazionaria. Ariane 4 è stato dismesso in favore del lanciatore pesante Ariane 5.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ariane 4 passava dai 2580 kg di carico utile dell'Ariane 3 ad un carico utile massimo di 4800 kg per l'orbita geostazionaria. Il record per l'Ariane 4 GTO è stato di 4946 kg.

Ariane 4 AR 40 era la versione base del lanciatore, dotata di tre stadi, alta 58.4 metri, con un diametro di 3.8 metri, una massa di 245 tonnellate e un carico massimo di 2100 kg nell'orbita geostazionaria o di 5000 kg nell'orbita LEO. I motori principali, quelli cioè nel primo stadio, erano quattro Viking 5 che producevano 667 kN di spinta. Il secondo stadio era dotato di un singolo Viking e il terzo stadio di un motore HM7 (ossigeno e idrogeno liquido).

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il razzo venne utilizzato con molte varianti, con due o quattro motori addizionali, booster, a combustibile solido o liquido. In particolare i booster a propellente liquido furono una novità assoluta in occidente essendo l'unico precedente verificatosi con il Programma Spaziale Cinese.[3]

Il lanciatore includeva un sistema di gestione dei satelliti da lanciare chiamato Spelda (Structure Porteuse Externe pour Lancements Doubles Ariane) per poter lanciare uno o più satelliti contemporaneamente.

La variante AR 44L con quattro razzi addizionali liquidi a sgancio era un lanciatore a 4 stadi pesante 470 tonnellate e in grado di trasportare 4730 kg in orbita geostazionaria o 7600 kg in orbita LEO.[4]

Lanci[modifica | modifica wikitesto]

Sito di Lancio CSG nella Guyana Francese

Nel periodo di servizio con i suoi 116 lanci, l'Ariane4 fu uno dei più importanti lanciatori a livello europeo e mondiale per i lanci di satelliti commerciali.

Modello Lanci Successi Data fallimento
AR 40
7
7
-
AR 42L
13
13
-
AR 42P
15
14
1º dicembre 1994
AR 44L
40
39
22 febbraio 1990
AR 44LP
26
25
24 gennaio 1994
AR 44P
15
15
-

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Ariane 4, un défi pour l'Europe spatiale, su ariane.cnes.fr, 2 dicembre 2014. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  2. ^ a b c (EN) History of the Ariane workhorse, su esa.int. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  3. ^ Harvey 2003, p. 179.
  4. ^ (EN) Ariane 4, su esa.int. URL consultato il 22 dicembre 2019.
Primo lancio di un Ariane 4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica