Andradite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andradite
Andradite-Mali.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10[1]) 9.AD.25[1]
Formula chimica {Ca3}[Fe3+2](Si3)O12[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino monometrico[2]
Sistema cristallino isometrico[2]
Classe di simmetria esottaedrica[2]
Parametri di cella a=12,031(1) Å, V=1741,5(5) Å³[3]
Gruppo puntuale 4/m32/m[2]
Gruppo spaziale Ia3d[2]
Proprietà fisiche
Densità misurata 3,8-3,9[1] g/cm³
Densità calcolata 3,859[1] g/cm³
Durezza (Mohs) 6½-7[1]
Sfaldatura  
Frattura  
Colore giallo, da giallo verdastro a verde smeraldo, verde scuro, marrone, rosso brunastro, giallo brunastro, nero grigiastro, nero[1]
Lucentezza  
Opacità  
Striscio bianco[1]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

L'andradite o granato ferrino, è un minerale, prevalentemente ortosilicato di calcio e ferro, strutturalmente appartenente ai nesosilicati e appartenente al gruppo del granato[2].

Ha ricevuto questo nome in omaggio al mineralogista brasiliano José Bonifácio de Andrada e Silva che la descrisse per primo con il nome di allochroite[2]. L'hydrougrandite è probabilmente un'andradite ricca di OH.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il colore tipico dell'andradite è il nero, è durissima, fragile e pesante, trasparente con lucentezza vitrea. L'andradite è fusibile e inattaccabile dagli acidi. Si rinviene frequentemente sotto forma di cristalli dodecaedrici rombici, di dimensioni da millimetriche a centimetriche, sparsi nella matrice rocciosa che li ingloba.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Sono conosciute alcune varietà dell'andradite distinte soprattutto il base al colore. La più nota è chiamata demantoide, di colore verde, utilizzata come gemma; la topazolite è di colore giallo mentre quella nera è chiamata melanite.

Località di rinvenimento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Andradite mineral information and data — mindat.org. URL consultato il 12 maggio 2015.
  2. ^ a b c d e f g h Grew, p. 808
  3. ^ Hazen, p. 354

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia