Vesuvianite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vesuvianite
Vesuvianite-ve013b.jpg
Classificazione Strunz9.BG.35
Formula chimicaCa10Mg2Al4(SiO4)5(Si2O7)2(OH)4[1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinodimetrico
Sistema cristallinotetragonale
Parametri di cellaa=15,66 b=11,85 c=4
Gruppo puntuale4/m
Gruppo spazialeP 4/n
Proprietà fisiche
Densità3,35-3,45[1][2] g/cm³
Durezza (Mohs)6.5 [1][2]
Sfaldaturapovera, indistinta[1][2]
Fratturairregolare, Sub-concoide[1][2]
Coloremarrone[1][2], marrone-nero[2], giallo[1][2], verde[1][2], bianco[1][2], blue [1][2], rosso[2], viola[2], color porpora[2]
Lucentezzavitrea o resinosa[1][2]
Opacitàda trasparente a lucida[2], da sub-trasparente a sub-traslucida[1]
Strisciobianco[1][2]
Diffusioneabbastanza raro[3]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La vesuvianite o vesuviana o idocrasio è un minerale, un sorosilicato che cristallizza in rocce metamorfiche ricche di calcio. Deve il suo nome al luogo in cui si trova in abbondanza, il Monte Vesuvio. Esiste anche nelle varietà californite, ciprina, wiluite e xantite.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

Frequentemente si trova in forma di cristalli prismatici quadrangolari od ottagonali tozzi, terminanti su un lato (raramente su due) con pirmaidi a base quadrata smussata in cima. Si può trovare anche in abito massivo, sia colonnare che granulare.[3]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La vesuviana si trova in calcari interessati da metamorfismo di contatto. Esistono altre due varietà: la californite, la ciprina, la wiluite, la xantite.[3]

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Si trova in rocce metamorfiche ricche di calcio, quali rocce calcareee impure, spesso associata a granati di vario tipo (grossularia, andradite), wollastonite, diopside, clorite.[3]

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi in Italia: Monte Vesuvio e Monte Somma (Campania), Monzoni e Adamello (Trentino Alto Adige), Val d'Ala (Piemonte), Valle della Gava (Liguria), Val Malenco (Lombardia), tufi laziali (Lazio), tufi Sardi (Sardegna), Bellecombe presso Châtillon (Val d'Aosta).[3]

Numerosi sono i paesi da cui provengono cristalli di Vesuvianite, quali Messico, Oregon, California, Russia, Cina, Canda, Svizzera, Norvegia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Scheda tecnica del minerale su webmineral.com
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Scheda tecnica del minerale su mindat.org
  3. ^ a b c d e f Annibale Mottana, Rodolfo Crespi, Giuseppe Liborio, "Minerali e rocce", Mondadori Editore, 1977"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.
Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia