Alfonso Santagata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alfonso Santagata (San Paolo di Civitate, 18 ottobre 1947) è un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi alla Civica scuola d'arte drammatica di Milano, dopo alcune esperienze come attore con Luca Ronconi, Dario Fo e Carlo Cecchi, con il quale interpreta, fra l'altro, L'uomo la bestia e la virtù, Il borghese gentiluomo e Don Giovanni.

Ha costituito un durevole sodalizio con Claudio Morganti. Insieme hanno fondato la compagnia teatrale Katzenmacher[1], rivelandosi con l'omonimo spettacolo (1980), una storia di emarginazione di emigranti in Germania e insieme lavoro sulla memoria e sulla lingua. Da allora, fedeli a una sorta di poetica della marginalità e della devianza, hanno creato numerosi spettacoli, spesso riscrivendo testi letterari di autori come Büchner, Beckett, Cervantes, Dostoevskji: Büchner mon amour (1981); En passant (1983); Il calapranzi (1984); Mucciana city (1984); Hauser Hauser (1986); Saavedra (1988); Finale di partita (1990); Omsk (1990); Il guardiano (1992).

Sciolto il sodalizio con Morganti, è rimasto direttore artistico della compagnia, proseguendo con giovani attori il lavoro di reinterpretazione moderna della farsa e della tragedia (Petito strenge, 1996[2]; Ubu scornacchiato, 1997; Ubu 'u pazz, 1998; Isaia l'irriducibile, 2000). Sono seguiti: Se tujur la nuì (2001); Tragedia a Gibellina (2002)[3]; Apparizioni (2002); Le voci di dentro (2004); Il sole del brigante (2005); Il teatro comico (2006).

Tra le sue interpretazioni cinematografiche, quelle nelle pellicole Pranzo di Ferragosto (2008), Noi credevamo (2010), La città ideale (2012) e L'intrepido (2013).

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

con Claudio Morganti:

  • Katzenmacher (1979)
  • Büchner mon amour (1981)
  • En passant (1983)
  • Mucciana City (1984)
  • Hauser Hauser (1986)
  • Dopo (1987)
  • Andata e ritorno (1987)
  • Saavedra (1988)
  • L’alba sotto casa Steinberg (1988)
  • Pa ublié (1989)
  • Omsk (1990)
  • Redmun (1991)
  • Scente (1992)

dopo Claudio Morganti:

  • Sonnorubato (1993)
  • Terra sventrata (1994)
  • Polveri (1995)
  • Tamburnait (1996)
  • King Lear (1996),
  • Petito strenge (1996)
  • Ubu scornacchiato (1997)
  • Ubu ‘u pazz (1998)
  • Tragedia a mmare (1999)
  • EIDOS (Apparizioni) (1999)
  • Isaia l’irriducibile (2000)
  • Se la nuì (2001)
  • Se tujur la nuì (2001)
  • Tragedia a Gibellina (2002)
  • Apparizioni (2002)
  • Affronti (2003)
  • Il sole del brigante (2005)
  • Tremendo/Meraviglioso (2007)
  • Animenere (2008)
  • Teste deboli (2009)
  • Farsa madri (2010)
  • Rivolta e pietas (2012)
  • Contrasto (2013)
  • Esterni scespiriani (2014)
  • Interni scespiriani (2015)
  • Calibano l’affarista (2015)
  • La morte di Danton (2016)
  • Karonte (2016)
  • I malvagi (2017)
  • Gori l’anarchico (2017)
  • Gli Ubu a Ravi (2018)
  • Il mio Caino (2018)
  • Gli Ubu a Torre Luciana (2019)
  • Le solitudini (2019)
  • La Pia secondo sguardo (2020)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Compagnia Teatrale Katzenmacher, su katzenmacher.it.
  2. ^ Massimo Marino, Così Santagata riscopre Ciccillo e il «malamente» (PDF), su l'Unità, 31 dicembre 1996, p. 2.
  3. ^ Cristina Valenti, Antigone al cretto di Gibellina, su arivista.org, ottobre 2002.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cristina Valenti, Katzenmacher. Il teatro di Alfonso Santagata, Zona, 2004, ISBN 9788887578690

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60020260 · LCCN (ENn2004041453 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004041453