Albatros L 59

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albatros L 59
Albatros L59.jpg
Descrizione
Tipoaereo da turismo
Equipaggio1
CostruttoreGermania Albatros
Data primo volo1923
Esemplari1
Altre variantiAlbatros L 60
Dimensioni e pesi
Lunghezza5,40 m
Apertura alare10,30 m
Altezza2,65 m
Superficie alare10,0
Allungamento alare8,5
Peso a vuoto353 kg
Peso carico485 kg
Capacità combustibile57 kg
Propulsione
Motoreun Siemens-Halske Sh 4
Potenza56 CV (41 kW)
Prestazioni
Velocità max150 km/h
Velocità di salitaa 1 000 m in 9 min
Autonomia525 km
3 h 30 min
Quota di servizio3 000 m

i dati sono estratti da German Aviation 1919-1945[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Albatros L 59 era un monomotore da turismo ad ala bassa, realizzato in un solo esemplare dall'azienda tedesca Albatros Flugzeugwerke GmbH negli anni venti.[2]

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale

Con il termine della prima guerra mondiale e la ratifica del Trattato di Versailles da parte delle nazioni che vi avevano partecipato, l'aviazione dell'oramai smembrato Impero tedesco era stata drasticamente ridotta ed i voli, dopo che inizialmente vennero vietati, ripresero solo dopo qualche tempo limitatamente ai servizi di trasporto civile. La timida rinascita del mercato dell'aviazione nella neofondata Repubblica di Weimar indusse alcune aziende a sviluppare nuovi modelli da destinare al mercato dell'aviazione generale.

L'Albatros incaricò il proprio ufficio tecnico di disegnare un modello adatto allo scopo. Per poter competere con le altre aziende concorrenti venne pianificato un progetto che si sviluppasse da una base comune, un monoposto, identificato come L 59, adatto per il volo turistico ed un biposto, identificato come L 60, che aveva una maggior duttilità ed adatto per la sua conformazione anche ad essere utilizzato come aereo da addestramento.

Il monoposto L 59 era caratterizzato da una fusoliera a sezione rettangolare dotata di un singolo abitacolo aperto, che terminava posteriormente in un classico impennaggio di coda monoderiva. L'ala era montata bassa a sbalzo, collegata nella parte inferiore ad un largo carrello d'atterraggio fisso "a pantalone". Adatto ad essere motorizzato con propulsori da bassa potenza, attorno ai 60 hp, il gruppo motoelica era posizionato all'apice anteriore della fusoliera in configurazione traente.

L'unico esemplare realizzato, WerkNr. 10007, venne portato in volo per la prima volta nel corso del 1923 quindi immatricolato D-632.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Albatros L 59, su German Aviation 1919-1945, http://www.histaviation.com/index.html. URL consultato il 18 gennaio 2009.
  2. ^ Taylor 1989, p. 55.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, London, Studio Editions Ltd., 1989, ISBN 0-517-10316-8.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]