Ziggy Marley and the Melody Makers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ziggy Marley and the Melody Makers
Paese d'origine Giamaica Giamaica
Genere Reggae fusion[1]
Periodo di attività 1979-2000
Etichetta Mango
Elektra
MCA
Atlantic
RAS
Album pubblicati 13
Studio 10
Live 1
Raccolte 2
Gruppi e artisti correlati Ziggy Marley
Bob Marley

Gli Ziggy Marley and the Melody Makers sono un gruppo reggae giamaicano fondato da quattro figli di Bob e Rita Marley.

Storia[2][modifica | modifica sorgente]

Il gruppo nasce nel 1986 da una precedente richiesta del padre. Inizialmente Ziggy era visto come frontman del gruppo, anche se Stephen partecipava alla stesura dei testi e vestiva la stessa importanza del fratello maggiore nel gruppo. Il primo singolo si chiama Children Playing in the Streets, risale al 1979, ed è scritto da Bob Marley, e verrà cantato da Ziggy e Stephen al funerale del padre, nel 1981. Il secondo singolo è What a Plot, prodotto dalla Tuff Gong, che suonano al Reggae Sunsplash. Nel 1984 i quattro collaborano con un produttore britannico, Steve Levine, che li porterà a produrre il primo album, Play the Game Right. Nel 1986 arriva il secondo album, Hey World!, in cui Stephen si fa notare affiancandosi a Ziggy come leader del gruppo. Dopo l'album il gruppo parte per il primo tour, accompagnato da Nadine Sutherland e dalle I-Threes.

Nel 1988 il gruppo ha già ottenuto una buona popolarità, e si chiude in studio con Tina Weymouth e Chris Frantz dei Talking Heads pre registrare il nuovo album, Conscious Party, che vince il Grammy Award come Miglior album reggae; il singolo Tomorrow People è una grande hit. Nel 1989 viene pubblicato One Bright Day, che vince ancora il Grammy e si posiziona al 26º posto nella classifica statunitense. L'anno successivo i quattro pubblicano Jahmekya, che però non ottiene un buon successo, viene nominato ai Grammy Awards ma vince Time Will Tell - a Tribute to Bob Marley di Bunny Wailer ed il singolo Good Time passa praticamente inosservato.

Il gruppo decide allora di cambiare direzione, tornando al roots classico, e viene accompagnato in studio da Aston Barrett, già bassista dei Wailers, per realizzare Joy & Blues: Ghetto Youths United che verrà pubblicato nel 1993 per la Virgin Records. L'etichetta realizza la prima raccolta, The Best of: 1988-1993, che contiene 17 singoli del passato. Successivamente i Melody Makers fondano l'etichetta Ghetto Youth United, in collaborazione con Elektra Entertainment con cui pubblicano nel 1995 Free Like We Want 2 B, un album più R'n'B. Due anni dopo esce Fallen is Babylon, un album che mescola R'n'B e raggamuffin, che li porta a vincere un altro Grammy Awards. Nel 1998 tornano al Reggae Sunsplash e, prima dell'arrivo del nuovo millennio, pubblicano Spirit of Music. L'ultimo lavoro è Ziggy Marley & the Melody Makers Live Vol. 1, pubblicato nel 2000.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Album live[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) allmusic.com - Melody Makers. URL consultato il 29-07-2009.
  2. ^ (EN) allmusic.com - Melody Makers - Biografia. URL consultato il 29-07-2009.
reggae Portale Reggae: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di reggae