Urbano Lazzaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Urbano Lazzaro "Bill"
Casa De Maria.jpg
4 novembre 1924 - 3 gennaio 2006
Soprannome Bill
Nato a Quinto Vicentino
Morto a Vercelli
Cause della morte morte naturale
Dati militari
Paese servito Italia
Forza armata CVL
Corpo CVL
Grado vice Commissario politico
Guerre Resistenza italiana
Comandante di 52ª Brigata Garibaldi "Luigi Clerici"
Altro lavoro Finanziere

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Urbano Lazzaro, nome di battaglia Bill (Quinto Vicentino, 4 novembre 1924Vercelli, 3 gennaio 2006), è stato un partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In servizio alla Guardia di Finanza, dopo l'armistizio, fu catturato dalle SS ma riuscì a fuggire ed a raggiungere le formazioni partigiane della Resistenza nel comasco.
Divenne vice-commissario politico della 52ª Brigata Garibaldi "Luigi Clerici", con il nome di battaglia "Bill".

Il 27 aprile 1945 Lazzaro sale, per un controllo, a bordo del quinto camion di una colonna di tedeschi in ritirata e identifica Benito Mussolini in fuga, travestito da tedesco: prontamente lo arresta e lo consegna alle alte autorità del Comitato di Liberazione Nazionale.

Nelle memorie che ha pubblicato rivela che a giustiziare Mussolini, non sarebbe stato Walter Audisio ma Luigi Longo in persona. Questa rivelazione, che fu fatta per la prima volta a Wladimiro Settimelli, redattore de l'Unità, non ha ancora trovato riscontri.

Al termine della seconda guerra mondiale, diventato funzionario di una società idroelettrica, si trasferisce in Brasile, a Rio de Janeiro, dove si sposa diventando padre di tre figlie. Ritorna poi in Italia, nel paese natale della moglie San Germano Vercellese, dove nel 1997 partecipa ad una conferenza, in un circolo post-fascista, durante la quale definisce "arbitraria" l'esecuzione del prigioniero eccellentissimo. Questo, unito alle precedenti rivelazioni, gli attira le diffidenze dei suoi ex compagni.

Muore a Vercelli il 3 gennaio 2006

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Urbano Lazzaro, Dongo mezzo secolo di menzogne, Arnoldo Mondadori Editore, 1993, ISBN 8804367628 255.
  • Urbano Lazzaro, Il compagno Bill: diario dell'uomo che catturò Mussolini, SEI, Torino, 1989.
  • Urbano Lazzaro, L'oro di Dongo: il mistero del tesoro del Duce, A. Mondadori, 1995.
  • Pier Luigi Bellini delle Stelle, Urbano Lazzaro, Dongo ultima azione, Mondadori, Milano, 1962.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Cavalleri, Ombre sul lago. I drammatici eventi del Lario nella primavera-estate 1945, Mario Chiarotto Editore, 2007.
  • R. Festorazzi, I veleni di Dongo, ovvero, Gli spettri della Resistenza, il minotauro, 2004.
  • F. Giannantoni, L'ombra degli americani sulla Resistenza al confine tra Italia e Svizzera, Mario Chiarotto Editore, 2007.
  • V. Roncacci, La calma apparente del lago: Como e il Comasco tra guerra e guerra civile 1940-1945, Macchione, 2003.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] Dongo, le verità del partigiano Bill, Corriere della Sera, 31 maggio 1993
  • [2] Addio a Urbano Lazzaro il partigiano che arrestò Mussolini, Corriere della Sera, 5 gennaio 2006

Controllo di autorità VIAF: 9907220 LCCN: n92011075