Udon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio della serie anime e manga Naruto, vedi Ninja del Villaggio della Foglia#Udon.
Udon
Udon by udono-2.jpg
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria primo piatto
Ingredienti principali
 
Tempura udon

L'udon (饂飩?) (scritto anche come うどん) sono una varietà di noodles preparati con farina integrale di grano, tipici della cucina giapponese[1][2].

Sono di solito serviti come zuppa di noodle in brodo caldo, possono essere cucinati in diverse maniere, utilizzando diversi tipi di brodo ed accompagnandoli con diversi tipi di contorni aggiunti alla zuppa[3].

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda la data di introduzione di tale pietanza in Giappone vi sono date diverse[4] mentre storicamente la maggiore consumazione di tale cibo si registra nel periodo Edo (1603-1868).

La più antica descrizione della loro preparazione la si ritrova nel libro di ricette Ryori monogatari (料理物語, storie di cucina), del 1643 e in quel periodo era molto diffusa nella zona intorno Osaka e Kyoto.[5]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Composto da farina di frumento, sale e acqua, la sua consistenza è morbida ed elastica, ed è facile la sua preparazione al pari del soba.[6]

Tipi di Udon[modifica | modifica sorgente]

Udon caldi[modifica | modifica sorgente]

Kake Udon
  • Kake udon (掛けうどん?) ( o かけうどん), contengono pesce o salsa di soia (ma anche entrambe). Vi sono molti contorni con cui viene servita[7]
  • Kitsune
  • Tempura udon
  • Tanuki udon
  • Tsukimi udon
  • Wakame udon
  • Karē udon
  • Chikara udon
  • Stamina (sutamina) udon: "Stamina udon".
  • Nabeyaki udon
  • Kamaage udon
  • Udon-suki
  • Yaki udon
  • Misonikomi
  • Houtou udon

Udon freddi[modifica | modifica sorgente]

Bukkake udon
  • Zaru udon
  • Bukkake udon (ぶっかけうどん?), si tratta di una pietanza facile da preparare, servita sia calda che fredda, si utilizzano vari ingredienti e poi viene condita con sugo[8]


Possono includere:

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Esistono diverse varianti sia per forma che per spessore.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Zaru udon

La Prefettura di Kagawa ha investito molto nella promozione di tale cibo, vi è una famosa raccolta di 5 libri intitolati Osorubeki Sanuki Udon (恐るべきさぬきうどん?), il cui primo volume venne pubblicato da Kazutoshi Tao, e con il tempo è diventata una guida per appassionati [9]

Nel 1984 venne fondata la Sanuki Udon Kenkyūkai (さぬきうどん研究会?),[10]si tratta di una società in cui molti membri hanno dei rapporti molto stretti con la varie aziende produttrici di Udon, ma vi sono anche molti docenti universitari.

Ogni anno, il 2 luglio, sempre nella Prefettura di Kagawa si festeggia il giorno dell'Udon.

Il 2006 è uscito il film Udon, regia di Katsuyuki Motohiro, basato su una storia vera, che narra della crescita improvvisa della richiesta del prodotto e il ricavo economico che ne conseguì.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Christopher Kilham, The Whole Food Bible: How to Select & Prepare Safe, Healthful Foods, Inner Traditions / Bear & Co, 1996, p. 180. ISBN 089281626-0.
  2. ^ Aveline Kushi, Alex Jack, Guida Completa Alla Cucina Macrobiotica, Edizioni Mediterranee, 1993, p. 112. ISBN 882720271-4.
  3. ^ (EN) Udon Noodles in japan-guide.com. URL consultato il 24/04/2014.
  4. ^ Hiroko Shimbo: The Japanese kitchen: 250 recipes in a traditional spirit, Harvard Common Press, 2001, ISBN 978-1-55832-177-9. pp. 156–157
  5. ^ Matsunosuke Nishiyama, Gerald Groemer: Edo culture: daily life and diversions in urban Japan, 1600-1868, University of Hawaii Press, 1997. ISBN 978-0-8248-1850-0. pag. 222
  6. ^ Shizuo Tsuji, M.F.K. Fisher, Japanese Cooking: A Simple Art. Cookery, Food and Drink Series, 25ª edizione, Kodansha International, 2007, pag 306. ISBN 978-4-7700-3049-8.
  7. ^ Robb Satterwhite: Soba and Udon (Buckwheat and Thick White Noodles). In: What's what in Japanese restaurants: a guide to ordering, eating, and enjoying, Kodansha International, 1996, ISBN 978-4-7700-2086-4. pp. 71–77.
  8. ^ (EN) The Udon Odyssey in apref.kagawa.jp. URL consultato il 24/04/2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2012).
  9. ^ (EN) 'Sanuki udon' is slurping its way into Japanese hearts in The Japan Times Online. URL consultato il 24/04/2014 (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ (EN) The Sanuki Udon Society in apref.kagawa.jp. URL consultato il 24/04/2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2012).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]