Tschurtschenthaler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Tschurtschenthaler (pronuncia [ˌʧurʧen'talə:]) è un nome di famiglia sudtirolese, piuttosto diffuso soprattutto in val Pusteria.

Questo cognome viene spesso indicato come uno dei cognomi italiani più lunghi (se non il più lungo in assoluto), essendo scritto con 18 lettere[1]. Il nome deriva dal toponimo Tschurtschenthal (letteralmente "valle delle Pigne"[2]), località nei pressi di Sesto. Non a caso, Tschurtschenthaler è il cognome più diffuso in questo comune[3], anche se lo si trova in numerose altre località, anche al di fuori dell'Alto Adige, nonché in Germania e in Austria[4]. Il cognome è pure attestato con grafia italiana come Ciurcentaler[5].

Nella sua opera di "restituzione" in italiano dei cognomi sudtirolesi, il senatore Tolomei "traduceva" Tschurtschenthaler con "Pigna, Dallepigne, Dallavalle, Valle".

La famiglia è di antica origine[6], e nel corso della storia numerose personalità con questo cognome si sono rese celebri. In particolare, si possono ricordare:

  • Johann Tschurtschenthaler (1828-1893), che fu, dal 1869 al 1877, borgomastro di Innsbruck che lo fece cittadino onorario e gli ha dedicato una via,
  • Georg von Tschurtschenthaler (m. 17 dicembre 1943[7]), cantante lirico (baritono), che ha tra l'altro registrato nel 1930 un'edizione del Tannhäuser con l'orchestra del Festival di Bayreuth,
  • Mons. Johann Tschurtschenthaler (1890-1975), che fu a lungo caporedattore del „Katholisches Sonntagsblatt“ di Bressanone[8],
  • Paul Tschurtschenthaler (Brunico, 2 luglio 1874 - Bregenz, 19 dicembre 1941), giudice e letterato, che scrisse numerose opere sui costumi e sulle tradizioni popolari della val Pusteria e del Tirolo del Sud[9].
  • Ivo von Tschurtschenthaler (1885 - 1969), architetto, studioso delle architetture rurali tradizionali.

Oggi:

  • Christian Tschurtschenthaler (n. a Brunico il 21/12/1958, della SVP), sindaco di Brunico dal 09/05/2005.
  • Agnes Tschurtschenthaler (n. 12-1-1982), atleta, specialista di mezzofondo (nel 2008 è stata campionessa italiana indoor sui 1500 e argento nei 1500 e 3000 siepi all'aperto[10])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marcella Gaudina, "L'Italia dei cognomi", articolo del 28-3-2004 su news2000.libero.it (consultato 4-1-2009)
  2. ^ Demetz (1996: 104): "Tschurtsch = Tannenzapfen" (cioè: "pigna")
  3. ^ Risultato del motore di ricerca per i cognomi in Trentino-Alto Adige. (consultato il 4-1-2009)
  4. ^ Per la distribuzione in Italia, si può consultare il sito Gens; per quella in Germania e Austria, il sito Geogen.
  5. ^ Carlo Ciurcentaler fu un volontario caduto della prima guerra mondiale nato a Trento nel 1894 e morto a Caporetto il 2 dicembre 1915, come ricorda una targa visibile sul sito Pro Hereditate. (consultato 4-1-2009)
  6. ^ Su origine e storia della famiglia, v. Tschurtschenthaler (1941).
  7. ^ Dati desunti da Rosenthal (1954), p. 180. V. anche Kutsch & Riemens (1991: 1874), s.v.
  8. ^ Su di lui si veda Mitterrutzner (2005)
  9. ^ Una breve scheda biografica con fotografia si trova sul sito delle edizioni Raetia. Per le sue pubblicazioni, si veda la bibliografia.
  10. ^ V. la scheda IAAF e l'articolo "Gran Premio del Mezzofondo: il festival della corsa premia Agnes Tschurtschenthaler e Stefano Cugusi" di Fidal Trentino Magazine', 6 agosto 2008(consultato 4-1-2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ausstellung zum Gedenken an den Architekten Ivo von Tschurtschenthaler: 1885 - 1969; in der Dominikanergalerie im Februar 1970, Bozen 1970.
  • (DE) Hanspeter Demetz, Lexikon Südtirolerisch-Deutsch, Bolzano, Rætia, 1996. - ISBN 88-7283-089-3
  • (DE) Alexia Mitterrutzner, Johann Tschurtschenthaler: ein Leben für die Heimat Südtirol in der Zeit der Not, Vahrn, Suedmedia, 2005
  • (DE) K. J. Kutsch, Leo Riemens, Grosses Sängerlexikon: Ergänzungsband, Francke, 1991. - ISBN 3317017635
  • (EN) Harold Rosenthal (ed.), Opera Annual 1954-1955, London, John Calder, 1954 ("Appendix III. Operatic Obituary - September 1939 to September 1954", pp. 179–183)
  • Ettore Tolomei, La restituzione del cognome atesino. Elenco dei cognomi dell'Alto Adige deformati o stranieri, con le forme adottate per la restituzione o versione, 1936-XVI, rist. anastatica a cura del Südtiroler Heimatbund col titolo Die gewaltsame Italianisierung der Familiennamen in Südtirol. Wie wäre heute mein Familienname?, Bolzano, 2003.
  • Ivo Tschurtschenthaler Alte Hoftipen (sic) der Bozner Gegend. Dokumente ihrer Eigenart. In Lichtbild, Bauzeichnungen und Wort, Innsbruck, Tiroler Graphik, 1959.
antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi