Timothy Nolen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Timothy Nolen (Rotan, 9 giugno 1941) è un baritono statunitense, noto soprattutto per i suoi ruoli in opere e musical.

È molto noto per essere stato il primo baritono ad interpretare Sweeney Todd nella prima versione operistica del musical di Stephen Sondheim Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street, al Houston Grand Opera, nel 1984.[1]. Inoltre, Nolen ha recitato e cantato numerose volte nel musical Sweeney Todd, sia nel ruolo del protagonista, che in quello del Giudice Turpin (ad esempio nel concerto a San Francisco nel 2001, con George Hearn, Patti LuPone e Neil Patrick Harris).

Il suo debutto a Broadway avviene nel 1985, quando interpreta Doyle nell’edizione originale del musical Grind di Larry Grossman, ottenendo una nomination al Drama Desk Award. L’anno successivo interpreta il personaggio principale del musical di Andrew Lloyd Webber The Phantom of the Opera, ottenendo un grandissimo successo. Alcuni anni dopo appare come ospite speciale nella serie televisiva I Soprano.

La sua carriera come baritono in opere liriche comincia quando aveva vent’anni, con ruoli minori in produzioni statunitensi, tra le quali: Rigoletto (Marullo), Carmen (Morales) e Otello (Montano).

Il 1º ottobre 1996, Nolen debuttò al Metropolitan Opera nell’opera La sposa venduta, diretta da James Levine. Nel 2001 è tornato al Met nell’opera La vedova allegra, al fianco di Plácido Domingo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.sondheimguide.com
  2. ^ Nolen&psearchtype= San Francisco Opera Archives