Timo Bortolotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mondina, 1936 (Fondazione Cariplo)
Monumento al Passo del Tonale

Timo (Timoteo) Bortolotti (Darfo, 15 giugno 1884Milano, 15 ottobre 1954) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Angelo, conoscitore del marmo e gestore di alcune cave di porfido nella Valle Camonica, al quale subentrò nell'attività dopo la morte, avvenuta nel 1892.
Prima di partire per la Prima guerra mondiale, frequenta l’Accademia di Brera per un breve periodo. Subito dopo, a Brescia si afferma come scultore e realizza il Monumento ai caduti del Passo del Tonale (1923). Nel 1924 si trasferisce a Milano: a contatto con il Novecento Italiano, il suo originario verismo si indirizza verso un classicismo austero. Realizza nel 1925 il monumento ai caduti a Castel Goffredo[1][2] . Nel 1930 è invitato, per la prima volta, alla XVII Esposizione internazionale d'arte di Venezia e, di conseguenza, si moltiplicano le commissioni pubbliche. Nel 1932 la Galleria d’arte moderna di Milano acquista una sua opera. Il 1935 è l’anno dei riconoscimenti: gli viene assegnato il premio Savoia-Barbante di Roma, tiene la sua prima personale alla galleria Dedalo di Milano e partecipa alla Seconda Quadriennale nazionale d’arte di Roma. L’anno successivo parte per l’Africa. Nel 1937 riceve il Gran premio all’Esposizione Internazionale di Parigi.

Opere monumentali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Di Genova, Storia dell'arte italiana del '900. Vol.I, Bologna, 1994.
  2. ^ Panzetta, p.13.
  3. ^ Panzetta, p.15.
  4. ^ Panzetta, p.16.
  5. ^ Copertina de "La Domenica del Corriere", 14 settembre 1924.
  6. ^ Trentino Alto Adige, Guide Rosse d'Italia, a cura del Touring Club Italiano, 1996, Milano
  7. ^ Ponte di Legno.it. Le chiese
  8. ^ Panzetta, p.21.
  9. ^ Eremo di Bienno
  10. ^ Panzetta, p.23.
  11. ^ Panzetta, p.24.
  12. ^ Panzetta, p.26.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfonso Panzetta, Timo Bortolotti (1884-1954), Firenze, 1996. ISBN non esistente.
  • Giorgio Di Genova, Storia dell'arte italiana del '900. Vol.I, Bologna, 1994. ISBN non esistente.
  • Antonella Crippa, Timo Bortolotti, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.
  • Comune di Brescia-Associazione Artisti Bresciani (a cura di), Timo Bortolotti scultore, Milano, 1988. ISBN non esistente
  • Pro Loco Castel Goffredo (a cura di), Castel Goffredo. Lo scrigno dei venti, Guidizzolo, 2007. ISBN non esistente
  • Vivi la città 1999-2000 (a cura di), Comune di Castel Goffredo, Mantova, 1999.
  • Vincenzo Vicario, Gli scultori italiani dal Neoclacissimo al Liberty, 1994, Pomerio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]