The Chick Corea Songbook

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Chick Corea Songbook
Artista The Manhattan Transfer
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 settembre 2009
Durata min : s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Jazz
Etichetta Four Quarters Entertainment
Produttore The Manhattan Transfer, Yusuf Ghandi
Registrazione Bennett Studios, Englewood, Broken Wave Studios, Glendale, Conway Studios, Hollywood, Moonpeople Studios, Northridge, 2009.
Formati CD
The Manhattan Transfer - cronologia
Album successivo
/
/

The Chick Corea Songbook è un album del gruppo vocale statunitense The Manhattan Transfer pubblicato nel 2009 dalla Four Quarters Entertainment che raggiunse la decima posizione nella classifica Jazz Albums statunitense.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Come intuibile dal titolo, l'album è un omaggio in chiave vocalese al pianista jazz Chick Corea che, per l'occasione, compose e suonò la nuova Free Samba che apre e chiude il disco.[1][2]

L'album racchiude brani che percorrono gran parte della carriera di Corea, ma in particolare del suo periodo con i Return to Forever. Spain, ad esempio, è una canzone tratta dall'album del gruppo capitanato da Corea con Stanley Clarke Light as a Feather del 1972, poi reintitolata I Can Recall nella versione di Al Jarreau del 1980 per il suo This Time. Jarreau aggiunse al testo originale di Artie Maren una parte prettamente vocalese, mentre il preludio fu aggiunto da Corea nelle sue versioni dal vivo anche acustiche. Sempre da Light as a Feather proviene 500 Miles High, mentre Another Roadside Attraction è una versione di Space Circus, contenuta nel successivo Hymn of the Seventh Galaxy.[2]

Nel disco sono presenti inoltre due Children's Song tra le tante che Corea compose dopo la prima contenuta proprio in Light as a Feather dei Return to Forever, qui reintitolata La Chanson Du Bébé con un nuovo testo di Janis Siegel e di Cheryl Bentyne. Children's Song #15 faceva invece parte dell'album Friends del 1978. Dallo stesso disco solista di Corea proviene The One Step, qui interpretata con un nuovo testo di Tima Hauser e di Van Dyke Parks e con la partecipazione di Don Shelton del gruppo vocale The Hi-Lo's che "fischietta" il tema.

Time's Lie fu composta nel 1972 da Corea per l'album Captain Marvel di Stan Getz nel quale il sassofonosta era accompagnato, di fatto, dalla formazione completa dei Return to Forever. Nella versione dei Manhattan Transfer il pianoforte è suonato da Fred Hersch che ha realizzato alcuni dischi in compagnia di Janis Siegel. Hersh è l'autore dell'arrangiamento e inoltre canta nel brano.[1] Pixiland Rag fu incisa da Corea nel suo The Leprechaun e Armando's Rhumba in My Spanish Heart entrambi del 1976.

Chick Corea è apparso durante l'esibizione dei Manhattan Transfer a Umbria Jazz nel luglio del 2010 interpretando con il quartetto vocale il brano Free Samba.[3]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Free Samba - (Chick Corea) - 5:14
  2. Spain (I Can Recall) Prelude - (Joaquín Rodrigo, Al Jarreau, Chick Corea, Artie Maren) - 3:10
  3. Spain (I Can Recall) - (Joaquín Rodrigo, Al Jarreau, Chick Corea, Artie Maren) - 6:37
  4. One Step Closer (The One Step) - (Van Dyke Parks, Chick Corea, Tim Hauser) - 5:16
  5. Children's Song #15 - (Chick Corea) - 1:16
  6. 500 Miles High - (Chick Corea, Neville Potter) - 6:52
  7. Another Roadside Attraction (Space Circus) - (Van Dyke Parks, Chick Corea, Tim Hauser, Basie Hauser) - 4:21
  8. Time's Lie - (Chick Corea, Neville Potter) - 3:55
  9. La Chanson Du Bébé (Children's Song #1) - (Janis Siegel, Cheryl Bentyne, Chick Corea) - 2:32
  10. Ragtime in Pixiland (Pixiland Rag) - (Chick Corea) - 1:46
  11. The Story of Anna & Armando (Armando's Rhumba) - (Janis Siegel, Chick Corea) - 6:15
  12. Free Samba (Extended Version) - (Joaquín Rodrigo, Al Jarreau, Chick Corea, Artie Maren) - 8:16

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • 2009CD, Four Quarters Entertainment FQT-CD-1819

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Jerry D'Souza, The Chick Corea Songbook in All About Jazz, 15 ottobre 2009. URL consultato il 22-10-2010.
  2. ^ a b (EN) Christopher Loudon, The Manhattan Transfer, The Chick Corea Songbook in JazzTimes, ottobre 2009. URL consultato il 22-10-2010.
  3. ^ Umbria Jazz ieri sera con Manhattan Trasfer e Randy Crawford in ANSA, 14 luglio 2010. URL consultato il 18-10-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) The Chick Corea Songbook in Discography, Dal sito ufficiale dei Manhattan Transfer. URL consultato il 18-10-2010.
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz