Vibrate (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vibrate

Artista The Manhattan Transfer
Tipo album Studio
Pubblicazione 28 settembre 2004
Durata 52 min : 58 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Jazz
Pop
Etichetta Telarc
Formati CD
The Manhattan Transfer - cronologia
Album precedente
(2003)
Album successivo
(2004)

Vibrate è un album del gruppo vocale statunitense The Manhattan Transfer, pubblicato nel 2004 dalla Telarc.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Vibrate fu il primo album in studio dei Manhattan Transfer dopo 4 anni. Come sua consuetudine il gruppo esplorò in questo disco una moltitudine di generi e di stili diversi, dal jazz più tradizionale a quello più moderno, con qualche accenno di musica sudamericana e etnica.

Walkin' in N.Y. è un brano pop con un ritmo cubano dedicato alla multiculturalità della "Grande Mela" composto da Brenda Russell.[1] Greek Song è una canzone dal sapore orientaleggiante incisa dal cantante e compositore Rufus Wainwright per il suo album di debutto del 2001.[2] Dello stesso Wainwright è Vibrate, la ballata romantica su un ritmo lentissimo di tango che dà il titolo all'album.[3]

The New JuJu Man è una versione vocale di Tutu, il brano di maggior successo di Miles Davis nel periodo del suo ritorno alle scene negli anni ottanta. Il brano fu composto da Marcus Miller per l'omonimo album del 1986 e nella versione dei Manhattan Transfer le parole, come consuetudine, sono composte da Jon Hendricks. La parte di tromba di Davis è interpretata in stile vocalese da Cheryl Bentyne, mentre l'accompagnamento strumentale è del trobettista Lew Soloff, membro del Manhattan Jazz Quintet ed ex-componente dei Blood, Sweat & Tears.

Doodlin' è un altro pezzo in stile vocalese dominato dalla voce di Cheryl Bentyne con un testo di Hendricks. Il brano è un vecchio blues del pianista Horace Silver inciso per la prima volta con Art Blakey per il debutto dei Jazz Messengers nel 1955.[3]

The Twelfth è un brano di jazz vocale più moderno, mentre Fist Ascendent è una composizione più sperimentale dominata da un ipnotico e sincopato ritmo tribale. Core of Sound è una versione in inglese della brasiliana Modinha di Antonio Carlos Jobim e Vinicius de Moraes, la prima esperienza dei Manhattan Transfer con i due grandi inventori della bossa nova nonostante il gruppo avesse già inciso un disco di musica brasiliana, Brasil, nel 1987.

Dopo il pezzo pop rock Feel Ascent, l'album si chiude con un classico di Gershwin, Embraceable You, e con una medley di Come Softly to Me e I Met Him on a Sunday, immancabile omaggio ai gruppi vocali del passato. La prima canzone fu un successo dei The Fleetwoods del 1959 arrivata al primo posto della Hot 100 di Billboard, mentre I Met Him on a Sunday proviene dal repertorio delle The Shillers.[4][5]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Walkin' in N.Y. - (Brenda Russel) - 3:55
  2. Greek Song - (Rufus Wainwright) - 4:43
  3. Vibrate - (Rufus Wainwright) - 4:30
  4. The New JuJu Man (Tutu) - (Marcus Miller, Jon Hendricks) - 5:43
  5. Doodlin' - (Horace Silver, Jon Hendricks) - 5:26
  6. The Twelfth - (John Yano) - 4:13
  7. First Ascent - (Billy Hulting, Bob Mair, Alan Paul) - 5:31
  8. Core of Sound (Modinha) - (Antonuio Carlos Jobim, Vinicius de Moraes, Alan Paul) - 4:58
  9. Feel Flow - (Jack Rieley, Carl Wilson) - 5:09
  10. Embraceable You - (George Gershwin, Ira Gershwin) - 4:11
  11. Come Softly to Me/I Met Him on a Sunday - (Gretchen Christopher, Barbara Ellis, Gary Troxel / Doris Coley, Addie Harris, Beverley Lee, Shirley Owens) - 4:39

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) William Ruhlmann, Paris Rain, Allmusic Guide. URL consultato il 14-10-2010.
  2. ^ (EN) Zac Johnson, Poses, Allmusic Guide. URL consultato il 14-10-2010.
  3. ^ a b (EN) Zac Johnson, Want, Allmusic Guide. URL consultato il 14-10-2010.
  4. ^ (EN) Scott Yanow, Mr. Blue, Allmusic Guide. URL consultato il 14-10-2010.
  5. ^ (EN) The Very Best of the Shirelles, Allmusic Guide. URL consultato il 14-10-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Vibrate in Discography, Dal sito ufficiale dei Manhattan Transfer. URL consultato il 14-10-2010.
  • (EN) The Manhattan Transfer - Vibrate, Dal sito Concord Music Group. URL consultato il 14-10-2010.
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz