Stefano Jossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stefano Jossa (Napoli, 1966) è uno storico della letteratura e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Napoli nel 1966, si è laureato in lettere con Giancarlo Mazzacurati presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" nel 1988 e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università degli Studi di Pisa nel 1993. Dal 1993 al 2007 è stato insegnante nella scuola italiana. Nel 2002-2003 è stato Fellow presso Villa I Tatti - The Harvard Centre for Italian Renaissance Studies e nel 2006 Stipendiat presso la Herzog August Bibliothek di Wolfenbüttel (Germania). Dal 2007 lavora presso Royal Holloway (University of London), prima come lecturer, poi come senior lecturer. Ha tenuto corsi su Dante, Petrarca, Boccaccio, il Rinascimento italiano, Ariosto, il Risorgimento, la costruzione dell'identità nazionale in Italia, il teatro italiano contemporaneo. Ha partecipato a numerose opere collettive, sia tra le più tradizionali, come il Dizionario biografico degli italiani, sia tra le più innovative, come il Dizionario dei temi letterari (Utet 2007) e l’Atlante della letteratura italiana (Einaudi 2010).

Attività[modifica | modifica sorgente]

L'attività di ricerca di Stefano Jossa si sviluppa principalmente lungo due direttrici: da un lato, la cultura del Rinascimento italiano, indagata soprattutto nei rapporti tra forme e ideologie; dall'altro lato, la costruzione dell'identità nazionale attraverso il discorso letterario. Collabora come recensore di libri e mostre alle pagine di Alias (giornale), supplemento culturale de il manifesto. Al centro della sua esperienza critica c'è l'idea dell'opera d'arte come campo di tensioni, in cui s'incontrano, dialogando, diversità e conflitti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Un paese senza eroi. L'Italia da Jacopo Ortis a Montalbano (Roma-Bari: Laterza, 2013).
  • (con Andrea Cortellessa, Davide Dalmas, Domenico Scarpa, Giancarlo Alfano, Matteo Di Gesù), Dove siamo? La letteratura in Italia, oggi (Palermo: duepunti, 2011).
  • (a cura di, con Yolanda Plumley e Giuliano Di Bacco), Citation, Intertextuality and Memory in the Middle Ages and Renaissance: Volume 1: Text, Music and Image from Machaut to Ariosto (Exeter: University of Exeter Press - Exeter Studies in History, 2011).
  • Ariosto (Bologna: Il Mulino, 2009).
  • (a cura di) Giancarlo Mazzacurati, L’albero dell’Eden. Dante tra mito e storia (Roma: Salerno Editrice, 2007).
  • L'Italia letteraria (Bologna: Il Mulino, 2006).
  • La fondazione di un genere. Il poema eroico tra Ariosto e Tasso (Roma: Carocci, 2001).
  • La fantasia e la memoria. Intertestualità ariostesche (Napoli: Liguori, 1996).
  • Rappresentazione e scrittura. La crisi delle forme poetiche rinascimentali (1540-1560) (Napoli: Vivarium, 1996).

Altri interventi culturali[modifica | modifica sorgente]

Contributi ad atti di convegni e miscellanee[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]