Stefano Jossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stefano Jossa (Napoli, 1966) è uno storico della letteratura e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Napoli nel 1966, si è laureato in lettere con Giancarlo Mazzacurati presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" nel 1988 e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università degli Studi di Pisa nel 1993. Dal 1993 al 2007 è stato insegnante nella scuola italiana. Nel 2002-2003 è stato Fellow presso Villa I Tatti - The Harvard Centre for Italian Renaissance Studies e nel 2006 Stipendiat presso la Herzog August Bibliothek di Wolfenbüttel (Germania). Dal 2007 lavora presso Royal Holloway (University of London), dove è stato lecturer, senior lecturer ed ora è reader. Ha tenuto corsi su Dante, Petrarca, Boccaccio, il Rinascimento italiano, Ariosto, il Risorgimento, la costruzione dell'identità nazionale in Italia, il teatro italiano contemporaneo. Ha partecipato a numerose opere collettive, sia tra le più tradizionali, come il Dizionario biografico degli italiani, sia tra le più innovative, come il Dizionario dei temi letterari (Utet 2007) e l’Atlante della letteratura italiana (Einaudi 2010).

Attività[modifica | modifica sorgente]

L'attività di ricerca di Stefano Jossa si sviluppa principalmente lungo due direttrici: da un lato, la cultura del Rinascimento italiano, indagata soprattutto nei rapporti tra forme e ideologie; dall'altro lato, la costruzione dell'identità nazionale attraverso il discorso letterario. Collabora come recensore di libri e mostre alle pagine di Alias (giornale), supplemento culturale de il manifesto. Al centro della sua esperienza critica c'è l'idea dell'opera d'arte come campo di tensioni, in cui s'incontrano, dialogando, diversità e conflitti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (con Claudia Boscolo), Scritture di Resistenza. Sguardi politici dalla narrativa italiana contemporanea (Roma: Carocci, 2014).
  • Un paese senza eroi. L'Italia da Jacopo Ortis a Montalbano (Roma-Bari: Laterza, 2013).
  • (con Andrea Cortellessa, Davide Dalmas, Domenico Scarpa, Giancarlo Alfano, Matteo Di Gesù), Dove siamo? La letteratura in Italia, oggi (Palermo: duepunti, 2011).
  • (a cura di, con Yolanda Plumley e Giuliano Di Bacco), Citation, Intertextuality and Memory in the Middle Ages and Renaissance: Volume 1: Text, Music and Image from Machaut to Ariosto (Exeter: University of Exeter Press - Exeter Studies in History, 2011).
  • Ariosto (Bologna: Il Mulino, 2009).
  • (a cura di) Giancarlo Mazzacurati, L’albero dell’Eden. Dante tra mito e storia (Roma: Salerno Editrice, 2007).
  • L'Italia letteraria (Bologna: Il Mulino, 2006).
  • La fondazione di un genere. Il poema eroico tra Ariosto e Tasso (Roma: Carocci, 2001).
  • La fantasia e la memoria. Intertestualità ariostesche (Napoli: Liguori, 1996).
  • Rappresentazione e scrittura. La crisi delle forme poetiche rinascimentali (1540-1560) (Napoli: Vivarium, 1996).

Altri interventi culturali[modifica | modifica sorgente]

Contributi ad atti di convegni e miscellanee[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]