Loredana Lipperini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Loredana Lipperini

Loredana Lipperini (Roma, 14 novembre 1956[1]) è una giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica italiana, ed anche autrice di programmi per la televisione. Ha usato l'eteronimo Lara Manni per pubblicare alcuni romanzi e racconti dark-fantasy.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornalista e scrittrice, ha diretto giovanissima l'agenzia di stampa Notizie Radicali[2] ed è stata fra le prime voci di Radio Radicale[3], passando poi a Radio Rai[2], per la quale ha condotto numerosi programmi incentrati sulla musica classica. Dal 1990 scrive sulle pagine culturali de La Repubblica ed è fra i conduttori di Fahrenheit su Radio Tre. In precedenza come giornalista ha collaborato, negli anni, a riviste e quotidiani come Sipario, Pianotime, Il Giornale della Musica, L'Unità, Il Secolo XIX, L'Espresso[2].

Per la televisione ha condotto Confini su Raitre[2] e una rubrica fissa su L'altra edicola di Rai 2. Come autrice ha firmato la sigla finale della prima edizione di Pinocchio[2] di Gad Lerner su Rai Uno, è stata consulente di Milleunteatro (sempre per Rai Uno), ha scritto le due serie del programma di scienza per ragazzi Hit Science, la striscia settimanale Mammeinblog e ha scritto con Raffaella Carrà, Sergio Japino e Caterina Manganella Il gran concerto, in onda sempre su Rai Tre.

Dal 2004 ha un blog che si chiama Lipperatura.

Dal 2007 al 2008 ha fatto parte della giuria del Best of Show, il premio ludico assegnato ogni anno da Lucca Games.

Dal 2005 è nella giuria del Premio Letterario Pinuccio Tatarella Città di Bari e, dal 2007, in quella del Premio Scerbanenco. È anche nella giuria del premio Arte di parole e del Premio Pozzale Luigi Russo.

Nel 2014 ha accettato la candidatura per il Parlamento Europeo nella lista "L'Altra Europa con Tsipras" nella circoscrizione Nord Ovest. Sempre nel 2014, ha assunto la direzione artistica del Festival letterario "Gita al faro" a Ventotene.

Lara Manni[modifica | modifica wikitesto]

Lara Manni è un eteronimo utilizzato da Loredana Lipperini per la pubblicazione di una trilogia urban fantasy/dark fantasy e di un altro romanzo. Le prime voci che le due autrici fossero la stessa persona sono della primavera del 2012[4], voci confermate nel novembre 2014 in un'intervista.

Nel maggio 2009 viene pubblicato Feltrinelli il romanzo urban fantasy/dark fantasy Esbat, primo volume di una trilogia nata come Fanfiction del manga Inuyasha[5]. La fan fiction è stata pubblicata online nel 2007 e porta la firma di Lara Manni, presentata come romana, classe 1976[6][5], con un blog attivo dalla primavera del 2008[7]. Il romanzo è presentato dall'editore come un autentico “caso letterario" [8]

Il blog di Lara Manni ha già cessato di essere aggiornato dal marzo 2012, contestualmente alle prime voci che si trattasse di Loredana Lipperini[4]. Nel novembre 2014 in un'intervista al Venerdì di Repubblica[9] alla stessa Brunella Schisa Loredana Lipperini ha confermato che Lara Manni fosse un suo eteronimo[10].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Invito all'ascolto di Johann Sebastian Bach. Mursia, 1984
  • Don Giovanni. Editori Riuniti, 1987, ristampato da Castelvecchi 2006
  • Mozart in rock. Sansoni, 1990, ristampato da Il saggiatore, 2006
  • Generazione Pokémon. Castelvecchi, 2000
  • La notte dei blogger. Einaudi Stile Libero, 2004
  • Le prime lacrime di Don Pedro, racconto inserito nell'antologia Cuori di pietra, Oscar Mondadori, 2007
  • Ancora dalla parte delle bambine. Feltrinelli, 2007
  • Lyophillum gambosum, racconto inserito nell'antologia Facce di bronzo, Oscar Mondadori, 2008
  • Non è un paese per vecchie. Feltrinelli, 2010
  • Di mamma ce n'è più d'una. Feltrinelli, 2013
  • L'ho uccisa perché l'amavo, con Michela Murgia, Laterza, 2013
  • Morti di fama, con Giovanni Arduino, Corbaccio 2013
  • L'isola è piena di rumori, racconto inserito nell'antologia L'isola delle storie, Ultima spiaggia edizioni, 2013
  • Pupa, illustrazioni di Paolo d'Altan, Rrose Sélavy 2013
  • Questo trenino a molla che si chiama il cuore, Laterza, Contromano, 2014

Altri scritti appaiono in

  • Labranca Remix, Castelvecchi, 1997
  • Falso è vero, Plagi, cloni, campionamenti e simili, AAA, 1998
  • Ragione e sentimento di Jane Austen, Newton Compton, 2008
  • Ho freddo, di Gianfranco Manfredi, Gargoyle 2008
  • Io credo nei vampiri,di Emilio de' Rossignoli, Gargoyle 2009
  • Mosca più balena di Valeria Parrella, minimum fax, 2009
  • 8 marzo, una storia lunga un secolo di Tilde Capomazza e Marisa Ombra, Iacobelli, 2009
  • Parola di donna a cura di Ritanna Armeni, Ponte alle Grazie, 2011
  • Quando eravamo piccole di Bianca Pitzorno, Mondadori, 2012
  • I libri ti cambiano la vita a cura di Romano Montroni, Longanesi, 2012
  • 7º piano di Åsa Grennvall, Hop, 2014

Come Lara Manni[modifica | modifica wikitesto]

  • Esbat. Feltrinelli, 2009.
  • Sopdet - La Stella della Morte. Fazi, 2011.
  • Tanit - La Bambina Nera. Fazi, 2012
  • Lady Lazar in "Nessuna più". Elliot, 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ordine dei Giornalisti - Elenco iscritti - Pubblicisti A-L, p. 988. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  2. ^ a b c d e Dieci domande sull'etica dello stile
  3. ^ Servizio del 1980
  4. ^ a b Marina Lenti, Lara Manni è o non è Loredana Lipperini? in Fantasy Magazine, 25 giugno 2012. URL consultato il 5 luglio 2012.
  5. ^ a b Esbat e la trilogia fantasy. Intervista a Lara Manni, Il Recensore.com.
  6. ^ Fantasy Magazine - Il mondo fanta-horror di Esbat. URL consultato il 10-11-14.
  7. ^ Lara Manni's Weblog. URL consultato il 10-11-2014.
  8. ^ Esbat di Lara Manni: un “caso letterario” in rete. URL consultato il 10-11-14.
    «Decine di recensioni positive e di commenti su aNobii, sui blog e sui forum, interviste, disegni ispirati ai personaggi del romanzo: a un mese dall’uscita Esbat di Lara Manni è diventato un piccolo caso su Internet, conquistando un vasto seguito tra i lettori di narrativa fantastica».
  9. ^ Il Venerdì di Repubblica - Libri a cura di Brunella Schisa - pagina 102 - 7 Novembre 2014
  10. ^ Brunella Schisa aveva firmato un'intervista a Lara Manni nella stessa rubrica nel 2009
     Il Venerdì di Repubblica - Libri a cura di Brunella Schisa - pagina 102 - 5 giugno 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]