Snakes on a Plane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Snakes on a Plane
Titolo originale Snakes on a Plane
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2006
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, thriller
Regia David R. Ellis
Soggetto David Dalessandro, John Heffernan
Sceneggiatura John Heffernan, Sebastian Gutierrez
Produttore Craig Berenson, Gary Levinsohn
Produttore esecutivo Stokely Chaffin, Tawny Ellis, Toby Emmerich
Casa di produzione New Line Cinema
Fotografia Adam Greenberg
Montaggio Howard E. Smith
Effetti speciali Matt Kutcher
Musiche Trevor Rabin
Scenografia Erin Gould
Costumi Karen L. Matthews
Trucco Allan A. Apone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Snakes on a Plane è un film statunitense del 2006 del regista David R. Ellis.

Prima della sua uscita nelle sale, il film aveva già molto attirato l'attenzione del pubblico e si era conquistato una solida base di ammiratori online divenendo un vero e proprio fenomeno di Internet. Questo grazie al titolo, che lasciava presagire una trama assurda e ridicola. A seguito dell'attenzione del popolo di Internet, la New Line Cinema accolse suggerimenti che venivano dai navigatori e allungò le riprese di cinque giorni. Prima e dopo l'uscita nelle sale, il film venne fatto oggetto di parodia negli show televisivi, in altri film, in video girati dai fan, videogame, album musicali. Tuttavia, a dispetto dell'enorme attenzione creatasi in Rete sul film, esso fece incassi deludenti al botteghino.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sean Jones è stato testimone oculare di un brutale assassinio commesso dal gangster Eddie Kim, ed ora viene scortato dagli agenti dell'FBI Neville Flynn e John Sanders nel volo da Honolulu a Los Angeles per testimoniare al processo. Per eliminarlo, Kim riesce a far introdurre nell'aereo dei contenitori pieni di serpenti velenosi con un meccanismo di apertura a tempo. Le tipiche ghirlande di fiori che vengono date dai membri dell'equipaggio ai passeggeri sono state in precedenza segretamente spruzzate con feromoni per far diventare i serpenti più aggressivi: lo scopo è far precipitare l'aereo prima che giunga a destinazione.

Sean e la sua scorta viaggiano da soli in prima classe; fra gli altri passeggeri in classe turistica vi sono il rapper Three Gs, il quale è un maniaco dell'igiene alla maniera del celebre regista Howard Hughes, con le sue due guardie del corpo Troy e Big Leroy; una ricca ragazza di nome Mercedes che viaggia con il suo cane, Mary Kate; una donna ispanica, Maria, con sua figlia neonata; due bambini, Curtis e Tommy Brown, che viaggiano per la prima volta da soli; Chen Leong, un campione di kickboxing; Tyler, che ha paura di volare, e la moglie Ashley, di ritorno dalla luna di miele; Paul, uomo d'affari britannico, molto seccato per aver dovuto spostarsi dalla prima classe.
L'equipaggio è composto dalle hostess Claire Miller, Grace, al suo ultimo volo, Tiffany, giovane e carina, che è subito attratta da Sean, e dallo steward Ken, dai modi alquanto effeminati.

Circa a metà del tragitto, le gabbie dei serpenti si aprono, e gli animali si fanno strada fino alle cabine. La loro presenza non viene subito notata, in quanto le prime vittime sono uccise nei bagni dell'aereo. I serpenti uccidono il pilota e infine irrompono fra i passeggeri; anche l'agente Sanders viene ucciso, e nella confusione, Tommy, Il più piccolo dei due bambini, viene morso da un cobra. I sopravvissuti fuggono verso la parte anteriore dell'aereo, erigendo fra sé e gli animali una barriera con i bagagli. Mercedes (assieme al cane Mary Kate) e Maria con la bambina, Isabella, rimangono indietro prive di sensi: Mercedes si riprende ma è paralizzata dal terrore; viene poi salvata insieme al cane da Chen Leong; poco dopo anche Maria si riprende ma non vede più la sua bambina; sopraggiunge Grace, richiamata dai lamenti di Maria, che trova la piccola Isabella viva e incolume, ma un terribile crotalo adamantino le si avvicina, Grace salva la bambina ma viene morsa e morirà dopo una lunga agonia. Più tardi, Maria salva Tommy succhiandogli il veleno. Anche il copilota, rimasto da solo alla guida dell'aeroplano, viene attaccato dai serpenti, e nella turbolenza che ne segue gli animali riescono a superare la barriera: i passeggeri fuggono allora verso la prima classe, dove finora era stato loro bloccato l'accesso per garantire la massima sicurezza a Sean. Nel farlo, però, Mary Kate, il cane, e Paul vengono divorati da un pitone birmano. Anche Tyler ed Ashley vengono uccisi.

L'agente Flynn prende il controllo della situazione e si mette in contatto con il suo superiore, Hank Harris, a terra, che immediatamente convoca il dottor Steven Price, esperto di serpenti. Questi, per poter preparare gli antidoti da somministrare prontamente ai feriti al momento dell'atterraggio, deve sapere precisamente da quali specie di serpenti vengono morsi: grazie allo smartphone di Mercedes, Flynn può inviare le foto degli animali morti: stupito, Price comunica che si tratta di serpenti provenienti da ogni parte del mondo, e che l'unica persona nell'area di Los Angeles in grado di procurarseli è un uomo di nome Kraitler. Questi viene subito rintracciato e arrestato, e gli viene estorta la confessione che ad architettare tutto questo piano è stato Kim.

Nel frattempo, sull'aeroplano, Flynn si inoltra all'interno del motore per rimettere in funzione il sistema dell'aria condizionata, senza il quale l'aria si sta facendo irrespirabile. Con i passeggeri al sicuro in prima classe e le dosi di antidoto pronte ad attenderli all'aeroporto di Los Angeles, sembrerebbe che il peggio sia passato: a questo punto, però, si scopre che anche il copilota Rick è morto, e che la cabina di pilotaggio è piena di serpenti. Claire chiede disperata se qualcuno dei passeggeri è in grado di pilotare un aereo: Three G risponde che può farlo la sua guardia del corpo, Troy, che accetta, sostenendo di avere esperienza di volo. È necessario prima però liberare la cabina di pilotaggio dagli animali; Flynn pronuncia la battuta più celebre del film, « Io sono stanco di questi fottuti serpenti su questo fottutissimo aereo! » (« I have had it with these motherfucking snakes on this motherfucking plane! ») e ordina a tutti di reggersi molto forte. Usando la propria pistola, rompe i vetri di due finestrini, facendo così che l'aeroplano perda rapidamente pressione: i serpenti vengono risucchiati e lanciati all'esterno dell'aereo.

Flynn e Troy si mettono ai comandi dell'aereo: si scopre ora che tutta l'esperienza di volo di Troy si riduce all'aver giocato a un videogioco di simulazione di volo sulla PlayStation 2. Nessun altro però sa comunque fare meglio di lui, perciò i due iniziano le procedure di atterraggio. Dopo alcuni momenti drammatici, il volo finalmente atterra senza danni. Ai sopravvissuti vengono subito prestate le necessarie cure e vengono loro somministrati gli antidoti al veleno. Ma un ultimo serpente rimasto attacca Sean, e Flynn estrae la pistola e gli spara, colpendo però Sean al petto: fortunatamente, egli sapeva che il ragazzo indossava fin dall'inizio un giubbotto antiproiettile, perciò non è stato ferito. Flynn offre a Claire di ripagarla per l'aiuto che gli ha dato con un invito a cena, mentre Tiffany e Sean si baciano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il creatore della storia è David Dalessandro, che ebbe per la prima volta l'idea nel 1992: inizialmente, il titolo del film sarebbe dovuto essere Venom, e sull'aereo vi era un solo serpente. Ben presto però il primo abbozzo venne modificato e si aggiunsero molti altri serpenti.

Il soggetto di Dalessandro venne scartato da più di 30 studios hollywoodiani nel 1995; tuttavia, nel 1999, la MTV/Paramount e la New Line Studios, che poi si aggiudicò i diritti, mostrarono interesse nella storia.

Versione per la televisione[modifica | modifica sorgente]

In Italia il film è stato trasmesso per la prima volta in televisione il 24 marzo 2008 su Italia 1[1]: poiché la trasmissione avvenne in prima serata, alcune scene particolarmente "forti" subirono censure (ad esempio, la scena in cui un serpente morde una passeggera sul seno).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ MyMovies. URL consultato il 24 marzo 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema