Sione Lauaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sione Lauaki
Sione Lauki 02.jpg
Lauaki durante un allenamento con il Clermont, 2010
Dati biografici
Nome Sione Tuitupu Lauaki
Paese Tonga Tonga
Altezza 193 cm
Peso 119 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Ruolo Terza linea centro
Carriera
Attività provinciale
2002-04 Auckland Auckland
2005-09 Waikato Waikato 21 (25)
Attività di club¹
2004-10 Chiefs Chiefs 70 (70)
2010-11 Clermont Clermont 21 (10)
2011-12 Bayonne Bayonne 11 (0)
Attività da giocatore internazionale
2004
2005-08
Flag of rugby Pacific Islanders.svg Pacific Islanders
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
3 (15)
17 (15)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 16 gennaio 2013

Sione Tuitupu Lauaki (Haʻapai, 22 giugno 1981) è un rugbista a 15 neozelandese di origine tongana, al 2012 senza squadra; pur non essendosi ufficialmente ritirato dall'attività, è infatti fermo a causa di un problema renale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Tonga e cresciuto insieme al fratello Epalahame, tredicista, ad Auckland[1], esordì nella prima squadra della sua scuola nel 1998.

Nel 2002 debuttò nel campionato nazionale provinciale neozelandese nelle file di Auckland e due anni più tardi passò a Waikato, afferente alla franchise degli Chiefs in Super Rugby, con i quali debuttò in tale competizione. In quanto nativo di Tonga fu chiamato per la neonata selezione dei Pacific Islanders, con i quali debuttò anche a livello internazionale[2].

Un anno più tardi giunse anche il debutto negli All Blacks, a giugno 2005 contro Figi.

La sua carriera fu costellata da diversi problemi giudiziari dovuti a un carattere spesso rissoso: tra gli incidenti che fecero più notizia, nel 2006 fu riconosciuto colpevole di aggressione a una guardia privata a Hamilton[3] e di danneggiamento in stato di ubriachezza nel 2009 in un albergo di Auckland[4].

Nonostante tali disavventure personali, fu convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2007 e nel 2010 fu nominato capitano degli Chiefs[5]; quello fu tuttavia l'ultima stagione in Nuova Zelanda, perché alla fine del Super 14 si trasferì in Francia al Clermont con un accordo annuale[6].

Alla fine del contratto Lauaki si impegnò con Bayonne per tre anni[7] ma, a febbraio 2012, dopo solo 11 incontri di campionato, gli furono diagnosticate un'insufficienza renale e cardiaca[8], a causa delle quali non poté più scendere in campo[9]; benché non ufficialmente ritiratosi dall'attività, è senza contratto dalla fine della stagione 2011-12.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Brown, Raw talent unleashed as self-belief grows in The New Zealand Herald, 12 agosto 2007. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) Lauaki named in Pacific team in TV New Zealand, 13 giugno 2004. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  3. ^ (EN) All Black Lauaki admits assault in The New Zealand Herald, 1º febbraio 2006. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  4. ^ (EN) Rebecca Milne, All Black in court after motel bust-up in The New Zealand Herald, 11 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  5. ^ (EN) Lauaki humbled to lead Chiefs in Super Sport, 22 gennaio 2010. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  6. ^ (EN) Lauaki set for Clermont. Former All Black agrees 12-month deal in Sky Sports, 13 maggio 2010. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  7. ^ (EN) Kiwi pair head for Bayonne in Sport 24, 16 maggio 2011. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  8. ^ (EN) Illness may force Sione Lauaki to quit rugby in Stuff, 20 marzo 2012. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  9. ^ (EN) Hana Garrett-Walker, Lauaki suffering heart and kidney problems in The New Zealand Herald, 19 febbraio 2012. URL consultato il 20 gennaio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]