Sinistra - Movimento Verde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinistra - Movimento Verde
(IS) Vinstrihreyfingin - grænt framboð (VG)
Leader Steingrímur Sigfússon
Stato Islanda Islanda
Fondazione 6 febbraio 1999
Sede Suðurgata 3
Reykjavík
Ideologia Socialismo democratico,[1]
Ecosocialismo,[1]
Femminismo[1]
Collocazione Sinistra
Partito europeo Alleanza della Sinistra Verde Nordica
Seggi Althing
12 / 63
 (2012)
Iscritti ~ 3 000
Sito web vg.is
Islanda

Questa voce è parte della serie:
Politica dell'Islanda







Altri stati · Atlante

Sinistra-Movimento verde (in islandese: Vinstrihreyfingin - grænt framboð) è un partito politico islandese di sinistra, di ispirazione socialista democratica, ecosocialista e femminista.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu fondato nel 1999 da alcuni deputati dell'Althing che non approvavano l'unione pianificata tra i partiti di sinistra dell'Islanda che portarono alla formazione dell'Alleanza socialdemocratica (Samfylkingin). La Sinistra-Movimento verde si concentrò su valori socialisti, sul femminismo e l'ambientalismo, come anche sulla democrazia e sull'impegno diretto delle persone nell'amministrazione della nazione. Il partito si oppose al coinvolgimento dell'Islanda nella NATO e fu contro l'invasione e l'occupazione statunitense dell'Iraq e dell'Afghanistan. Il partito rifiuta l'accesso dell'Islanda all'Unione europea e sostiene la causa palestinese nel Medio Oriente; sostiene anche l'integrazione degli immigrati nella società islandese.

La Sinistra-Movimento verde fa parte dell'Alleanza della Sinistra Verde Nordica.

Il partito conta circa 3 000 membri; il Presidente è Steingrímur J. Sigfússon, membro del Parlamento. La vice presidente è invece Katrín Jakobsdóttir; il segretario generale è Drífa Snædal.

Steingrímur J. Sigfússon Presidente del partito.

Alle elezioni del 1999, la Sinistra-Movimento verde ebbe il 9,1% dei voti, e sei seggi all'Alþingi. Dopo le elezioni del 2003 poté contare solo su cinque deputati, dopo aver ottenuto l'8,8% dei voti. Con le elezioni del 2007, la percentuale di voti salì al 14,3%, corrispondenti a nove seggi in Parlamento.

Nel 2009, la Sinistra-Movimento verde si è unita all'Alleanza socialdemocratica come partner minore in un governo di coalizione presieduto da Jóhanna Sigurðardóttir, dopo la caduta del governo di centro-destra di Geir Hilmar Haarde.

Elezioni[modifica | modifica sorgente]

Elezioni Voti % Seggi
1999 15.115 9,1% 6
2003 16.129 8,8% 5
2007 26.136 14,3% 9
2009 40.580 21,7% 14

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Parties and elections - Iceland. URL consultato il 3 giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]