Partito Pirata (Islanda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Píratar
Logo del Partito Pirata islandese
Leader Birgitta Jónsdóttir
Stato Islanda Islanda
Fondazione 24 novembre 2012
Sede Sigtúni 59 kjallari, 105 Reykjavík
Ideologia Democrazia diretta[1]
Riforma del diritto d'autore[1]
Libertà di informazione[1]
Partito europeo Partito Pirata Europeo
Affiliazione internazionale Internazionale dei Partiti Pirata
Seggi Althing
3 / 63
 (2013)
Iscritti 520 (2013)
Colori viola
Sito web piratar.is

Il Partito Pirata (in islandese Píratar) è un partito politico islandese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato nel 2012, il Partito Pirata si è presentato per la prima volta alle elezioni parlamentari islandesi del 2013, ottenendo il 5,1% e 3 seggi al Parlamento[1][2].

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

I principali temi sostenuti dal Partito Pirata sono la democrazia diretta, la riforma del diritto d'autore, e la libertà di informazione.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Parties and elections - Iceland. URL consultato il 28 aprile 2013.
  2. ^ (EN) Ernesto, Pirate Party Enters Iceland’s National Parliament After Historic Election Win, TorrentFreak, 28 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2014.
  3. ^ Reflections on Iceland's Election of Pirate MPs da TorrentFreak

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica