Sindrome da rosolia congenita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome da rosolia congenita
Cataracts due to Congenital Rubella Syndrome (CRS) PHIL 4284 lores.jpg
Le cataratte congenite (pupille bianche) dovute alla sindrome da rosolia congenita.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 771.0
ICD-10 (EN) P35.0

La Sindrome da rosolia congenita (SRC) può colpire il feto in sviluppo nel caso si abbia contratto la rosolia durante il primo trimestre gravidanza. La probabilità che il neonato ne sia affetto varia a seconda del momento in cui avviene l'infezione. Tra 0-28 giorni prima del concepimento, la possibilità è del 43%. Se il contatto col virus avviene entro le prime 12 settimane di gestazione, la probabilità sale al 51%, mentre tra le 13-26 settimane la probabilità scende al 23%. Il neonato non è generalmente colpito dalla malattia se la rosolia è contratta durante il terzo trimestre, o tra le 26-40 settimane dopo il concepimento. La sindrome avviene raramente quando la rosolia è contratta dalla madre dopo le 20 settimane di gestazione ma continua a disseminare il virus dopo la nascita. È stata scoperta nel 1941 dall’australiano Norman McAllister Gregg.

Presentazione[modifica | modifica sorgente]

La triade della rosolia congenita è costituita da:

La Retina "sale e pepe" è una delle manifestazioni oculari più comuni della sindrome da rosolia congenita.

Altre manifestazioni della sindrome da rosolia congenita (SRC) possono includere:

I bambini che sono stati esposti alla rosolia durante il concepimento devono essere seguiti attentamente per indicazioni in seguito a:

Prevenzione[modifica | modifica sorgente]

La vaccinazione contro la rosolia delle donne non ancora in età fertile è un presidio preventivo essenziale per prevenire la sindrome da rosolia congenita; a livello internazionale, la diffusione su larga scala della vaccinazione ha permesso la forte riduzione delle forme di rosolia congenita in molte nazioni.

Ciò nonostante, nei paesi in cui le copertura vaccinali sono ancora basse (prevalentemente in Africa e nel Sud-Est Asiatico), l'incidenza della rosolia congenita e delle sue complicanze invalidanti è ancora alta, con oltre 110.000 bambini affetti ogni anno. [3]

L'aborto è spesso raccomandato se avviene l'esposizione, o se è sospettata la SRC prima della nascita.

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]