Silvio Passerini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvio Passerini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Silvio Passerini.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1469, Cortona
Creato cardinale 1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto 20 aprile 1529

Silvio Passerini (Cortona, 1469Città di Castello, 20 aprile 1529) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Cortona da una famiglia di origine fiorentina, si trasferì a Firenze nel 1494 dove, grazie all'aiuto del nobile fiorentino Mariano Zefferini ed anche grazie al supporto di suo padre, che era stato imprigionato proprio per lo strenue appoggio ai Medici durante la cacciata di Piero il Fatuo, entrò nella cerchia della famiglia Medici e venne introdotto alla carriera ecclesiastica. Divenne amico molto stretto di Giovanni di Lorenzo de' Medici, futuro papa Leone X, con il quale combatté sul fronte francese, dove entrambi vennero fatti prigionieri. Liberato, entrò al servizio del papa, che lo inviò a Perugia e in altre città dell'Umbria. Qui il Passerini riuscì a metter su una discreta fortuna.

Dopo l'elezione al soglio pontificio di Leone X (11 marzo 1513), con bolla pontificia (22 dicembre 1514) il Passerini, con i fratelli Valerio e Cosimo, ottenne in concessione il feudo nobiliare pontificio di Petrignano del Lago. In data 1º luglio 1517, Sivio fu creato cardinale ed il 6 luglio dello stesso anno ricevette il titolo di San Lorenzo in Lucina. In seguito fu fatto vescovo di Cortona il 15 novembre 1521, con la diocesi che venne allargata a spese di quelle di Firenze e Arezzo.

Dopo la morte di Leone X il comando della famiglia passò al cardinale Giulio de' Medici, che appena un anno dopo fu eletto papa con il nome di Clemente VII. Il cardinale Giulio, dovendosi recare a Roma, lasciò la reggenza della città di Firenze a tre suoi fidatissimi: il Alessandro de' Medici, forse suo figlio illegittimo, Ippolito de' Medici, non ancora cardinale, suo nipote, e il cardinale Passerini, appunto, che quindi era già diventato alla pari di una persona della famiglia.

Con la cacciata dei Medici del 1527 il Passerini, lasciata Firenze, si rifugiò a Cortona. Dopo il reinsediamento della famiglia Medici (1530) la città fu assegnata al duca Alessandro e Silvio Passerini si ritirò dalla scena politica fiorentina. Morì a Città di Castello il 20 aprile 1529.

Mecenatismo[modifica | modifica sorgente]

A Cortona, il cardinale diresse la diocesi dal Palazzo del Popolo, che restaurò ampiamente dal 1514, con affreschi tra gli altri di Luca Signorelli, e che prese il nome di Palazzo Passerini, mentre lo stesso anno Leone X gli concesse l'autorizzazione di concedere le indulgenze a chiunque visitasse la cattedrale, che egli fece anche ampliare. Dal 1521 riformò la diocesi e si dilettò nel far costruire nuovi splendidi edifici, tra i quali il più importante è il cosiddetto "Palazzone".

Il Signorelli morì proprio durante la decorazione del Palazzo Passerini, cadendo da un ponteggio approntato per la decorazione della cappella privata.

A Valiano, Bettolle, Petrignano del Lago e Piazzano il Passerini fece edificare delle stupende ville e fu mecenate di Giorgio Vasari, del quale scoprì il talento ad Arezzo quando egli aveva appena 16 anni e lo portò a Firenze dove si svolse il suo apprendistato artistico.

A Firenze commissionò alcuni cartoni per arazzi a Andrea del Sarto e Raffaellino del Garbo, oggi conservati al museo diocesano di Cortona. Fu presente alla prima rappresentazione della commedia della Mandragola di Niccolò Machiavelli.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore CardinalCoA PioM.svg
Jorge da Costa 1517 - 1529
in commendam dal 1521
Giovanni Domenico de Cupis
Predecessore Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore CardinalCoA PioM.svg
Leonardo Grosso della Rovere 1520 - 1521 Albrecht von Brandenburg
Predecessore Vescovo di Cortona Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Sernino de Cucciati 1521 - 1529 Leonardo Buonafede