Scopa (strumento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una scopa da esterno in bambù.

La scopa è un attrezzo comunemente usato per rimuovere polvere o altri piccoli residui dai pavimenti e per raccogliere ed accumulare materiale minuto. Il termine è prosecuzione del latino scopae, plurale di scopa, "ramoscello", e nome di alcune piante e particolarmente di alcune specie di ericacee come l'erica scoparia, che danno rami lunghi e sottili [1] perché originariamente costruita con fasci di rami secchi raccolti e fissati mediante varie legature intorno a un bastone che fungeva da manico. La variante granata, dal medesimo significato, trae il nome dai grani o coccole presenti sui rami di saggina o di ginepro utilizzati per la sua costruzione.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La scopa è stata senza dubbio il primo strumento utilizzato dall'uomo per la pulizia della casa o in generale per pulire i luoghi dove viveva. Non è difficile intuire che probabilmente la prima scopa altro non era che un ramo con le foglie ancora attaccate ad esso.

La scopa forse più conosciuta è quella di ramaglia di nocciolo, betulla, ginestra, bambù ecc. (la classica scopa delle streghe o la famosa scopa volante di Harry Potter) utilizzata esclusivamente per lo spazzamento di aree esterne e che vedete rappresentata in foto. Grande importanza nell'economia ha invece avuto la fabbricazione e la vendita delle scope in saggina utilizzate comunemente per lo spazzamento delle case almeno fino alla Seconda guerra mondiale.

Due erano le zone principalmente interessate nella fabbricazione delle scope in saggina:

Classica scopa per esterni in saggina.

Se però per la provincia di Padova la scopa di saggina rappresentava una risorsa sfruttata su basi "industriali" per il piccolo paese canavesano la scopa di saggina era un semplice espediente per riempire le giornate. A Foglizzo infatti le scope erano fabbricate nelle stalle durante le giornate invernali quando nelle campagne non si poteva lavorare.

Da questi due centri le scope erano distribuite in tutta Italia spesso dagli stessi artigiani che le costruivano. La scopa di saggina da sempre è fabbricata completamente a mano.

Oggi l'uso della scopa in saggina si è molto ridotto ed ormai la sua fabbricazione in Italia non esiste praticamente più. Le scope in saggina si importano dei paesi dell'Est europeo, dalla ex Jugoslavia o dalla Cina, mentre in Polesine solo pochi e rari artigiani ancora continuano a fabbricare questi strumenti.

Dagli anni cinquanta si è iniziato a fabbricare scope con le fibre sintetiche impropriamente chiamate nylon; la scopa si è così evoluta fino ai giorni nostri assumendo le svariatissime forme che oggi tutti conosciamo.

Moderna scopa in saggina.

Classificazione in base all'utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Per interno[modifica | modifica sorgente]

Il classico attrezzo utilizzato da tutte le massaie. È composta da un manico che può essere di diversi materiali (legno, acciaio, alluminio) e dalla scopa vera e propria. Questa a sua volta è composta da un supporto in materiale plastico al quale viene avvitato il manico e chiamato in gergo tecnico '"bustino'". Su questo supporto con una speciale macchina vengono applicate le setole che svolgono la funzione spazzante vera e propria. Le setole possono essere in diversi materiali: nylon, PVC, poliestere, setole naturali, a seconda dello specifico tipo di impiego. Poi la scopa non è utilizzata solo per interni ed esterni ma anche per lavori generali(es stalla)

Per esterno[modifica | modifica sorgente]

La scopa per esterni, detta anche ramazza è costituita da un manico quasi sempre in legno intorno al quale vengono disposte le setole (saggina, bambù) che sono poi fissate con chiodi e filo di ferro.

Da alcuni anni si sono però utilizzati anche altri sistemi per fabbricare le scope in saggina per cercare di industrializzare la produzione. Dagli USA sono poi arrivate particolari scope rivolte specialmente a spazzini ed aziende specializzate con forme e materiali spesso inusuali.

Simbologia[modifica | modifica sorgente]

Fin dall'antico Egitto, alla scopa erano attribuiti poteri magici. La fiaba dell'apprendista stregone che anima la scopa liberandosi dai problemi è un tema già presente nelle antiche culture. L'atto di spazzare tutte le stanze di una casa nell'antica Grecia aveva una valenza simbolica e serviva a scacciare le anime dei morti.

Nell'iconografia cristiana vengono raffigurate con la scopa Santa Marta e Santa Petronilla.

Nelle leggende medievali, la scopa era il mezzo che veniva utilizzato dalle streghe per volare. In questo senso, al manico di scopa tra le gambe nude delle streghe veniva dato un significato fallico.

Nelle credenze popolari, alla scopa si attribuisce un potere benefico in quanto capace di "spazzare via i guai". Per questo motivo a capodanno si usa ancor oggi, in alcune regioni, regalare delle piccole scope ornamentali come portafortuna per l'anno che sta per arrivare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scopa in Treccani.it - Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Ottorino Pianigiani, Granata in Vocabolario etimologico della lingua italiana, http://etimo.it. URL consultato il 22 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]