Russula virescens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Russula virescens
1476430841 76f14400e8 b.jpg
Russula virescens
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae
Genere Russula
Specie R. virescens
Nomenclatura binomiale
Russula virescens
(Schaeff.) Fr., 1836
Caratteristiche morfologiche
Russula virescens
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
White spore print icon.png
Sporata bianca
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile
Russula virescens

Russula virescens (Schaeff.) Fr., Anteckn. Sver. Ätl. Svamp.: 50 (1836).

La Russula virescens è considerata la migliore tra le russule commestibili, insieme alla Russula cyanoxantha. È facilmente riconoscibile per la cuticola fortemente areolata, quasi unica nel genere e per il colore verde-azzurro della stessa.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

5-15 cm di diametro, compatto e carnoso, prima globoso, con margine aderente al gambo, poi convesso e infine spianato, leggermente depresso al centro, spesso più o meno trapezoidale e con delle screpolature

cuticola
asciutta, opaca, separabile dal cappello solo lungo il margine, quasi sempre rotta in screpolature o areole poligonali, di colore verde-azzurrognolo o verde-oliva, colorazione che in qualche esemplare giovane può mancare
margine
ondulato e liscio.

Lamelle[modifica | modifica sorgente]

Fitte, fragili, scarsamente aderenti al gambo, forcate al margine, prima biancastre, poi crema pallido, spesso con iridescenze e macchie brunastre, anastomosate (raccordate tra loro da venature).

Gambo[modifica | modifica sorgente]

6-10 x 2-4 cm, in proporzione più corto del cappello, pressoché cilindrico, attenuato alla base, robusto e compatto, prima pieno poi spugnoso e cavernoso; superficie bianca, talvolta macchiata qua e là da sfumature color nocciola, un po' rugosa, forforacea nella parte alta.

Carne[modifica | modifica sorgente]

Soda, fragile, bianca. Frequentemente preda di larve, specialmente nel periodo estivo.

  • Odore: poco percettibile e lievemente fruttato negli esemplari giovani, leggermente sgradevole (come di "pesce") negli esemplari essiccati (che sono ugualmente commestibili).
  • Sapore: mite, dolce ed aromatico, come di nocciola.

Spore[modifica | modifica sorgente]

6-9 x 5-7 μm, ellissoidali o subsferiche, bianco crema in massa, verrucose, amiloidi.

Reazioni chimiche[modifica | modifica sorgente]

  • FeSO4: reazione rosato.
  • Guaiaco: lentamente positivo.
  • Anilina: negativa sulle lamelle.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Fungo simbionte, cresce in estate-autunno, solitario o in gruppi, soprattutto boschi di latifoglie, spesso anche fra l'erba ai margini del bosco, di rado nei boschi di conifere.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Foodlogo.png
Eccellente, sia crudo che cotto.
A detta di molti è uno dei funghi più buoni in assoluto e la migliore delle russule insieme alla R. cyanoxantha.

Curiosità
è uno dei pochi funghi al mondo che è possibile consumare crudo senza correre rischi di sorta, unitamente alla Fistulina hepatica ed all'Amanita caesarea.

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

  • Alcune specie congeneri, come ad esempio la Russula cutifracta var. pelterei (o Russula cyanoxantha var. pelterei) Cooke (commestibile), la cui cuticola si frattura spontaneamente, che oltre a verde e olivastra può essere anche violacea.
  • Piuttosto pericolosa la possibile confusione con alcune forme della Russula olivacea che notoriamente è un fungo molto polimorfo: infatti chi ha l'abitudine di consumare la virescens cruda, rischia di avvelenarsi seriamente.
  • Amanita phalloides (mortale) per via del suo colore verdino e poiché spesso un'Amanita viene raccolta dagli inesperti troncandone di netto la volva, ossia eliminando il più evidente carattere distintivo tra un'Amanita e una Russula.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal latino virescens = verdeggiante, per il suo colore.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Colombina verde, Rovella verde, Verdone
  • Rossella verde (toscana - aretino)
  • Bietta verde (Umbria)
  • "cafone" (Vico del Gargano)

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Agaricus virescens Schaeff., Fungorum qui in Bavaria et Palatinatu circa Ratisbonam nascuntur 4: 40 (1774).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(EN) Russula virescens in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia