Fistulina hepatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fistulina hepatica
Fistulina hepatica 1.jpg
Fistulina hepatica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Fistulinaceae
Genere Fistulina
Specie F. hepatica
Nomenclatura binomiale
Fistulina hepatica
(Schaeff.) With., 1792
Caratteristiche morfologiche
Fistulina hepatica
Cappello ondulato disegno.png
Cappello ondulato
Pores icon.png
Imenio pori
No gills icon.svg
Lamelle no
Pink spore print icon.png
Sporata rosa
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Parasitic ecology icon.png
Parassita
Foodlogo.svg
Commestibile

La Fistulina hepatica è l' unica specie del genere Fistulina in Europa, appartiene ai basidiomiceti e presenta sporata color rosa. È sessile ed ha l'imenio con tubuli facilmente separabili.

È un fungo ricercatissimo in alcune zone d'Italia, mentre è sconosciuto in altre. Spesso appellato col nominativo di "lingua di bue", è consumato prevalentemente crudo, tagliato a pezzettini con l'insalata.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

Mediamente di 10 - 20 cm di diametro con uno spessore di 7-8 cm, può tuttavia raggiungere dimensioni ragguardevoli (sono stati trovati esemplari lunghi fino a due metri); molle, carnoso, simile ad una sorta di lingua o fegato, sessile o con un gambo breve; cuticola di colore aranciato oppure rosso sangue, viscida, gelatinosa, finemente rugosa.

Tubuli[modifica | modifica sorgente]

10-15 mm, liberi, cilindrici, corti, gialli in gioventù, poi rosei per via della sporata.

Pori[modifica | modifica sorgente]

Circolari, prima biancastri poi rosso-brunastri in età avanzata.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

Circa 3 cm, tozzo e cilindrico, tuttavia spesso non risulta presente.

Carne[modifica | modifica sorgente]

Molle, venata, più coriacea con l'età; intrisa di un lattice color rosso sangue spesso abbondante e talvolta acquoso, fibrosa. Se tagliata, vira molto lentamente all'aria verso il rosso scuro e successivamente tende al marrone scuro.

  • Odore: appena percepibile e non ben definibile, complesso, come di carne, grato. Un po' forte alla cottura.
  • Sapore: grato, acidulo e/o dolciastro, più o meno con retrogusto amarognolo.

Spore[modifica | modifica sorgente]

4-6 x 3-4 µm, color rosa in massa, ialine, ovoidali, lisce.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

È un fungo parassita, cresce su tronchi di latifoglie, querce ma più frequentemente su castagni, in estate-autunno.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Ottimo commestibile da crudo, discreto da cotto; mediocre commestibile negli esemplari molto vetusti poiché diventa coriaceo. Occasionalmente può dare fastidio l'odore intenso che sprigiona alla cottura.
È un fungo ricco di vitamina C.
Consumato in grosse quantità può rivelarsi pesante da digerire.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Alla cottura assume un aspetto che ricorda curiosamente un vero e proprio fegato, anche nella consistenza; qualora si decida di consumarlo cotto, si consiglia di friggerlo in padella con cipolle tagliate a fettine.

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Difficilmente confondibile con altre specie non commestibili; inconfondibile per la sua forma di lingua e per la sua carne che assomiglia a quella di un fegato.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal latino fistula = "tubo" e 'hepar = "fegato".

F. hepatica

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Fegatello
  • Lingua di bue

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Agarico-carnis lingua-bovis Paulet, Traité Champ., Atlas 2: 98 (1793)
  • Boletus buglossum Retz., K. svenska Vetensk-Akad. Handl. 30: 253 (1769)
  • Boletus bulliardii J.F. Gmel., Systema Naturae 2: 1436 (1792)
  • Boletus hepaticus Schaeff., Fungorum qui in Bavaria et Palatinatu circa Ratisbonam nascuntur 4: 82 (1774)
  • Fistulina buglossum (Retz.) Pers., Neues Mag. Bot. 1: 109 (1794)
  • Fistulina endoxantha Speg., Fungi Fuegiani 25: 87 (1921)
  • Fistulina hepatica var. endoxantha (Speg.) J.E. Wright, Boln Soc. argent. Bot. 9: 225 (1961)
  • Fistulina sarcoides St.-Amans, Fl. agen.: 547 (1821)
  • Hypodrys hepaticus (Schaeff.) Pers., Mycol. eur. (Erlanga) 2: 148 (1825)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia