Rania di Giordania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Rania Al Abdullah di Giordania
Rania Al Abdullah di Giordania
Regina Consorte di Giordania
In carica 7 febbraio 1999 presente
Investitura 22 marzo 1999
Predecessore Noor di Giordania
Nome completo Rania Al-Yassin
Nascita Madinat al-Kuwait (Kuwait), 31 agosto 1970
Casa reale Hashemita
Padre Faisal Sedki Al-Yassin
Madre Ilham Yassin
Consorte Abdullah II di Giordania
Figli Principe Hussein

Principessa Imam Principessa Salma Principe Hashem

Religione islam

Rānia al-‘Abd Allāh (in arabo: رانيا العبدالله, nata Rānia al-Yāsīn; Madinat al-Kuwait, 31 agosto 1970) è la regina di Giordania, moglie del re ‘Abd Allāh II.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia e giovinezza[modifica | modifica sorgente]

La regina Rānia è nata in Kuwait da genitori palestinesi originari di Tulkarem. Ha frequentato nel Kuwait la New English School, e successivamente ha conseguito la laurea in Gestione di Impresa presso l'Università Americana del Cairo. Subito dopo la laurea nel 1991, la regina Rānia ha lavorato presso il gruppo finanziario Citibank, prima di essere assunta nella sede giordana della Apple Computer.

Regina di Giordania[modifica | modifica sorgente]

Rānia ha incontrato per la prima volta il re di Giordania, ‘Abd Allāh bin (variante orientale di "Ibn") al-Husayn, quando era ancora principe, a una cena, nel gennaio del 1993. Due mesi più tardi, la coppia ha annunciato il proprio fidanzamento e il 10 giugno 1993 si sono sposati. Quando il marito è salito al trono, Rānia ha assunto il titolo di regina.

I reali di Giordania hanno quattro figli:

  • Il principe Hussein, nato il 28 giugno 1994
  • La principessa Iman, nata il 27 settembre 1996
  • La principessa Salma, nata il 26 settembre 2000
  • Il principe Hashem, nato il 30 gennaio 2005

Da regina, Rānia si è battuta molto per migliorare la condizione delle donne in Giordania, e in genere in tutti i paesi islamici. Ha ricevuto il titolo onorario di Colonnello delle Forze Armate Giordane il 9 giugno del 2004.

Nel 2005 è stata considerata, dal magazine inglese Harpers and Queens come una delle regine più belle del secolo.

Si occupa di numerose attività nel suo paese come:

  • Lo sviluppo di progetti economici
  • L'incoraggiamento degli investimenti stranieri
  • La protezione dei bambini da ogni tipo di violenza
  • La promozione dell'Early Childhood Development
  • L'inserimento dell'insegnamento di informatica nelle scuole

La regina è membro di numerose organizzazioni, e spesso si occupa personalmente delle loro attività:

  • Jordan River Foundation
  • Arab Women's Summit
  • Arab Academy for Banking and Financial Sciences (AABFS)
  • Jordan Cancer Society
  • National Team for Family Safety
  • National Team for Early Development
  • Child Safety Program and Dar Al-Amman

Iniziative internazionali[modifica | modifica sorgente]

A livello internazionale la regina Rānia è membro di numerose organizzazioni:

  • Forum of Young Global Leaders
  • World Economic Forum (la regina Rānia è membro fondatore)
  • Fondo delle Nazioni Unite per i bambini
  • Fondo internazionale per i vaccini (la regina Rānia è membro organizzatore da 2002)
  • International Youth Foundation
  • Associazione internazionale per l'assistenza sociale
  • Associazione internazionale per la lotta all'osteoporosi (la regina Rānia ne è il presidente onorario)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze giordane[modifica | modifica sorgente]

Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali
— 9 giugno 1999

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca
— 2001
Membro di I classe dell'Ordine di Khalifa (Bahrain) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I classe dell'Ordine di Khalifa (Bahrain)
— 4 novembre 1999
Membro di I classe dell'Ordine famigliare reale del Brunei - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I classe dell'Ordine famigliare reale del Brunei
— 13 maggio 2008
Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania
— 21 ottobre 2002
Dama di I classe dell'Ordine della corona preziosa (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di I classe dell'Ordine della corona preziosa (Giappone)
— 30 novembre 1999[1]
Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 19 ottobre 2009[2]
Dama di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav
— 4 aprile 2000
Dama di gran croce dell'Ordine del leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine del leone dei Paesi Bassi
— 30 ottobre 2006
Dama di gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 21 aprile 2006[3]
Dama di gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 18 ottobre 1999[4][5]
Membro dell'Ordine dei serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei serafini (Svezia)
— 7 ottobre 2003[6]
Dama di gran croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 5 marzo 2008[7]
Dana di gran croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Dana di gran croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 16 marzo 2009[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Royal Ark
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  4. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  5. ^ Foro Dinastías, State visit of Jordan in Spain, Sofia & Rania
  6. ^ State visit of Jordan in Sweden (2003), Group photo of Swedish & Jordanian sovereigns wearing reciprocal orders
  7. ^ Repubblica Portoghese
  8. ^ Repubblica Portoghese

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie