Puppis A

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Puppis A
Resto di supernova
Puppis A vista dal telescopio a raggi X Chandra.
Puppis A vista dal telescopio a raggi X Chandra.
Scoperta
Anno 1954
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Poppa
Ascensione retta 08h 24m 07s
Declinazione -42° 59,8′ :
Coordinate galattiche l=260.601
b=-03.144
Distanza 0 milioni di a.l.
( 2 Kpc)
Dimensione apparente (V) 60'×50'
Caratteristiche fisiche
Tipo Resto di supernova
Tipo di resto Resto con pulsar
Tipo di supernova Supernova di tipo II
Galassia di appartenenza Via Lattea
Dimensioni 30 migliaia di a.l.
( 30-36 pc)
Densità di flusso
a 1 GHz
130 Jy
Indice spettrale 0,5
Caratteristiche rilevanti Parzialmente celata da Vela (XYZ); ospita una probabile stella di neutroni, RX J0822.0-4300
Altre designazioni
Pup A, SNR G260.4-03.4, CTA 46
RCW 28-29-30-31, Gum 13
Categoria di resti di supernova

Puppis A (SNR G260.4-03.4) è un resto di supernova visibile nella costellazione della Poppa. Si trova in una regione ricca di altri resti di supernova: si trova infatti vicino al resto RX J0852.0-4622 ed è coperta parzialmente dal resto Vela (XYZ) (SNR G263.9-03.3). Come si evince dal nome, Puppis A è la più intensa sorgente di onde radio della costellazione.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Il resto è difficile da localizzare con precisione, dal momento che la sua emissione si sovrappone a quella di Vela (XYZ).

Il resto appare, all'osservazione visibile, come una debolissima nebulosità; l'osservazione alle altre lunghezze d'onda, in particolare le onde radio e i raggi X, permettono di evidenziare alcune strutture: appare come un guscio, più brillante nella sua porzione orientale, mentre mal delimitato ad occidente. Non è esattamente sferico, dal momento che le sue dimensioni angolari sono di 50'×60'. I filamenti principali sono catalogati nel catalogo RCW con i numeri 28, 29, 30 e 31.

La sua distanza, stimata a partire dallo studio dell'assorbimento HI, sarebbe di circa 2,2 kpc, il che conferisce alla struttura un raggio di circa 15-18 parsec; l'ambiente galattico è così il medesimo della nube B del Vela Molecular Ridge, a circa 400 parsec dalla grande associazione OB Vela OB1 e a breve distanza da Turner 5, un'associazione stellare molto dispersa posta ad un'elevata latitudine galattica.[1] La sua età è stimata in circa 3700 anni a partire dalle dimensioni raggiunte dal resto in espansione.

Oggetto centrale[modifica | modifica sorgente]

Al centro del resto è presente una sorgente non identificata di raggi X, chiamata RX J0822.0-4300; considerata una probabile stella di neutroni, sino ad ora non è stata dichiarata tale in maniera univoca nella sua manifestazione come pulsar, malgrado un annuncio fatto in questo senso nel 1999.[2] La sorgente è inoltre essenzialmente simile a quelle presenti nel centro dei giovani resti Cassiopea A, Kesteven 79, RCW 103 e RX J1713.7−3946.

Sono stati divulgati i dati di questa sorgente; si tratta presumibilmente di una sorgente variabile con un periodo di rotazione assai regolare di 75,2797300 ms e in via di rallentamento (1,49×10-13 s·s-1), il che conferisce a questa pulsar un'età caratteristica di 8000 anni e un campo magnetico superficiale di 3,4×108 T. Questo annuncio è stato messo in dubbio, dal momento che non è stato individuata corrispondenza nel continuum radio dell'emissione associata.[3].

Non è stata individuata alcuna controparte ottica nelle magnitudini comprese tra 25,0 (banda B) e 23,6 (banda R).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi anche la mappa galattica della regione delle Vele sul sito GalaxyMap.org.
  2. ^ (EN) G. G. Pavlov, V. E. Zavlin, J. Trümper (1999). X-Ray Pulsations from the Central Source in Puppis A, Astrophysical Journal Letters, 511, L45-L48.
  3. ^ (EN) B. M. Gaensler, D. C.-J. Bock, B. W. Stappers (2000). Nondetection of a Pulsar-powered Nebula in Puppis A and the Implications for the Nature of the Radio-quiet Neutron Star RX J0822-4300, Astrophysical Journal Letters, 537, L35-L38.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari