Punta Parrot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Punta Parrot
Punta Parrot 002.JPG
Punta Parrot. Versante nord visto dalla Punta Zumstein.
Stati Italia Italia
Svizzera Svizzera
Regione Piemonte Piemonte
Vallese Vallese
Provincia Vercelli Vercelli
Altezza 4.432 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°55′10″N 7°52′10″E / 45.919444°N 7.869444°E45.919444; 7.869444Coordinate: 45°55′10″N 7°52′10″E / 45.919444°N 7.869444°E45.919444; 7.869444
Data prima ascensione 16 agosto 1863
Autore/i prima ascensione Reginald S. MacDonald, Florence Crauford Grove e Montagu Woodmass, con le guide Melchior Anderegg e Peter Perren
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Punta Parrot
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Pennine
Sottosezione Alpi del Monte Rosa
Supergruppo Gruppo del Monte Rosa
Gruppo Massiccio del Monte Rosa
Codice I/B-9.III-A.2

La Punta Parrot (Parrotspitze in tedesco) è una montagna alta 4.432 m appartenente al massiccio del monte Rosa nelle Alpi Pennine lungo la linea di confine tra l'Italia e la Svizzera.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Prende il nome da Johann Jakob Friedrich Wilhelm Parrot, un dottore tedesco, il quale fece un tentativo di salita alla Piramide Vincent con Joseph Zumstein nel 1816.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La Punta Parrot vista dal colle del Lys.

La montagna si presenta come una lunga ed affilata cresta disposta in direzione ovest-est. Ad ovest è separata dal Lyskamm dal Colle del Lys mentre ad est il Colle Sesia (4.299 m) la separa dalla vicina Punta Gnifetti.

A nord sotto la montagna prende forma il Ghiacciaio del Grenz; a sud la montagna si presenta rocciosa e scende sulla Valsesia.

Salita alla vetta[modifica | modifica sorgente]

La Punta Parrot e (a destra) la Punta Gnifetti visti dalla Valsesia.

La prima ascensione fu compiuta il 16 agosto 1863 da Reginald S. MacDonald, Florence Crauford Grove, Montagu Woodmass, con le guide Melchior Anderegg e Peter Perren.[1]

È possibile salire la montagna partendo dal Colle del Lys oppure dal Colle Sesia (4.299 m). La difficoltà principale è dovuta al fatto che la cresta diventa in certi tratti particolarmente affilata. Un accesso più lungo ed impegnativo si sviluppa sul versante valsesiano partendo dalla Capanna Fratelli Gugliermina.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Saglio e Boffa, op. cit., p. 232

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]