Promozione 1973-1974

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Nella stagione 1973-1974, la Promozione era il quinto livello del calcio italiano (il primo livello regionale).

Il campionato è strutturato in vari gironi all'italiana su base regionale, gestiti dai Comitati Regionali di competenza. Promozioni alla categoria superiore e retrocessioni in quella inferiore non erano sempre omogenee; erano quantificate all'inizio del campionato dal Comitato Regionale secondo le direttive stabilite dalla Lega Nazionale Dilettanti, ma flessibili, in relazione al numero delle società retrocesse dal Campionato Interregionale e perciò, a seconda delle varie situazioni regionali, la fine del campionato poteva avere degli spareggi sia di promozione che di retrocessione. In Basilicata, Trentino-Alto Adige ed Umbria il primo livello regionale nella stagione 1973-1974 continuò ad essere la Prima Categoria.

Campionati[modifica | modifica sorgente]

Questi invece sono i massimi campionati regionali disputati nella stagione 1973-1974 nelle regioni dove non era ancora stato istituito il campionato di Promozione:

Regolamento[modifica | modifica sorgente]

La normativa F.I.G.C. in vigore dalla stagione sportiva 1969-70 stabiliva che, in caso di assegnazione di un titolo sportivo (promozione o retrocessione), alla fine del campionato si sarebbe dovuto:

  1. disputare una gara di spareggio in campo neutro in caso di attribuzione del primo posto in classifica
  2. non disputare una gara di spareggio ma prendere in considerazione la differenza reti generale in caso di una o più società da classificare per stabilire una o più società retrocedente(i) in categoria inferiore
Tutti i pari merito in cui non si doveva attribuire un titolo sportivo non sono da regolarsi con la differenza reti generale ovvero: tutte le altre squadre a pari punti vanno considerate classificate a pari merito con la posizione di classifica più alta senza considerare la differenza reti anche se i giornali la prendono in considerazione e la evidenziano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Almanacco del calcio regionale Trentino-Alto Adige di Antenisco Gianotti e Sergio Braghini - 1992 Bolzano - Tipografia Presel.
  • Bergamo in campo - 1905-1994 il nostro calcio, i suoi numeri di Pietro Serina (L'Impronta edizioni - Bergamo, 1994) conservato presso le Biblioteche: Nazionale Braidense di Milano, "Angelo Mai" di Bergamo-Città Alta e Nazionale Centrale di Firenze.
  • Dai "Prati di Caprara" a "Internet" un cammino lungo 90 anni (C.R.Emilia-Romagna dal 1910 al 2000) di Daniele Cacozza (Bologna 31 dicembre 2000) scaricabile online in formato pdf qui.
  • C.R.Lazio una storia lunga 95 anni di Roberto Avantaggiato e Rolando Mignini edito il 31 ottobre 2004 dal Comitato Regionale Lazio della F.I.G.C. Lega Nazionale Dilettanti.
  • Emozioni in rete - Storia fotografica della Scafatese dal 1922 al 2002 di Guglielmo Formisano - Ed. GM-Calamos.
  • La storia del Nettuno Calcio di Silvano Casaldi - Cicconi Editore.
  • A.S. Ginosa story di Gianluca Catucci - Ediz. STAMPASUD.

Giornali: