Politica del Belgio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belgio

Questa voce è parte della serie:
Politica del Belgio










Altri stati · Atlante

In Belgio non esistono formazioni politiche attive su scala nazionale; i partiti sono invece espressione delle comunità linguistico-culturali del Paese: fiamminga, vallona e germanica. Il sistema partitico è quindi molto frammentato: in Parlamento sono rappresentati più di dieci partiti.

Dopo un governo guidato dal cristiano-democratico fiammingo Yves Leterme, a capo di una coalizione mista, è iniziata la crisi di governo più lunga dell'ultimo secolo (526 giorni, più della crisi irachena)[1].

Il 2 marzo 2011 Alberto II ha incaricato il cristiano democratico fiammingo Wouter Beke di creare un governo provvisorio, ma dopo oltre due mesi di inconcludenti consultazioni ha chiesto di essere sollevato dall'incarico. Il 16 maggio viene di nuovo dato l'incarico (il primo, infruttuoso, nel 2010) a Elio Di Rupo, ma anch'egli rassegna le sue dimissioni il 21 novembre per poi ritirarle cinque giorni dopo.

Partiti politici[modifica | modifica sorgente]

Partiti fiamminghi[modifica | modifica sorgente]

Partiti francofoni[modifica | modifica sorgente]

  • Centrosinistra
  • Centro
    • Centre démocrate humaniste (centro riformista cristiano) [11]
  • Centrodestra
    • Mouvement réformateur (centrodestra moderato) [12]
    • Front démocratique des francophones (centrodestra moderato) [13]
    • Mouvement des citoyens pour le changement (centrodestra liberaldemocratico) [14]
    • Parti réformateur libéral (centrodestra liberale e liberista) [15]
  • Estrema Destra
    • Front national (destra estrema e xenofoba) [16]
  • Organizzazioni non allineate
    • Union des francophones [17]

Partiti germanofoni o presenti nelle regioni orientali[modifica | modifica sorgente]

  • Centrosinistra
  • Centro
    • Christlich Soziale Partei (cristiano sociali) - [21]
  • Centrodestra
    • Partei für Freiheit und Fortschritt (destra autonomista), Liberaux - [22]
  • Organizzazioni non allineate

Governo[modifica | modifica sorgente]

Ministro Nome Partito
Primo ministro Elio Di Rupo PS
Vice primo ministro e ministro delle Finanze e dello Sviluppo sostenibile Steven Vanackere CD&V
Vice primo ministro e ministro degli Esteri, del Commercio estero e degli Affari europei Didier Reynders MR
Vice primo ministro e ministro dell'Economia, dei Consumatori e del Mare del Nord Johan Vande Lanotte sp.a
Vice primo ministro e ministro delle Pensioni Alexander De Croo Open Vld
Vice primo ministro e ministro dell'Interno Joëlle Milquet cdH
Vice primo ministro e ministro degli Affari sociali e della Sanità pubblica Laurette Onkelinx PS
Ministro del Ceto medio, delle PMI, degli Autonomi e dell'Agricoltura Sabine Laruelle MR
Ministro della Difesa Pieter De Crem CD&V
Ministro delle Imprese pubbliche, della Politica scientifica, della Politica delle grandi città e della Cooperazione allo sviluppo Paul Magnette PS
Ministro della Giustizia Annemie Turtelboom Open Vld
Ministro del Bilancio e della Semplificazione amministrativa Olivier Chastel MR
Ministro del Lavoro Monica De Coninck sp.a
Segretario di stato Nome Partito
Segretario di stato all'Ambiente, all'Energia, alla Mobilità e alla Riforma dello stato Melchior Wathelet cdH
Segretario di stato agli Affari sociali, alle Famiglie e alle Persone disabili Philippe Courard PS
Segretario di stato alla Riforma della stato e all'Ente degli edifici Servais Verherstraeten CD&V
Segretario di stato all'Asilo, alla Migrazione e all'Integrazione sociale Maggie De Block Open Vld
Segretario di stato alla Funzione pubblica e alla Modernizzazione dei servizi pubblici Hendrik Bogaert CD&V
Segretario di stato alla Lotta contro la fraude sociale e fiscale John Crombez sp.a

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Record du Monde - Het Wereld Record

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]