Pirantel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pyrantel
Pyrantel Structural Formulae V.1.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C11H14N2S
Massa molecolare (u) 206.31 g/mol
Numero CAS [15686-83-6]
Codice ATC P02CC01
PubChem 708857
Indicazioni di sicurezza

Pirantel (Pyrantel), nome chimico 1-Metil-2-[(E)-2-(2-tienil)vinil]-5,6-diidro-4H-pirimidine è un farmaco antielmintico tiofenico, utilizzato come pirantel pamoato (Pyrantel pamoato) sia in campo umano che veterinario.

Il Pyrantel pamoato è un antielmintico appartenente alla famiglia delle tetraidropirimidine, molecole contraddistinte da un ampio spettro d’azione e da una bassa tossicità nei mammiferi in quanto non ben assorbite dal tratto gastrointestinale. Questo riduce il rischio di tossicità sistemica e determina la mancata interferenza dei processi metabolici dell’ospite sul farmaco che potrebbero ridurne l’efficacia antielmintica. Il Pyrantel, quale potente agonista dei recettori dell’acetilcolina, inibisce la colinesterasi ed esercita una forte azione nicotinosimile, in questo modo produce un’abnorme stimolazione gangliare colinergica sul sistema nervoso dei parassiti che attraverso un blocco neuronale depolarizzante ne provoca la contrattura muscolare, la paralisi motoria irreversibile, la morte, il distacco dalla parete intestinale e l’espulsione dall’apparato gastroenterico. Il Pyrantel risulta sicuro ed efficace nell’eliminazione degli strongili gastrointestinali (Es: Strongilus vulgaris, Strongilus equinus, Strongilus edentatus) e delle tenie degli equini (Es: anoplocephala magna, anoplocephala perfoliata). Il Pyrantel si è inoltre dimostrato un antielmintico sicuro e ben tollerato nei cavalli e nei ponies in fase di gravidanza e d’allattamento oltre che nei puledri lattanti in fase di svezzamento. Oltre a produrre un effetto benefico sull’equino, sottraendolo all’azione patogena esercitata dai parassiti, il Pyrantel riduce drasticamente la diffusione delle uova nell’ambiente diminuendone il potere infestante, in tal modo riduce la carica parassitaria dei pascoli e dei ricoveri. L’efficacia del pyrantel sulle forme larvali previene le infestazioni da strongili e ascaridi, in quanto, l’uccisione nel lume intestinale delle loro larve ne impedisce l’evoluzione a parassiti adulti con notevole riduzione della contaminazione dei pascoli. L’attività del Pyrantel sui parassiti gastrointestinali del cavallo e del pony non dipende dal tipo di preparazione usata, solu-sospensione orale, pasta o granuli, ne dal tipo di sale usato, vale a dire cloridrato, tartrato o pamoato, che presentano un’attività paritetica. Sulla base dei riscontri reperibili in letteratura è possibile concludere che l’istaurarsi di fenomeni di resistenza degli elminti al Pyrantel costituisca un’eventualità non particolarmente significativa nell’equino e rappresenti un rischio di più che modesta entità per ciò che concerne la salute umana in rapporto all’eventuale ingestione di quote residuali del principio attivo anche in ragione della diversità e della specificità delle specie parassitarie che interessano cavallo e uomo. In letteratura non esistono riscontri in merito a possibili gravi effetti collaterali del Pyrantel pamoato.

Indicazioni in medicina veterinaria[modifica | modifica sorgente]

Trattamento delle infestazioni gastrointestinali degli equidi sostenute da grandi strongili (Strongylus vulgaris, S. edentatus, S. equinus), piccoli strongili (Cyathostominae, Triodonthophorus spp.,) e cestodi (Tenie) Es: Anoplocephala perfoliata, Anoplocephala magna.

Dosaggio in medicina veterinaria[modifica | modifica sorgente]

Considerare attentamente i foglietti illustrativi delle varie specialità commercialmente disponibili. I trattamenti condotti con Pyrantel pamoato non richiede particolari conoscenze o competenze di natura farmacoterapeutica da parte di chi impiega i vari prodotti in quanto si tratta di un principio attivo caratterizzato da uno scarsissimo assorbimento gastroenterico che comporta una minima possibilità di effetti sistemici anche a seguito di erronei iperdosaggi.