Pierpaolo Capovilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierpaolo Capovilla
In concerto con gli One Dimensional Man nel 2011
In concerto con gli One Dimensional Man nel 2011
Nazionalità Italia Italia
Genere Indie rock
Periodo di attività 1981 – in attività
Album pubblicati 8
Studio 8

Pierpaolo Capovilla (Varese, 18 febbraio 1968) è un cantautore e bassista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Lombardia, si trasferisce in Veneto, trascorrendo l’infanzia in un'abitazione di fronte alla chiesa di Santa Cristina di Quinto di Treviso (TV) con i genitori e le due sorelle.[1]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a suonare all'età di vent’anni.[1]

Nel 1996 ha fondato con Massimo Sartor il gruppo noise rock One Dimensional Man.[2] Con gli ODM, di cui è voce e autore, pubblicherà gli album One Dimensional Man (1997, Wide Records), 1000 Doses of Love (2000, Wide Records), You Kill Me (2001, Gamma Pop/Wallace Records) e Take Me Away (2004, Ghost Records/Midfinger Records), prima di intraprendere una pausa e dedicarsi al progetto Il Teatro degli Orrori.

Nel 2005 infatti, darà vita a una nuova band, chiamata appunto Il Teatro degli Orrori, in cui canta in italiano. Pubblicherà con il TDO gli album Dell'impero delle tenebre (2007), A sangue freddo (2009) e Il mondo nuovo (2012), tutti e tre per La Tempesta.

Nel frattempo, nel periodo 2010-2011, Capovilla riunisce gli One Dimensional Man, che realizzano il disco A Better Man.

Il 17 aprile 2014 pubblica il videoclip del brano Dove vai, con il quale anticipa l'uscita del suo album solista.[3] Il brano è stato scritto con Giulio Favero e Paki Zennaro, mentre il video è stato diretto da Mauro Lovisetto.[4]

Il 27 maggio 2014 pubblica il suo album discografico d'esordio da solista Obtorto collo, prodotto da Taketo Gohara,[5] su etichetta La Tempesta Dischi.

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con il rapper Piotta nel brano Odio gli indifferenti, contenuto nell'omonimo album rilasciato nel 2012.

Sempre nel 2012 co-scrive e duetta con Marina Rei nel brano E mi parli di te, singolo di lancio dell'album La conseguenza naturale dell'errore della cantautrice e polistrumentista romana.

Nel 2013 va in tour con i Nadàr Solo, con cui ha collaborato Il Teatro degli Orrori.

Ha partecipato al disco Indagine su un sentimento dei Tiromancino (2014) come coautore e cantante del brano In una notte di marzo.[6]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Capovilla compie un tour teatrale dove legge testi del poeta russo Vladimir Vladimirovič Majakovskij, accompagnato da Giulio Favero, che cura il sottofondo musicale. Il progetto è un reading musicale in due atti: Eresia socialista e Eresia dell’amore.[7] Da questo reading viene realizzato un DVD, uscito in maggio e pubblicato da Auditorium Edizioni.

Nel 2011 ha partecipato come attore alle riprese de I primi della lista[8], film di Roan Johnson con protagonista Claudio Santamaria, in cui interpreta il ruolo di un barista.[9]

Nel 2011 viene nominato "Uomo dell'anno" 2010 dal settimanale L'Espresso.[10]

Il 21 febbraio 2012 ha scritto su il manifesto una lettera d'appoggio al giornale, sostenendolo in un periodo di crisi.

Nel 2012 accompagna lo scrittore e musicista torinese Matteo De Simone (cantante e bassista dei Nadàr Solo) in un tour di letture tratte dal romanzo di De Simone Denti guasti, con l'accompagnamento musicale di Daniele Celona.

Nel 2013 si dedica a un reading di Pier Paolo Pasolini dal titolo La religione del mio tempo e costituito da tre atti (Ballata delle Madri, La Religione del mio Tempo e Una Luce).

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

One Dimensional Man[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro degli Orrori[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]