Pier Francesco Mola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pier Francesco Mola: autoritratto

Pier Francesco Mola detto Il Ticinese (Coldrerio, 9 febbraio 1612Roma, 13 maggio 1666) è stato un pittore svizzero-italiano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di un architetto emigrato a Roma, Giovanni Battista Mola, e maturò il suo stile viaggiando tra Bologna e Venezia tra il 1633 e il 1647. Aveva studiato inizialmente con Prospero Orsi e successivamente con il Cavalier Giuseppe d'Arpino, poi come assistente di Annibale Carracci e del Domenichino fu influenzato dalle forme morbide del Guercino. A Bologna avrebbe avuto quale nuovo maestro Francesco Albani e conobbe il pittore Andrea Sacchi.

Nel 1647 ritornò presso la famiglia a Roma, dove dipinse paesaggi romantici in chiaroscuro. Qui espresse anche la sua arte eclettica dipingendo affreschi dove fondeva il Rinascimento di Raffaello e Michelangelo con i colori tenui di Tiziano e Guercino.

Fu eletto membro dell'Accademia di San Luca nel 1655, principe dal 1662 al 1663.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pier Francesco Mola in Dizionario storico della Svizzera.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Battista Passeri, Vite de' pittori, scultori ed architetti che anno lavorato in Roma, Roma 1642, 370-388.
  • Filippo Titi, Descrizione delle Pitture, Sculture e Architetture esposte in Roma, Marco Pagliarini, Roma 1674, rivista da Giovanni Bottari 1763, 176, 179, 181, 273, 309, 373.
  • Lione Pascoli, Vite de' Pittori, Scultori et Architetti moderni, I, Roma, 1730, 125-131.
  • Luigi Lanzi, Storia pittorica della Italia dal Risorgimento delle Belle Arti fin presso la fine del XVIII secolo, Bassano 1789 (2ª edizione Bassano 1809, edizione moderna a cura di M. Capucci, Firenze 1968-1979,I, 1968, 366-367.
  • Hermann Voss, Di Pierfrancesco Mola pittore e incisore comasco, in Rivista Archeologica della Provincia e antica Diocesi di Como, 59-61, 1910, 117-218.
  • Leandro Ozzola, Alcuni quadri di Pierfrancesco Mola, in Bollettino d'Arte, V, 1911, 318-321.
  • K.T. Parker, Pier Francesco Mola, in Old Master Drawings, II, 1927, 23-24.
  • Wart Arslan, Opere romane di Pier Francesco Mola, in Bollettino d'Arte, VIII, s. II, 1, 1928-1929,55-80.
  • Heinrich Voss, ad vocem, in Ulrich Thieme - Felix Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Küstler, Leipzig 1931.
  • Charles Sterling, Au Département des Peintures. Guerrier Oriental par Pierfrancesco Mola, in Musèes de France, 1950, 33-40.
  • Valentino Martinelli, Nuovi ritratti di Guidobaldo Abbatini e di Pier Francesco Mola, in Commentari, I, 1958, 99-109.
  • J. Rowlands, Mola's Preparatory Drawings and Some Addictions to his Oeuvre, in Master Drawings; II, 1964, 3, 271-276.
  • Ann B. Sutherland, Pier Francesco Mola. His Visits to North Italy and his Residence in Rome, in The Burlington Magazine, 106, numero 737, 1964, 58-59, 115-120, 363-368.
  • Andrea Busiri Vici, Pier Francesco Mola's "Archimedes", in Apollo, LXXXII, 1965, 32-37.
  • Valentino Martinelli, Altre opere di Pier Francesco Mola a Roma, in Arte in Europa. Scritti di storia dell'arte in onore di Edoardo Arslan, I, MIlano 1966, 713-718.
  • Edordo Arslan, Disegni del Mola a Stoccolma, in Essays in the History of Arts presented to Rudolph Wittkover, London 1967, 197-199.
  • Renselaer W. Lee, Mola and Tasso, in Studies in renaissance and Baroque Art presented to Anthony Blunt on this 60th Birthday, Londra 1967, 136-141.
  • Richard Cocke, Mola's Designs for the Stanza dell'Aria at Valmontone, in The Burlington Magazine, 110, n. 784, 1968, 558-565.
  • Agnes Czobor, On Some Late Works of Pier Francesco Mola, in The Burlington Magazine, 110, n. 784, 1968, 565-573.
  • Jean Genty, Pier Francesco Mola in patria, in Bollettino Storico della Svizzera Italiana, LXXX, III, Bellinzona, 1968, 103-132.
  • Anna Segagni, Precisazioni sugli affreschi del Mola a Coldrerio, in Archivio Storico Ticinese, 35, Casagrande, Bellinzona 1968, 242.256.
  • Richard Cocke, A Note on Mola and Poussin, in The Burlington Magazine, 111, 1969, 712-719.
  • Stella Rudolph, Contributo per Pier Francesco Mola, in Arte illustrata, II, numeri 15-16, 1969, 10-25.
  • Ann Sutherland Harris, Trois nouvelles études de Pier Francesco Mola pour la fresque du Quirinal "Joseph et ses Frères", in Revue de l'Art, 6, 1969, 82-87.
  • W. Witzthum, Mola at Valmontone, in The Burlington Magazine, 111, 1969, 91.
  • Jacob Bean, Richard Cocke, Pier Francesco Mola,in Master Drawings, X, n. 4, 1972, 386-387.
  • Richard Cocke, Pier Francesco Mola, Oxford University, 1972; Idem, Some Late Drawings by Pier Francesco Mola, in Master Drawings, X, n.1, 1972, 25-31.
  • B. Riccio, Ancora sul Mola, in Arte illustrata, 51, 1972, 403-411.
  • Stella Rudolph, Pier Francesco Mola: la monografia di R. Cocke e nuovi contributi, in Arte illustrata, 50, 1972, 346-354.
  • Valentino Martinelli, Alessandro VII e Pier Francesco Mola, in Studi offerti a Giovanni Incisa della Rocchetta, Roma 1973, 293-292.
  • Ann Sutherland Harris, R. Cocke: Pier Francesco Mola, in The Art Bulletine, ,LVI, 1974, 289-292.
  • Erich Schleier, Pier Francesco Mola e S. Maria della Quercia, XVI, 6, 1977, 12-22.
  • A. Walther,Ein weiteres Bild von Mola in der Dresdener Galerie, in Dresdener Kunstblàtter, 23, 1979, 6-13.
  • Jean Genty, Pier Francesco Mola pittore, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1979; Idem,Trois tableaux inédits de Pier Francesco Mola, in Bollettino Storico delle Svizzera Italiana, XLV, 1983, 5-8.
  • Arnauld Brejon de Lavergniée, Restitution d'un tableau de Pier Francesco Mola, in Revue de l'Art, LXXIV, 1986, 73.
  • Jean Genty, Pier Francesco Mola nelle collezioni private svizzere, catalogo della mostra, Lugano 1986.
  • Arnauld Brejon de Lavergniée, A Picture by Mola Comes Back to the Louvre, in The Burlington Magazine, 129, n. 1007, 1987, 77-79.
  • Giulia De Marchi, Mostre di quadri a S. Salvatore in Lauro (1682-1725) stime di collezioni romane, note e appunti di Giuseppe Ghezzi, Roma 1987, 124.
  • B. Davis, Mola and Cortona, in Master Drawings, XXV, 2, 1987, 153-156.
  • Manuela Kahn-Rossi, (a cura di), Pier Franceswco Mola 1612-1666, catalogo della mostra di (Lugano, 23.9.- 19.11.1989; Roma, 3.12.- 31.1.1990), Electa, Milano 1989 (con bibliografia precedente).
  • H. Bridgstocke, Roma. Musei Capitolini: Pier Francesco Mola, in The Burlington Magazine, 132, 1990, 61-63.
  • Liliana Grassi, Alcuni disegni di Pier Francesco Mola e il curioso precedente di una tormentosa vicenda, in M. Bona Castellotti (a cura di), Scritti in onore di Giuliano Briganti, Milano 1990, 205-218.
  • Erich Schleier, Per Giovanni Battista Pace e Pier Francesco Mola, in Antichità viva, 31, numeri 5 e 6, 1992, 13-18.
  • Heinrich Th. Schulze-Altcappenberg, Gemalte "disegni": drei Ölskizzen von Pier Francesco Mola im Kunstmuseum Düsseldorf, in Wallraf-Richartz Jahrbuch, 53, 1992, 83-94.
  • Ann Sutherland Harris, A Mola Drawing in Madrid, in Master Drawings, 30, n. 4, 1992, 435-437.
  • Liletta Formasari Risaccioni, Per Pier Francesco Mola. due ritratti inediti, in Antichità viva, 32, n. 6, 1993, 32-34.
  • Gianni Papi, Giovanni Serodine, Pier Francesco Mola e il Canton Ticino, e schede, in Mina Gregori, (a cura di), Pittura a Como e nel Canton Ticino dal Mille al Settecento, Milano 1994, 62-67, 336-337.
  • Markus B. Burke, Collections of Painting in Madrid 1601-1755, edito da Maria L. Gilbert, Getty Resaerch Institute, Los Angeles 1997.
  • Mina Gregori, Pier Francesco Mola tra Tiziano e Lorenzo Lotto, in G.M. Pilo (a cura di), Pittura veneziana dal Quattrocento al Settecento: studi di storia dell'arte in onore di Egidio Martini, Venezia 1999, 43-45.
  • F. Burke, Collections of Painting in Madrid per il cardinale Flavio Chigi, in Antologia delle Belle Arti, n.s., 59-62, 2000 (ma 2001), 167-172.
  • A. Brejon de Lavergniée, Autur de Tommaso Luini et de Pier Francesco Mola: retour sur quelques tableaux italiens des muséees de Province, in Gazette des Beaux Arts, 144, 2, 2002, 199-204.
  • S. Brink,Disegnatore virtuoso. Die Zeichnungen des Pier Francesco Mola und seines Kreises, catalogo della mostra, Düsseldorf 2002,.
  • Francesco Petrucci, Contributi al Mola pittore di figura, in Studi sul Barocco romano. Scritti in onore di Maurizio Fagiolo dell'Arco, Milano 2004, 231-242; Idem, (a cura di), Mola e il suo tempo: pitture di figura a Roma dalla Collezione Kölliker, catalogo della mostra di Ariccia, Palazzo Chigi, Milano 2005, 23-87; Idem, "Il Mercante di Venezia" e altri dipinti del Mola,in Studi di Storia dell'Arte, 2007; Idem, Un nuovo dipinto di Pier Francesco Mola. Euclide con un discepolo, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Roma nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 8, numero 35, settembre-ottobre 2007, Lugano 2007, 212-217.
  • Edoardo Villata, Pier Francesco Mola. Biografia e bibliografia, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Roma nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 8, numero 35, settembre-ottobre 2007, Lugano 2007, 206-223.
  • Carla Enrica Spantigati (a cura di), De Van Dyck à Bellotto. Splendeurs à la cour de Savoie, catalogo della mostra, Bruxelles 2009, Torino-Londra-Venezia-New York 2009, 192.
  • Laura Facchin, Opere di artisti svizzeri alla Galleria Sabauda. Una prima indagine, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Torino nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, «Arte&Storia», anno 11, numero 52, ottobre 2011, Edizioni Ticino Management, Lugano 2011.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66735480 LCCN: nr88005819