Perilla teres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Perilla teres
Immagine di Perilla teres mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Famiglia Araneidae
Sottofamiglia Araneinae
Tribù Araneini
Genere Perilla
Thorell, 1895
Specie P. teres
Nomenclatura binomiale
Perilla teres
Thorell, 1895

Perilla teres Thorell, 1895 è un ragno appartenente alla famiglia Araneidae.

È l'unica specie nota del genere Perilla.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Ha preso il nome dal greco Πέριλλος, Perillo, bronzista di Agrigento, che costruì un toro di bronzo per il tiranno Falaride; all'interno il toro era cavo e collocandovi un uomo e arroventandolo, grazie alla forma della bocca del toro, i lamenti strazianti del torturato fuoriuscivano in forma di muggito.

L'aracnologo Thorell, nella descrizione del genere ha indicato di aver denominato il genere in onore di questo personaggio, non evidenziando però il motivo della scelta [1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La specie oggi nota di questo genere è state rinvenute in alcune località dell'Asia sudorientale: precisamente nel Myanmar, in Vietnam e in Malesia[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2009 non sono stati esaminati altri esemplari, né sono state descritte sottospecie al 2013[2].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Perilla cylindrogaster Simon, 1909; questi esemplari sono stati riconosciuti in sinonimia con P. teres Thorell, 1895 a seguito di un lavoro dell'aracnologo Kuntner del 2002[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catalogue of the spiders of Burma, 1895, p.195
  2. ^ a b c The world spider catalog, Araneidae

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thorell, 1895 - Descriptive catalogue of the spiders of Burma. London, p.1-406.
  • Kuntner, 2002 - The placement of Perilla (Araneae, Araneidae) with comments of araneidae Phylology The Journal of Arachnology, vol.30, p.281-287 URL consultato il 4 aprile 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi