ParaNorman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ParaNorman
ParaNorman.png
Norman in una scena del film
Titolo originale ParaNorman
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2012
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere animazione, commedia, fantasy, orrore
Regia Sam Fell, Chris Butler
Soggetto Arianne Sutner, Stephen Stone
Sceneggiatura Chris Butler
Produttore Travis Knight, Arianne Sutner
Casa di produzione Laika Entertainment
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Storyboard Michael Schlingmann
Animatori Payton Curtis, Travis Knight, Jeff Riley
Fotografia Tristan Oliver
Montaggio Christopher Murrie
Musiche Jon Brion
Scenografia Yvonne Boudreaux
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
(EN)

« You don't become a hero by being normal »

(IT)

« Non bisogna essere normali per diventare eroi »

(Tagline originale[1] e italiana[2])

ParaNorman è un film d'animazione del 2012 diretto da Sam Fell e Chris Butler e con protagonisti Kodi Smit-McPhee, Casey Affleck, Tempestt Bledsoe e John Goodman. Il film, prodotto da Laika Entertainment, è girato utilizzando la tecnologia stop-motion ed è stato distribuito anche in 3-D. Il film fu candidato al miglior film d'animazione agli Oscar 2013, senza però trionfare.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Norman Babcock (il protagonista del film) è un ragazzino undicenne, amante degli zombi e i film relativi ad essi, che vive in uno squallido quartiere di una cittadina. A scuola viene preso in giro dai compagni di classe, in particolare dal bullo Alvin. A casa viene ignorato. Norman ha però qualcosa di particolare, un dono. Egli è infatti in grado di vedere e di parlare con i fantasmi delle persone morte da tempo, tra cui quello di sua nonna; proprio per questo suo padre Perry lo crede malato mentalmente. A scuola invece, per lo stesso motivo, i compagni lo prendono in giro definendolo "strambo" (freak).

Un giorno Norman, tornando da scuola, incontra suo zio, un barbone, che gli racconta della maledizione di una strega, dicendogli che ogni anno lui ha il compito di fermarla, ma che ora non ne è più in grado e che deve quindi passare l'incarico a un'altra persona in grado di vedere i fantasmi. Ovviamente, l'altra persona è proprio Norman: gli racconta anche che dove fermare un'ondata di zombi che invaderà la città, e per farlo deve leggere, sulla tomba della strega, uno speciale libro che Norman prende a casa dello zio. Spaventato e scosso dall'evento, Norman tenterà di leggere il libro nel cimitero la notte indicatagli, ma si accorge che si tratta di un libro di fiabe, che, ovviamente, non ha effetto. Una nube a forma di strega si leva sopra la città e gli zombie la invadono. La popolazione della città, vedendo che gli zombi non provocano tanti danni, inizia ad attaccarli. Aiutato da un suo compagno di classe, sua sorella Courtney e il fratello del compagno, Mitch, Norman dovrà scoprire come fermare l'ordata di zombie e se è il libro ad essere quello errato o il posto dove era stata seppellita la strega. Norman, grazie ad un flashback, scopre che gli zombie non vogliono far danno, e Norman riesce a capire la loro "lingua".

Dopo la morte di suo zio, Norman scopre, facendo ricerche nell'anagrafe, il vero nome della strega: Agata, anch'ella era una bambina undicenne in grado di vedere i fantasmi e gli spiriti. Un giorno venne condannata a morte per stregoneria perché parlava con i fantasmi nelle strade. Giudicata colpevole, Agata fu arsa viva, ma, data l'ingiustizia, le fu concessa una vendetta: ogni anno ella poteva risvegliarsi per non far mai riposare in pace i giudici (ossia gli zombie che ora erano attaccati in città); ogni anno, però, un visionario andava sulla sua tomba a leggerle un libro di fiabe per farla addormentare e fare in modo che gli zombie non risorgessero.

Stufo della situazione, Norman decide di convincere Agata (ormai solo scintille a forma di bambina) che non è giusto distruggere la città solo perché in passato vi era stata maltrattata. Inoltre, le racconta anche la storia di lui che vede fantasmi e viene canzonato per questo. Agata gli mostra quindi dove fu seppellita, e dice che si sarebbe addormentata per sempre. Tutto quello che vuole è stare con sua mamma.

La città si salva, e lo spirito di Agata non farà mai più visita.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato distribuito dalla Focus Features il 28 ottobre 2011 ed ha la particolarità di non contenere nessuna scena parlata.[3] Il 2 marzo 2012 è stato messo online il secondo trailer del film, della durata di due minuti e mezzo,[4] a cui è seguito il 29 dello stesso mese il trailer internazionale.[5] Il trailer in italiano è stato invece distribuito online il 17 aprile 2012 dalla divisione italiana della Universal Pictures.[6] Il 14 agosto 2012 è stato infine distribuito il trailer finale in lingua inglese del film.[7]

La pellicola è stata distribuita nelle sale statunitensi a partire dal 17 agosto 2012.[8] In Italia è arrivato invece l'11 ottobre 2012.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Locandina originale del film. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  2. ^ ParaNorman – Ecco il poster italiano e una valanga di immagini, ScreenWeek Blog, 19 gennaio 2012. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  3. ^ Ecco il teaser trailer di ParaNorman!, 28 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  4. ^ Ecco il nuovo trailer di ParaNorman!, 2 marzo 2012. URL consultato il 3 marzo 2011.
  5. ^ Il trailer internazionale di ParaNorman, 29 marzo 2012. URL consultato il 2 aprile 2011.
  6. ^ Il trailer italiano di ParaNorman, 17 aprile 2012. URL consultato il 17 aprile 2012.
  7. ^ (EN) The Deadline Team, Hot Web Trailer: ‘ParaNorman’ in deadline.com, 14 agosto 2012. URL consultato il 15 agosto 2012.
  8. ^ Il teaser poster di ParaNorman, 26 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  9. ^ Nuove date di uscita per i film Universal. URL consultato il 6 marzo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema