Orihime Inoue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Questa volta ti proteggerò io, Tatsuki. »
(Orihime Inoue)
Orihime Inoue
Orihime a Las Noches
Orihime a Las Noches
Universo Bleach
Nome orig. 織姫 井上 (Orihime Inoue)
Lingua orig. Giapponese
Autore Tite Kubo
Studio Studio Pierrot
Editore Shueisha
1ª app.
  • Manga: Capitolo 2
  • Anime: Episodio 2 – Capitolo 318
1ª app. in Bleach
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
app. it. Volume 1 – Volume 28
Voce orig. Yuki Matsuoka
Voce italiana Emanuela Pacotto Bleach: Memories Of Nobody
Sesso Femmina
Luogo di nascita Tokyo

17 (17 mesi dopo la battaglia a Karakura)

Data di nascita 3 settembre
Parenti

Inoue Sora (fratello, deceduto)

Orihime Inoue (井上 織姫 Inoue Orihime?) è uno dei personaggi femminili di Bleach, manga di Tite Kubo. È arrivata ottava nel sondaggio effettuato su Shonen Jump, la rivista settimanale su cui l'opera è pubblicata.[1]

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Di indole estremamente buona e gentile, Orihime è una ragazza molto dolce e sensibile, apparentemente inadatta ad ogni tipo di combattimento. È molto allegra e solare, e cerca sempre di tirare su gli altri nonostante sia la prima a trovarsi in difficoltà: infatti, dopo la morte del fratello, avvenuta quando lei ancora frequentava le medie, vive da sola. Sotto l'apparenza di una ragazza molto formosa e poco intelligente, si trova in realtà una delle studentesse più brave della sua scuola, tanto da essere la terza in ordine di graduatoria per gli esami dell'intera scuola.

È molto legata a Tatsuki Arisawa, la sua migliore amica, ed è sempre pronta ad aiutare chiunque necessiti del suo aiuto, soprattutto se si tratta di Ichigo Kurosaki, di cui è innamorata. Nella classe, inoltre, è sempre bersaglio delle azioni di Chizuru Honshō, la quale è profondamente innamorata di Orihime essendo lesbica. Orihime è anche bersaglio delle fantasie erotiche di Kon, che la considera la sua dea prediletta. Essendo stata nella Soul Society, Orihime ha incontrato anche vari Shinigami, tra cui Rukia Kuchiki, che riveste un ruolo importante anche per i suoi rapporti con Ichigo: Inoue infatti la vede come un'amica, ma anche come una rivale, in quanto rappresenta per Ichigo "la persona che gli ha cambiato la vita". Orihime è consapevole di tutto questo (lo ammette infatti anche verso la fine della saga nella Soul Society) ma nonostante ciò non riesce a vedere Rukia da un'ottica differente, per lo meno fino a quando non ha la possibilità di parlarle nel capitolo 228, che rappresenta la prima vera occasione di dialogo tra le due ragazze.

I suoi poteri sono più che altro curativi, e scaturiscono dai fermagli magici che ha sui capelli. Grazie ai sei spiriti che nascono da questo fermaglio, Orihime è in grado di attaccare, proteggersi e curare; a seconda dello spirito invocato, Inoue può usufruire di questi poteri. La sua capacità però diverrà oggetto delle attenzioni di Sōsuke Aizen, il quale ordinerà il suo rapimento. Da questo scaturirà tutta la saga di Las Noches, nella quale veniamo a conoscenza che il potere di Orihime non è curativo, bensì si tratta di "rifiuto temporale", ovvero del potere di annullare il volere di Dio nel tempo: ne abbiamo una prova quando lo utilizza per guarire Grimmjow.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nella saga iniziale[modifica | modifica sorgente]

La prima volta che appare la troviamo come una normale ragazza che va nella stessa scuola di Ichigo.

La sua prima esperienza con il mondo spirituale è con il fratello morto, Sora Inoue, che diventa un Hollow e la attacca. Viene però purificato da Kurosaki, intervenuto in suo aiuto, e grazie a Rukia la ragazza dimentica l'accaduto.

La prima volta che si trova costretta ad affrontare un Hollow è quando Uryū Ishida, deciso a sfidare il rivale Ichigo all'eliminazione del maggior numero di mostri, richiama un elevato numero di spiriti. L'Hollow in questione, Numb Chandelier, ha l'abilità di controllare il corpo di chiunque venga colpito dal suo attacco. Subito interviene Tatsuki Arisawa che prova a salvarla dall'elevato numero di schiavi reclutati dal mostro, ma alla fine cade anch'essa suo malgrado sotto l'influenza di Chandelier. Orihime decide che è giunto il tempo che sia lei a salvare la sua amica. Questo desiderio trasforma la sua spilla a forma di fiore in sei piccoli spiriti. Essi vengono chiamati "Shun Shun Rikka" e con il loro potere la ragazza sconfigge il mostro.

Nota la scomparsa di Rukia, a differenza di tutti gli altri compagni, facendo notare la cosa a Ichigo, non sapendo che la ragazza è stata messa in prigione proprio dal fratello adottivo dove aspetta la sentenza di morte.

Successivamente, a lei e a Chad viene spiegata tutta la situazione da Kisuke Urahara e, dopo aver scoperto tutto, i due vengono allenati da Yoruichi Shihōin in forma di gatto.

Nella Soul Society[modifica | modifica sorgente]

Dopo che Rukia è tornata nella Soul Society, Orihime farà parte del gruppo che andrà a salvarla, insieme con Ichigo (che all'inizio era scettico su un suo impiego), Chad, Yoruichi Shihōin e Uryū Ishida. All'arrivo nella Soul society si unirà a loro anche Ganju Shiba.

Compagno fisso con lei è il Quincy: infatti i due si perderanno e insieme si troveranno ad affrontare Jirōbō Ikkanzaka, che verrà abbattuto da Ishida. Orihime non sarà molto d'aiuto e nel corso della lotta lo spirito Tsubaki viene sconfitto facilmente, a causa dell'ancora scarsa dimestichezza della ragazza con i suoi poteri. Si infiltreranno travestendosi da Shinigami, ma non conoscendo le consuetudini del luogo verranno smascherati.

Rimane molto stupita dal comportamento del capitano della dodicesima divisione, Mayuri Kurotsuchi, che usa i suoi sottoposti come bombe umane per eliminare gli intrusi. Cercherà di salvarli o almeno di proteggerli, ma l'unico che riuscirà a salvare sarà invece un sottoposto dell'undicesimo distretto, Makizō Aramaki, finito lì per caso. In seguito si riunirà a quasi tutti i suoi amici per andare a salvare Rukia dal suo terribile destino.

Saga dei Bount[modifica | modifica sorgente]

Durante la piccola saga filler presente solo nell'anime, Orihime dovrà combattere contro Rukia, che era stata posseduta dalla bambola del Bount Mabashi, Ritz. Orihime riesce, non facilmente, a liberarla dal controllo della bambola.

In seguito, quando i suoi amici decidono di affrontare per la battaglia decisiva i bount, Orihime vuole rimanere indietro per guarire le ferite di Jidanbō. Alla fine Orihime si riunisce a Ichigo e agli altri guarendo le ferite di tutti.

Saga degli Arrancar[modifica | modifica sorgente]

Una volta salvata Rukia, tutti tornano alla vita di sempre. A scuola arriva un nuovo studente, Hirako Shinji, che si rivelerà in seguito essere un Vizard.

Poco dopo, il mondo degli umani viene invaso da due Espada Ulquiorra Schiffer e Yammy Rialgo. Orihime e Chad cercano di salvare Tatsuki, che sta per essere uccisa dall'aura del gigante, ma i due vengono sconfitti e durante la sfida Tsubaki viene gravemente ferito.

Vengono mandati diversi shinigami per difendere la città, mentre Aizen inizia ad interessarsi alla ragazza e al suo potere. Orihime riesce facilmente ad entrare nella base dei Vizard (dove Ichigo si sta allenando) superando la barriera creata da Hachigen Ushōda. Incontra quindi Urahara, che subito comprende cosa può volere Aizen da lei e cerca inutilmente di dissuaderla dal continuare ad allenarsi. Parla con Rukia e alla fine le due decidono di tornare nella Soul society e allenarsi insieme.

Ulquiorra viene mandato a Karakura da Aizen con il preciso ordine di condurre Orihime al suo cospetto; manderà un gruppo di Arrancar per distrarre la squadra di supporto degli Shinigami e la ragazza, volendo intervenire per aiutare i suoi amici feriti, sarà facile preda dell'Espada.

Prima di essere catturata le viene data la possibilità di salutare chi desidera, perché da quel momento in poi sarà invisibile a tutti tranne agli Arrancar e potrà attraversare gli oggetti, se lo desidera. Dopo di che se non verrà spontaneamente al covo di Ulquiorra e compagni, nell'Hueco mundo, tutti i suoi amici verranno uccisi. Lei, senza neanche pensare che la minaccia possa essere inattuabile, accetta decidendo di salutare Ichigo. Lei sceglie di salutarlo mentre dorme, e sta quasi per baciarlo, ma lei stessa si blocca vedendo quella possibilità come indegna di lei. Prima di andarsene scrive sul diario "Goodbye halcyon days", che tradotto significa "addio giorni felici".

Nell'Hueco Mundo[modifica | modifica sorgente]

Appena arrivata a Las Noches, il castello degli Arrancar, ad Orihime viene ordinato da Aizen in persona di dimostrare la sua abilità rigenerando il braccio sinistro di Grimmjow Jeagerjaques, perso e distrutto per mano di Kaname Tōsen tempo addietro. Dopo aver ricreato il braccio e guarito la cicatrice sulla schiena sopra il numero 6, Grimmjow massacra brutalmente Luppi (che aveva preso il suo posto) davanti a lei, che assiste inorridita.

A Orihime viene assegnata una stanza e nuovi vestiti stile Arrancar. Ulquiorra, che l'ha in custodia dopo averla rapita, la informa che un gruppo di intrusi si è infiltrato all'interno di Las Noches con l'intento di salvarla. Dopo aver saputo dei suoi compagni, diventa confusa perché non sa se accettare il loro aiuto oppure essere coerente con la sua decisione di poco prima di distruggere l'Hougyoku, mostratole in precedenza da Aizen in segno di fiducia.

Mentre si trova nella sua stanza da sola, guardando la finestra, percepisce che Chad è stato sconfitto e gravemente ferito, nonostante sia ancora in vita. Poco dopo arriva Ulquiorra che prova convincerla a mangiare, quindi infastidito le dice che i suoi amici sono dei folli se pensano di poter vincere e che sono spacciati fin da quando hanno messo piede nell'Hueco Mundo. Inoue, irritata, reagisce con uno schiaffo diretto all'Espada. Ulquiorra fa finta di niente e se ne va. Rimasta sola, la ragazza scoppia in lacrime.

Più avanti, due giovani fanciulle Arrancar, Loly e Menoly, entrano nella stanza di Orihime con l'intenzione di torturarla. Mentre Loly è intenta a picchiarla, arriva Grimmjow che la salva dalle due Arrancar, tranciando una gamba a Loly e distruggendo la parte superiore del corpo di Menoly con un Cero, sotto gli occhi increduli di Orihime. Immediatamente dopo, Grimmjow ordina a Orihime di curarsi le ferite e di seguirlo, ma la ragazza prima di occuparsi di sé e seguire Grimmjow decide di curare le sue due torturatrici; Loly rimane poi shockata quando vede Inoue rigenerare il corpo distrutto di Menoly. Subito dopo, l'Espada la porta dritta da Ichigo, in fin di vita, e le ordina di curarlo per potersi scontrare con lui a piena potenza. Mentre lo sta curando, arriva Ulquiorra, che però viene bloccato da Grimmjow in un'altra dimensione. Dopo l'accaduto, Inoue si impunta che non vuole più curare Ichigo perché poi Grimmjow gli farebbe ancora del male; l'Espada reagisce ma viene fermato da Ichigo che chiede alla ragazza di curare entrambi. Dopo che la battaglia ha avuto inizio, Orihime consola la piccola Nel, dicendole che Ichigo vincerà se lei lo desidera. Quindi proverà terrore vedendo Ichigo con la maschera Hollow, ma grazie a Nel capirà che, nonostante la maschera, è lo stesso ragazzo che ha sempre conosciuto e amato. Alla fine dello scontro tra i due, un nuovo avversario ingaggia battaglia con Ichigo, Nnoitra, che subito ordina alla sua Fracciòn Tesla di tenere d'occhio Orihime. Grazie all'intervento di Kenpachi Zaraki, sia Tesla che Nnoitra vengono sconfitti. Inoue, una volta guarito Ichigo, si reca verso Kenpachi per curarlo, ma Stark, il primo Espada, la porta al cospetto di Aizen, impedendo agli altri di bloccarlo. Orihime viene nuovamente imprigionata, nella quinta torre di Las Noches, e ancora una volta sarà Ulquiorra a sorvegliarla. Quest'ultimo chiede alla ragazza se lei abbia paura ma lei nega, forte del fatto che i suoi amici sono lì per lei e che Ichigo sta venendo a salvarla. Assiste quindi alla battaglia tra Ichigo e Ulquiorra, intervenendo in un momento difficile per Kurosaki, salvandogli la vita. Durante la saga dell'Hueco Mundo la potenza dello scudo difensivo e quello di guarigione aumentano tanto che Ichigo non riesce a distruggerlo dall'interno.

Saga del Fullbring[modifica | modifica sorgente]

Orihime, diciassette mesi dopo i fatti dell'Hueco Mundo, ha ripreso la sua esistenza normale di studentessa, ma continua a preoccuparsi per Ichigo, che non ha più i suoi poteri da shinigami. Successivamente viene attaccata da Tsukishima, il quale, grazie al suo Fullbring, riesce a far sì che la ragazza lo difenda da Ichigo, una volta che questi capisce le trame del Fullbringer. Successivamente, quando arriveranno dalla Soul Society diverse vecchie conoscenze del gruppo, la ragazza e Sado, sfruttati ancora da Tsukishima contro Ichigo, verranno salvati da Urahara e Isshin.

Abilità[modifica | modifica sorgente]

Shun Shun Rikka[modifica | modifica sorgente]

Il potere di Orihime si chiama Shun Shun Rikka (盾舜六花? letteralmente "Sei fiori dello scudo di Ibiscus"), ed è costituito da sei piccole fate che risiedono nel fermacapelli che tiene sempre con sé e che le fu donato dal fratello. Tale oggetto ha la forma di sei petali, da cui prende il nome la tecnica. L'origine di questi poteri è dovuta all'effetto dell'Hougyoku[2].

Ognuno dei sei esseri ha un aspetto e un carattere unico, e portano tutti il nome di un fiore:

  • Ayame (あやめ? "Iris") - (doppiata da Tomoe Sakuragawa)

Ayame è una timida ragazza con un vestito più grande di lei. È capace di guarire insieme a Shun'ō.

Shun'ō è un'amichevole spirito donna. Lei e Tsubaki sono gli unici a parlare con Orihime. È capace di guarire insieme a Ayame.

Baigon è uno spirito maschile con una maschera che copre parte del suo viso. Egli è capace di creare uno scudo che protegge da qualunque attacco con Hinagiku e Lily.

Hinagiku è un uomo con una larga benda che gli copre un occhio e un corno. Egli è capace di creare uno scudo che protegge da qualunque attacco con Baigon e Lily.

Lily è uno spirito donna con i capelli rosa che ha anche un tatuaggio. È capace di creare uno scudo che protegge da qualunque attacco con Baigon e Hinagiku.

Tsubaki è un spirito maschile molto energico e fiero, ed è l'unico fra i sei capace di dirigere un attacco verso il nemico; è tuttavia vulnerabile ad un eventuale contrattacco. Accusa sempre Orihime di non saperlo usare come si deve, poiché la potenza del suo attacco dipende dalla forza del desiderio di uccidere della ragazza, istinto di cui Orihime, tuttavia, è completamente priva. Il suo attacco taglia letteralmente l'avversario in due parti, senza alcuno scampo.

Le tecniche[modifica | modifica sorgente]

Le tecniche di Orihime dividono gli Shun Shun Rikka in tre differenti gruppi. All'inizio dovrà invocarli con una frase per ogni abilità, chiamata kotodama; con l'allenamento non ne avrà più bisogno. Inizialmente, per attivare i suoi poteri, ripete la frase "io respingo" (私は拒絶する watashi wa kyozetsu suru?); tuttavia, nella saga del Fullbring, i poteri di Orihime si sono evoluti e ne compare anche uno nuovo.

Le sue tecniche sono:

  • Santen Kesshun (三天結盾? letteralmente "Triplo Scudo Divino"): è la tecnica difensiva di Orihime. Utilizzando Hinagiku, Lily e Baigon, questi formano un triangolo e la barriera che ne consegue è capace di respingere ogni cosa che cerchi di infrangerla. Il suo potenziale è enorme, ma lei non la utilizza mai al massimo.
  • Sōten Kisshun (双天帰盾? letteralmente "Divino Scudo Gemello del Ritorno"): è la tecnica guaritrice di Orihime. Utilizzando Ayame e Shun'ō, questi formano un'elisse che copre la parte o la persona intera da guarire; non importa la gravità della ferita o chi gliel'abbia inferta, questa sarà sempre curata. È la tecnica in cui si è specializzata meglio. Nella saga dell'Hueco Mundo si scopre che in realtà la vera natura della tecnica è quella di invertire il tempo all'interno dello scudo, dandole così il potere di "riplasmare quello che Dio ha creato", come dirà Aizen.
  • Koten Zanshun (孤天斬盾? letteralmente "Scudo Divino Solitario Fenditore"): è la tecnica offensiva di Orihime. Utilizzando il solo Tsubaki, la tecnica prevede la creazione di uno scudo all'interno del nemico, che in pratica lo taglia in due. È la tecnica in cui meno si specializza la ragazza.
  • Shiten Kōshun (四天抗盾? letteralmente "Scudo Resistente dei Quattro Cieli"): tecnica sviluppata durante la saga dei Fullbringers. Simile al Santen Kesshun, questo scudo prevede l'integrazione di Tsubaki insieme a Hinagiku, Lily e Baigon. Questa combinazione crea uno scudo piramidale che funge come un moltiplicatore del danno che viene inferto alla ragazza, che grazie a questa tecnica sarà restituito al mittente più potentemente di prima.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel video della canzone Gioca con me di Vasco Rossi si può vedere una action-figure di Inoue.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Popularity polls - Bleach Wiki - Your guide to the Bleach manga and anime series
  2. ^ Manga di Bleach, volume46

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga