Oleodotto dell'Amicizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcuni oleodotti europei

L'oleodotto dell'Amicizia (in russo: нефтепровод «Дружба», Nefteprovod Družba) è il più lungo oleodotto del mondo e trasporta petrolio per circa 4.000 km dalla Russia all'Ucraina, Ungheria, Polonia e Germania.[1] Il nome allude al fatto che l'oleodotto fornisce petrolio alle regioni occidentali dell'Unione Sovietica povere di idrocarburi, ai paesi dell'ex blocco sovietico e oggi all'Europa occidentale. Oggi, è la principale arteria per il trasporto di petrolio russo (e kazako) verso l'Europa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 18 dicembre 1959, la decima sessione del Comecon, tenutasi a Praga, adottò una decisione e un accordo che prevedeva la costruzione di un oleodotto per il greggio dall'Unione Sovietica alla Polonia, Cecoslovacchia, Repubblica Democratica Tedesca e Ungheria.[2]

Ciascun paese doveva fornire il necessario materiale da costruzione, i macchinari e la manodopera. Nel 1962, per la prima volta il petrolio raggiungeva la Cecoslovacchia, nel settembre del 1963 l'Ungheria, nel novembre del 1963 la Polonia, nel dicembre dello stesso anno la Repubblica Democratica Tedesca. L'intero oleodotto fu messo in funzione nell'ottobre del 1964. Originariamente il petrolio pompato attraverso l'oleodotto dell'Amicizia proveniva dai pozzi petroliferi del Tatarstan e dall'Oblast' di Samara (all'epoca Kuybyšev). Negli anni settanta l'oleodotto fu prolungato ulteriormente.[3]

Percorso[modifica | modifica sorgente]

L'oleodotto parte da Al'met'evsk in Tatarstan, dove raccoglie il petrolio dalla Siberia occidentale, dagli Urali e dal mar Caspio. Si dirige a Mazyr nella Bielorussia meridionale, dove si dirama nei tronconi meridionale e settentrionale. Il ramo settentrionale attraversa la Bielorussia e la Polonia per giungere a Schwedt in Germania.[2] Rifornisce la raffinerie di Płock e di Schwedt. Mediante l'oleodotto Płock-Danzica è collegato al terminale Naftoport di Danzica, usato per la ri-esportazione di petrolio.[4] A Schwedt l'oleodotto dell'Amicizia è collegato con l'oleodotto MVL a Rostock e Spergau.

Il ramo meridionale corre attraverso l'Ucraina. A Brody è collegato con l'oleodotto Odessa-Brody, che è ora usato per trasportare petrolio verso il Mar Nero. A Užgorod l'oleodotto si divide in due rami verso la Slovacchia (Družba-1 - il percorso originario) e l'Ungheria (Družba-2). Il ramo slovacco si divide ancora presso Bratislava: un tratto punta verso nord-ovest diretto in Repubblica Ceca e l'altro punta verso sud diretto in Ungheria. L'oleodotto Družba-1 si dirama verso l'Ungheria a Ipeľ, attraversa il confine ungherese a Dregelypalank e giunge a Százhalombatta.[2] In Ungheria, l'oleodotto Družba-1 rifornisce la raffineria Duna, mentre Družba-2 rifornisce le raffinerie Duna e Tisza.[5]

La raffineria di Mažeikių Nafta in Lituania e il terminale petrolifero di Ventspils in Lettonia sono collegati all'oleodotto principale da una diramazione da Uneča nell'Oblast' di Brjansk. Questo ramo è stato messo fuori servizio nel 2006 e probabilmente non tornerà operativo.

I tratti dell'oleodotto dell'Amicizia nei diversi paesi fuori dalla Russia misurano:

Specifiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

L'oleodotto dell'Amicizia al presente ha la portata di 1,2-1,4 milioni di barili al giorno. Attualmente sono in corso lavori per aumentare la portata nel tratto fra Bielorussia e Polonia. Le condotte variano in diametro da 420 mm a 1020 mm.[3] Ci sono 20 stazioni di pompaggio.

Operatori[modifica | modifica sorgente]

La parte russa dell'oleodotto è operata da Transneft attraverso OAO MN Druzhba. In Bielorussia l'operatore è Gomeltransneft Družba, in Ucraina UkrTransNafta, in Polonia PERN company, in Slovacchia Transpetrol, in Repubblica Ceca Mero e in Ungheria MOL.[7]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The List: The Five Top Global Choke Points
  2. ^ a b c d The Comecon Pipeline. Background Research
  3. ^ a b History. Truboprovodny transport Rossii (1946-91)
  4. ^ Belarus blocks Russian oil deliveries to Germany, Poland and Ukraine
  5. ^ Energy Policies of IEA Countries - Hungary
  6. ^ Druzhba never gets old
  7. ^ Issues surrounding the privatisation of the petrochemical industry in the V4 countries

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]