Natale De Carolis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Natale De Carolis (Anagni, 25 luglio 1957) è un baritono italiano.

Biografia

Iniziò lo studio del canto con Renato Guelfi, proseguendolo con Maria Vittoria Romano. Debuttò nel 1983 al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel ruolo di Don Basilio nel Barbiere di Siviglia di Rossini.

L'apparizione che lo portò alla ribalta fu quella nel ruolo di Masetto nel Don Giovanni di Mozart alla Scala di Milano in occasione dell'apertura della stagione 1987/1988, sotto la direzione di Riccardo Muti; da allora i suoi repertori d'elezione si sono confermati quello mozartiano e quello rossiniano.

Nel 1990 ottiene il premio “Giacomo Lauri Volpi”.

Nella stagione 1998/1999 canta Il Turco in Italia e Così fan tutte al Teatro San Carlo di Napoli; ha il ruolo del protagonista in Don Giovanni a Lisbona e nella Bohème al Teatro Comunale di Bologna.

La stagione successiva interpreta L'elisir d’amore alla Suntory Hall di Tokyo, nuovamente La Bohème al Teatro San Carlo di Napoli e Don Giovanni al New National Theatre di Tokyo e al Glyndebourne Festival, opera poi riproposta in altri teatri nel mondo.

Dopo ciò interpreta Le nozze di Figaro, ricoprendo il ruolo del protagonista Figaro, al Metropolitan di New York, con James Levine, all'Opernhaus di Zurigo con Nikolaus Harnoncourt, al Teatro alla Scala con Riccardo Muti, alla Fenice di Venezia e allo Staatsoper di Vienna.

In seguito è Guglielmo in Così fan tutte. Interpreta poi il Requiem di Mozart al Teatro La Fenice di Venezia; L'occasione fa il ladro a Colonia; Il barbiere di Siviglia al Colon di Buenos Aires con la regia di Hugo de Ana; L’elisir d’amore, interpretando Dulcamara allo Staatsoper di Vienna e Belcore al Covent Garden; Il matrimonio segreto, coprendo il ruolo del Conte Robinson, a Bilbao; Rinaldo alla Fenice di Venezia e al Teatro Real di Madrid; The Rape of Lucretia al San Carlo di Napoli.

Nel 2013 è stato coinvolto, insieme ad altre personalità del mondo dello spettacolo e dell'imprenditoria, in un'inchiesta fiscale legata alla residenza nel principato di Monaco, a detta degli investigatori dichiarata allo scopo di eludere le imposte sul reddito[1].

Discografia

Filmografia

Note

  1. ^ Fulvio Fiano, Falsa residenza a Monaco: truffa da 17 milioni. Nei guai imprenditori, artisti e professionisti in Corriere della Sera, 20 luglio 2013. URL consultato il 7 agosto 2013.

Collegamenti esterni