Muhammad Gheddafi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Muhammad Gheddafi (arabo: محمد القذافي, Muhammad al-Qadhdhāfī; Tripoli, 1971[1]) è un dirigente sportivo e dirigente d'azienda libico, già presidente del Comitato Olimpico Libico e della società di telecomunicazioni Libyana prima della guerra civile del 2011. È il primogenito di Mu'ammar Gheddafi, defunto capo di Stato libico. Attualmente vive in Algeria insieme alla matrigna e ai fratellastri.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primogenito di Mu'ammar Gheddafi e della sua prima moglie Fāṭima,[2] ha conseguito nel 2006 un dottorato in Ingegneria e Gestione presso l'Università di Liverpool.[3] È presidente del Comitato Olimpico Libico,[4] della General Posts and Telecommunications Company (GPTC) e delle società Libyana e Libya Telecom and Technology Company (controllate dalla GTPC), nonché Segretario Generale del Comitato del Popolo dell'Autorità Generale per l'Informazione e le Telecomunicazioni.[5][6]

Al contrario degli altri fratelli, non occupa posizioni di rilievo nel Governo, né si occupa di politica.[7] Da lungo tempo si era dichiarato "non interessato" a succedere al padre alla guida del Paese.[8] Assurse brevemente all'onore delle cronache nel 2006, quando chiese a Papa Benedetto XVI di convertirsi all'Islam, considerando insufficienti le sue scuse per il discorso tenuto durante la lectio magistralis di Ratisbona.[9]

Ha avuto un ruolo limitato durante la Guerra civile libica: la GTPC, da lui presieduta, ha imposto il blocco immediato di Internet il 19 febbraio 2011, quattro giorni dopo l'inizio delle proteste.[10] Il 13 giugno, è apparso brevemente in televisione al fianco del padre Muʿammar, in qualità di capo del Comitato Olimpico Libico, in occasione della visita del Presidente della Federazione Internazionale degli Scacchi Kirsan Iljumžinov.[11]

Il 21 agosto 2011, si è arreso alle forze del Consiglio nazionale di transizione, durante la seconda battaglia di Tripoli.[12][13] Il suo arresto è avvenuto durante una intervista telefonica che Gheddafi stava rilasciando ad Al Jazeera, bruscamente interrotta da un breve conflitto armato,[14][15][16] nel corso del quale un militante del CNT è rimasto ucciso e una guardia del corpo di Gheddafi è stata ferita.[17] Assieme a lui, sono stati tratti in arresto anche sua madre Fāṭima, la moglie e i figli, che vivevano con lui.[7] Il 22 agosto però riesce a fuggire, con l'aiuto di alcuni lealisti.[18]

Il 29 agosto 2011, intorno alle 08:45 UTC+1, attraversa il confine e ripara in Algeria assieme alla matrigna Safia Farkash, ai fratellastri Hannibal e Aisha e i rispettivi figli. La notizia viene annunciata dal Ministro degli Esteri algerino Mourad Medelci e confermata dall'Ambasciatore algerino presso l'ONU Mourad Benmehidi, che afferma che erano stati "accolti per motivi umanitari".[19][20]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^  Mohamed Al-Gaddafi's Passport August 24, 2011. YouTube. URL consultato in data 26 agosto 2011.
  2. ^ Francesca Marretta, Muammar e i suoi figli, una dinastia al capolinea in Liberazione, 22 febbraio 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  3. ^ (EN) Gaddafi's sons and their varied roles in International Business Times. URL consultato il 22 agosto 2011.
  4. ^ (EN) Libyan Arab Jamahiriya Olympic Committee, Comitato Olimpico Internazionale. URL consultato il 22 agosto 2011.
  5. ^ Deibert et al., op. cit., pag. 322.
  6. ^ (EN) Libya: Privatisation possibilities in Global Technology Forum, 19 marzo 2007. URL consultato il 22 agosto 2011.
  7. ^ a b (EN) Gaddafi's son Mohammad arrested during interview with Al Jazeera in RIA Novosti, 22 maggio 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  8. ^ (EN) James Verini, The Good Bad Son in New York Magazine, 22 maggio 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  9. ^ (EN) Pope asked to convert to Islam in News24.com, 19 settembre 2006. URL consultato il 22 agosto 2011.
  10. ^ (EN) Libya and Bahrain protests – Saturday 19 February in The Guardian, 19 febbraio 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  11. ^ Libia, ricompare Gheddafi. Gioca a scacchi con il campione in la Repubblica, 13 giugno 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  12. ^ (EN) Kareem Fahim, David D. Kirkpatrick, Jubilant Rebels Control Much of Tripoli in The New York Times, 21 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  13. ^ (EN) Gaddafi sons in custody; spy chief at large in Al Jazeera, 22 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  14. ^ Tripoli, catturati tre figli di Gheddafi. Al Jazeera: «Il Rais è in Tunisia» in Corriere della Sera, 21 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  15. ^ (EN) Gaddafi son in Libyan rebel custody in Al Jazeera, 22 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  16. ^ (EN) Libya conflict: Gaddafi's son captured live on television in The Daily Telegraph, 22 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  17. ^ (EN) Libya Live blog in Al Jazeera, 22 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  18. ^ (EN) Libya Live blog in Al Jazeera, 22 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011.
  19. ^ Libia: Algeria, familiari rais sono qui in ANSA, 29 agosto 2011. URL consultato il 30 agosto 2011.
  20. ^ (EN) Libya conflict: Gaddafi family 'flee to Algeria' in BBC, 30 agosto 2011. URL consultato il 30 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie