Mod (videogiochi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un mod (abbreviazione dell'inglese modification, modifica) è un insieme di modifiche estetiche e funzionali ad un videogioco, create da professionisti oppure da giocatori appassionati, allo scopo di aggiornare, migliorare o semplicemente rendere diverso il gioco.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

A differenza del ROM hacking, i mod sono generalmente creati tramite strumenti forniti dal produttore stesso del gioco. Gli appassionati del modding di un certo videogioco vanno spesso a formare una community[1].

Molti videogiochi permettono l'aggiunta di nuove mappe (livelli di gioco) e personaggi. È possibile creare mod anche solo per raggruppare insieme più mappe e personaggi aggiuntivi, ma solitamente contengono anche modifiche alle caratteristiche del gioco (regole di gioco, fisica, visuale della "telecamera", aggiunta di nuove armi...) ottenute inserendo nuovo codice sorgente, scritto nel giusto linguaggio di programmazione, o nuovi file grafici e sonori. Esistono appositi programmi (tool) che permettono di modificare i modelli 3D che compongono i mondi virtuali dei giochi. Unendo fantasia, creatività, abilità di programmazione e molto tempo, è possibile creare modifiche molto profonde, che possono anche stravolgere completamente il gioco originale, aumentandone di molto la longevità.

Quando le modifiche sono talmente profonde da rendere quasi irriconoscibile il gioco originale, si parla di total conversion. Quando le caratteristiche del gioco originale sono mantenute, ma vengono aggiunte nuove opzioni in più, si parla di "espansione" ("expansion pack"). In alcuni giochi esiste la possibilità di selezionare singole modifiche alle regole (ad esempio in Unreal Tournament, dove sono dette "mutatori"), e sommarle insieme a piacimento (ad esempio, nel suddetto gioco si può combinare "bassa gravità" con "solo fucili da cecchino" e "bullet time"[2]).[3][4]

A volte queste espansioni sono distribuite a pagamento dagli stessi sviluppatori del gioco originale (come Team Arena per Quake 3), ma nella maggior parte dei casi si tratta di creazioni più o meno amatoriali, create da persone comuni (o, solitamente, gruppi di persone) e distribuite gratuitamente. Un segno tangibile dei successo dei mod è il loro riconoscimento ufficiale. Una cosa del genere è accaduta nella community di Sid Meier's Civilization, in occasione dell'uscita dell'espansione Beyond the Sword del quarto episodio. In quella circostanza, due mod già esistenti e disponibili da diversi mesi, Rhye's and Fall of Civilization[5] e Fall from Heaven sono diventati a tutti gli effetti ufficiali, venendo inclusi nell'espansione (il secondo dei due menzionati tramite uno spin-off chiamato Age of Ice[6]). Già l'antenato degli sparatutto in prima persona Wolfenstein 3D (un gioco del 1992) ha subito le prime modificazioni amatoriali[7][8].

Mod celebri[modifica | modifica sorgente]

Alcuni mod hanno acquisito importanza come opere a sé stanti:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) David Thomas, Kyle Orland, Scott Steinberg, The videogame style guide and reference manual, Power Play Publishing, 2007, p.45, ISBN 978-1-4303-1305-2.
  2. ^ (EN) Bullet Time per Unreal Tournament. URL consultato il 23 aprile 2010.
  3. ^ (EN) Alcuni mutatori per Unreal Tournament. URL consultato il 23 aprile 2010.
  4. ^ (EN) Unreal Tournament Mutators. URL consultato il 23 aprile 2010.
  5. ^ Sid Meier's Civilization Mods by Rhye - the place for fanatics of historical games
  6. ^ Fall from Heaven
  7. ^ Recensioni di mod per vari first-person-shooter, fra cui Wolfenstein 3D. URL consultato il 23 aprile 2010.
  8. ^ Recensione di Castle Totenkoft, un mod per Wolfenstein 3D. URL consultato il 23 aprile 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]