Martín Jaite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martín Jaite
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 301-179
Titoli vinti 12
Miglior ranking 10° (9 luglio 1990)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (1992)
Francia Roland Garros QF (1985)
Regno Unito Wimbledon 2T (1986)
Stati Uniti US Open 3T (1985, 1989)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (1988)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 60-82
Titoli vinti 1
Miglior ranking 59° (13 maggio 1985)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (1991)
Francia Roland Garros 1T (1985)
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open 1T (1989, 1990)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (1988)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Martin Jaite (Buenos Aires, 9 ottobre 1964) è un ex tennista argentino.

Di lui si ricordano soprattutto le finali di tornei ATP Super 9 disputate a Roma nel 1987 e a Monte Carlo l'anno seguente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passa tra i professionisti nel 1983[1] e due anni dopo ottiene i primi risultati importanti. Nel 1985 raggiunge la finale nei tornei di Buenos Aires, Boston e Washington, vincendo solo in casa contro l'uruguaiano Diego Pérez. Sempre nello stesso anno raggiunge i suoi unici quarti di finale nei tornei del Grande Slam, all'Open di Francia 1985 supera tra gli altri Miloslav Mečíř prima di arrendersi ad Ivan Lendl in tre set.
Nel 1986 riesce a ripetere il numero di finali dell'anno precedente, per la seconda volta sfiora il titolo a Boston mentre conquista il trofeo a Bologna e Stoccarda. L'anno successivo sono sempre tre le finali, tra cui si conta quella persa a Roma contro Mats Wilander. Vince le altre due in settembre, si vendica su Wilander al Torneo Godó e vince a Palermo poche settimane dopo.
Nel 1988 non riesce a conquistare altri tornei ma raggiunge un'altra finale importante, questa volta persa a Montecarlo contro Lendl. Alle Olimpiadi raggiunge i quarti di finale prima di venire eliminato da Brad Gilbert. Sono sei le finali, con quattro vittorie, nel 1989. Vince infatti a Stoccarda, Madrid, San Paolo e Itaparica.
A fine carriera conta 12 titoli in singolare e uno in doppio, la decima posizione in classifica raggiunta nel luglio 1990[2] e trentaquattro match giocati in Coppa Davis con il team argentino.[3]

A fine 2011, dopo la sconfitta in finale di Coppa Davis viene scelto come nuovo capitano del team argentino.[4]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (12)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Tennis Masters Cup / ATP World Tour Finals (0)
ATP Super 9 / Masters Series (0)
Giochi olimpici (0)
ATP Championship Series / ATP International Series Gold (0)
Grand Prix / ATP World Series / ATP International Series (12)
Numero Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 1985 Argentina ATP Buenos Aires, Buenos Aires Terra battuta Uruguay Diego Pérez 6–4, 6–2
2. 1986 Italia ATP Bologna Outdoor, Bologna Terra battuta Italia Paolo Canè 6–2, 4–6, 6–4
3. 1986 Germania Mercedes Cup, Stoccarda Terra battuta Svezia Jonas Svensson 7–5, 6–2
4. 1987 Spagna Open Seat, Barcellona Terra battuta Svezia Mats Wilander 7–6(5), 6–4, 4–6, 0–6, 6–4
5. 1987 Italia Campionati Internazionali di Sicilia, Palermo Terra battuta Rep. Ceca Karel Nováček 7–6(5), 6–7(7), 6–4
6. 1989 Germania Mercedes Cup, Stoccarda (2) Terra battuta Croazia Goran Prpić 6–3, 6–2
7. 1989 Spagna Madrid Tennis Grand Prix, Madrid Terra battuta Spagna Jordi Arrese 6–3, 6–2
8. 1989 Brasile ATP San Paolo, São Paulo Terra battuta Spagna Javier Sánchez 7–6(5), 6–3
9. 1989 Brasile ATP Itaparica, Itaparica Cemento Stati Uniti Jay Berger 6–4, 6–4
10. 1990 Brasile Guarujá Open, Guarujá Cemento Brasile Luiz Mattar 3–6, 6–4, 6–3
11. 1990 Svizzera Allianz Suisse Open Gstaad, Gstaad Terra battuta Spagna Sergi Bruguera 6–3, 6–7(5), 6–2, 6–2
12. 1991 Francia ATP Nizza, Nizza Terra battuta Croazia Goran Prpić 3–6, 7–6(1), 6–3

Finali perse (7)[modifica | modifica wikitesto]

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Finali perse (1)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ atpworldtour.com, Biografia di Martin Jaite. URL consultato il 5 maggio 2012.
  2. ^ atpworldtour.com, ATP Rankings History. URL consultato il 5 maggio 2012.
  3. ^ daviscup.com, Martin Jaite. URL consultato il 5 maggio 2012.
  4. ^ AP Worldstream, Martin Jaite named Argentina Davis Cup captain, HighBeam Research. URL consultato il 5 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]