MC5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MC5
Gli MC5 nel 2005. Da sinistra a destra: Wayne Kramer, Handsome Dick Manitoba, Dennis Thompson e Michael Davis
Gli MC5 nel 2005. Da sinistra a destra: Wayne Kramer, Handsome Dick Manitoba, Dennis Thompson e Michael Davis
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Hard rock[1]
Garage rock[2]
Proto-punk[1]
Proto-metal[3]
Periodo di attività 1964- 1972
2003-2012
Album pubblicati 5
Studio 3
Live 1
Raccolte 1

Gli MC5 (sigla che sta per Motor City 5 = Detroit 5) sono stati un gruppo rock di Detroit, considerato tra i precursori dei generi punk rock e heavy metal, e tra i più influenti gruppi americani di sempre, in compagnia dei Velvet Underground e dei concittadini The Stooges.[4][5][6]

Fondamentali per la nascita del punk, gli MC5 portano la celebrazione della sacra trinità sesso, droga e rock&roll ad un nuovo e inaudito livello che coinvolge testi (mai così sfrontatamente rivoluzionari, anche al livello politico: il manager e ideologo del gruppo sarà nulla meno che John Sinclair, leader delle White Panthers[7]) e sound capaci di spazzare via ogni convenzione. Nascono alla fine del '64 a Lincoln Park (Michigan), patria di Iggy Pop e del garage rock, ancora liceali e grezzi musicalmente, ma già sperimentatori di feedback e distorsioni che, lasciando poco all'originalità delle composizioni, mostrano tutta la forza incendiaria dei loro strumenti. La voce di Rob Tyner e l'interplay fra la chitarra solista di Wayne Kramer e quella ritmica di Fred "Sonic" Smith costituiscono l'asse portante del gruppo che, pur non riuscendo ad uscire dai confini di Detroit, catalizza su di sé le attenzioni delle avanguardie protopunk. L'album di svolta, registrato dal vivo per l'incapacità degli MC5 di portare in studio la loro leggendaria energia, Kick Out the Jams non vende. Ma la breccia nella storia del rock è tracciata e poco importa se questa pietra miliare verrà riscoperta solo ad anni di distanza (il successo non era la loro prerogativa del resto) dai primi fermenti punk.

Nel 2003 i membri superstiti (Tyner e Smith erano deceduti, entrambi per attacco cardiaco, rispettivamente nel 1991 e nel 1994) si riunirono insieme al cantante dei Dictators Handsome Dick Manitoba. Questa formazione proseguì l'attività fino al febbraio 2012, quando si sciolse in seguito alla morte, per insufficienza epatica, del bassista e membro fondatore Michael Davis.

Influenza degli MC5[modifica | modifica wikitesto]

Gli MC5 influenzarono gruppi importanti per il punk come Sex Pistols, Ramones e l'hardcore punk come Dead Kennedys arrivando fino al rapcore/funk metal dei Rage Against the Machine, vicini come attitudine sia musicale che politica agli MC5 e anche gruppi garage rock come gli Hellacopters sono stati influenzati dagli MC5.

Film dedicati agli MC5[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Ultima[modifica | modifica wikitesto]

Formazione di Kick Out The Jams[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

In Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • I Can Only Give You Everything, 1967
  • One of the Guys, 1967
  • Looking at You, 1968
  • Borderline, 1968
  • Kick Out the Jams, 1969
  • Motor City is Burning, 1969
  • Tonight, 1969
  • Shakin' Street, 1970
  • The American Ruse, 1970
  • Over and Over / Sister Anne, 1971 (mai realizzato, esiste solo il testo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b All Music Guide - MC5
  2. ^ storiadellamusica.it - Recensione "Kick Out The Jams"
  3. ^ hellbound.ca - Recensione "High Time"
  4. ^ The History of Rock Music. MC5: biography, discography, reviews, links
  5. ^ MC5 - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  6. ^ MC5 | Biography | AllMusic
  7. ^ MC5: Kick out the jams (1969) | John's Classic Rock

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]