Lucio Magri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Lucio Magri
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Lucio Magri nel 1976
Lucio Magri nel 1976
Luogo nascita Ferrara
Data nascita 19 agosto 1932
Luogo morte Bellinzona
Data morte 28 novembre 2011
Titolo di studio licenza media superiore
Professione giornalista
Partito Democrazia Proletaria, Partito di Unità Proletaria, Partito Comunista Italiano, Rifondazione Comunista
Legislatura VII, VIII, IX, X e XI Legislatura
Gruppo Democrazia Proletaria, Partito di Unità Proletaria, Partito Comunista Italiano, Rifondazione Comunista

Lucio Magri (Ferrara, 19 agosto 1932Bellinzona, 28 novembre 2011) è stato un giornalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Magri entra nel PCI negli anni cinquanta, dopo un'esperienza nella gioventù democristiana a Bergamo. Viene accolto nella segreteria del partito di Bergamo, poi nel direttivo regionale lombardo, e di là passa poi a Botteghe Oscure. Nel 1969, dopo lo shock dell'invasione sovietica della Cecoslovacchia durante la Primavera di Praga, in dissenso con la posizione del Pci, è tra gli animatori del gruppo (con Rossana Rossanda, Luigi Pintor, Aldo Natoli, Valentino Parlato, Luciana Castellina, e altri) che dà vita alla rivista "Il manifesto", da lui diretta, e che successivamente viene radiato dal partito. Nel 1971 partecipa insieme agli altri alla trasformazione della rivista nel quotidiano ancora esistente. Successivamente si distanzia dal gruppo, fondando nel 1974 il Partito di Unità Proletaria per il comunismo, di cui è segretario[1].

Confluisce successivamente con tutto il partito nel PCI nel 1984. Al momento della trasformazione del PCI in PDS nel 1991, decide di aderire al Partito della Rifondazione Comunista, fondando una corrente interna la cui struttura ricorda il gruppo dirigente del vecchio PdUP per il comunismo.

Il 14 giugno 1995 la sua corrente lascia il partito per costituire il Movimento dei Comunisti Unitari, su una posizione di appoggio del governo Dini.

Successivamente il Movimento appare tra le forze fondatrici dei Democratici di Sinistra, svolta alla quale Magri non aderisce, preferendo tornare a scrivere per Il manifesto.

Nel 2009 ha pubblicato Il sarto di Ulm. Una possibile storia del PCI (il Saggiatore, Milano), un tentativo di ripercorrere la storia del Partito comunista in Italia e nel mondo nella seconda metà del Novecento, mettendo in evidenza i tanti punti di biforcazione che, se attraversati diversamente avrebbero potuto far approdare a un esito ben diverso dall'attuale movimento comunista italiano.

Nel novembre 2011, depresso per la scomparsa della moglie, si reca probabilmente a Bellinzona in Svizzera dove, nonostante la contrarietà degli amici, chiede a un medico amico di aiutarlo nella procedura di morte volontaria assistita chiudendo i suoi giorni all'età di 79 anni[2][3][4][5][6].

Il 3 dicembre 2011 viene tumulato a fianco della moglie Mara nel cimitero di Recanati. In quell'occasione Famiano Crucianelli legge l'ultima lettera di Magri[7].

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Lo stato del movimento rivendicativo, la situazione politica, gli obiettivi immediati e di prospettiva della nostra lotta, Partito e Sindacato, in Istituto di studi comunisti, Il Partito, il sindacato e la politica dei redditi. Seminario, 18-22.7.1964, s.l., s.n., 1964.
  • Il valore e il limite delle esperienze frontiste, in "Critica marxista", luglio-agosto 1965.
  • Considerazioni sui fatti di maggio, Bari, De Donato, 1968.
  • Prefazione a Luciana Castellina, Che c'è in Amerika?, Verona, Bertani, 1973.
  • Una nuova opposizione, una nuova forza politica per rovesciare la crisi di sistema contro il sistema, con Rossana Rossanda e Luigi Pintor, Roma, Il manifesto, 1973.
  • Prefazione a Classe, consigli, partito, Roma, Alfani, 1974.
  • Qualità e dinamica della crisi, in Uscire dalla crisi dal capitalismo in crisi. Atti del convegno di Ariccia 8-9 febbraio 1975, Roma, Savelli, 1975.
  • Il sarto di Ulm. Una possibile storia del PCI, Milano, Il saggiatore, 2009. ISBN 978-88-428-1608-9.
  • Alla ricerca di un altro comunismo, Milano, Il saggiatore, 2012. ISBN 978-88-428-1861-8.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IL MANIFESTO - attualità - "Addio Lucio". Il dolore dei compagni per l'ultima difficile scelta
  2. ^ Simonetta Fiori, Il suicidio assistito di Lucio Magri. L'addio ai compagni: "Ho deciso di morire", la Repubblica, 29 novembre 2011
  3. ^ Redazione Online, Suicidio assistito per Lucio Magri, Corriere.it, 24 novembre 2011. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  4. ^ Comunicato su Magri del presidente di Exit-Italia
  5. ^ Svizzera: la casa dei suicidi
  6. ^ L’ultimo viaggio di Lucio Magri «Basta, vado a morire in Svizzera»
  7. ^ "Una coppia di innamorati sepolti insieme", l'ultimo messaggio di Lucio Magri sepolto stamane

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]