Lingua luvia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Luvio
Parlato in Anatolia
Periodo II millennio a.C.-VIII secolo a.C.
Classifica estinta
Scrittura Alfabeto luvio cuneiforme e Alfabeto luvio geroglifico
Filogenesi Indoeuropeo
 Lingue anatoliche
  Luvio

Il luvio è una lingua indoeuropea appartenente al sottogruppo luvio del ramo anatolico parlata a sud ovest della capitale dell'impero ittita, Ḫattuša. Le attestazioni più antiche risalgono al II millennio a.C., ma la lingua è attestata sino al I millennio a.C. e precisamente all'ottavo secolo. Compare in attestazioni sotto forma di scrittura cuneiforme ed anche sotto forma di geroglifici (nel I millennio esclusivamente in questa seconda forma).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'area in cui si parlava il luvio (in azzurro) nel II millennio a.C., accanto alle altre lingue anatoliche della regione: l'ittita (in giallo) e il palaico (in rosso)[1]

Molto simile all'ittita, il luvio presenta alcune caratteristiche significative che lo differenziano dalla parlata di Hattusa.

Il sistema nominale presenta un numero di casi limitato: Nominativo, Dativo, Ablativo, Accusativo e un Genitivo non sempre attestato e spesso sostituito da un Aggettivo Genitivale in generale con desinenza -asi-.

Il sistema verbale prevede due tempi (presente e passato), due modi (indicativo e imperativo), e un solo sistema di coniugazione.

Le particelle di inizio frase, tipiche dell'Anatolico sono presenti anche in luvio, e anche il sistema pronominale è piuttosto simile a quello dell'ittita.

Genealogicamente il luvio è strettamente imparentato alle altre lingue anatoliche, e tra queste in particolare al licio, al cario e al lidio; ipotesi di un suo legame con l'etrusco vengono avanzate a intervalli regolari da diversi studiosi, ma permangono numerosi problemi.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di lessico luvio[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, p. 350.
  2. ^ Villar, passim.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, Bologna, Il Mulino, 1997, ISBN 88-15-05708-0.
  • Heinrich Otten, Luvische Texte in Umschrift, Berlin, Akademie-Verlag, 1953.
  • John David Hawkins, Anna Morpurgo Davies e Günter Neumann, Hittite Hieroglyphs and Luwian: New Evidence for The Connection, Göttingen, Vandenhoeck and Ruprecht, 1974.
  • Frank Starke, Die keilschrift-luwischen Texte in Umschrift, Wiesbaden, Otto Harrassowitz, 1985.
  • Massimiliano Marazzi, Il geroglifico anatolico. Problemi di analisi e prospettive di ricerca, Roma, Il calamo, 1990, ISBN 88-85134-23-8.
  • Clelia Mora, Sull'origine della scrittura geroglifica anatolica in Kadmos, vol. 30, 1991, pp. 1-28.
  • Rudolf Werner, Kleine Einführung ins Hieroglyphen-Luwische, Göttingen, Vandenhoeck and Ruprecht, 1991.
  • John David Hawkins, Corpus of Hieroglyphic Luwian Inscriptions. Volume I. Inscriptions of the Iron Age, Berlin-New York, Walter de Gruyter, 2000.
  • Harold Craig Melchert, The Luwians, Leiden-Boston, Brill, 2003.
  • Suzanne Herbordt, Die Prinzen- und Beamtensiegel der hethitischen Grossreichszeit auf Tonbullen aus dem Nişantepe-Archiv in Hattusa, Mainz, Philipp von Zabern, 2005.
  • Annick Payne, Hieroglyphic Luwian. An Introduction with Original Texts, 2ª ed., Wiesbaden, Otto Harrassowitz, 2010.


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica