La compagna di banco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La compagna di banco
Nikki-Gentile 004.jpg
Lino Banfi e Nikki Gentile in una scena del film
Titolo originale La compagna di banco
Paese di produzione Italia
Anno 1977
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, erotico
Regia Mariano Laurenti
Soggetto Franco Mercuri, Francesco Milizia
Sceneggiatura Franco Mercuri, Francesco Milizia
Fotografia Pasquale Rachini
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Gianni Ferrio
Scenografia Elio Micheli
Costumi Elio Micheli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La compagna di banco è un film del 1977 diretto da Mariano Laurenti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La protagonista è una bella ragazza, Simona Girardi, figlia di un industriale; viene trasferita a Trani in una lussuosa villa e si iscrive all’ultimo anno del liceo. I ragazzi fanno a gara per entrare nelle sue grazie ma lei si interessa a Mario D'Olivo, suo compagno di banco, che, tra l’invidia delle altre studentesse, reagiscono e dicono a Simona che questo ragazzo è abituato a conquistare le donne, ma poi le abbandona subito dopo. Le ragazze le propongono un modo per vendicarsi: fare il innamorare il giovane di lei ed al momento opportuno abbandonarlo. Il padre del giovane, Teo D'olivo, è titolare di una boutique frequentata da belle clienti, tra cui Elena Mancuso.Il film si svolge tra vari malintesi e gag.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il regista Mariano Laurenti si avvale per il cast di un gruppo abituale di attori, protagonisti della commedia sexy. Il film è la continuazione della pellicola Classe mista, ambientata l'anno precedente nella stessa città (e nello stesso liceo sul lungomare Cristoforo Colombo) di Trani.

Il film è girato interamente in Puglia, tra le città di Trani e Bisceglie.

  • A Trani, oltre alla scuola, si riconoscono il porto, la Cattedrale, la piazza della Repubblica con l'Upim (Oggi è Oviesse);
  • A Bisceglie (in particolare via Duilio e piazza San Francesco).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda del film tratta da: Apulia film commission.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]