John Tuzo Wilson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Tuzo Wilson (Ottawa, 24 ottobre 1908Toronto, 15 aprile 1993) è stato un geologo e geofisico canadese, noto per essere uno dei padri della teoria della tettonica a zolle.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un ingegnere scozzese emigrato in Canada, nel 1930 si laureò in geofisica all'Università di Toronto, primo laureato in geofisica in una università canadese. Si perfezionò poi all'Università di Cambridge, e nel 1936 ottenne un dottorato in geologia all'Università di Princeton. Nel triennio 1936-1939 lavorò alla Commissione Geologica Canadese (Geological Survey of Canada) e, allo scoppio della II guerra mondiale, si arruolò nella marina militare canadese raggiungendo il grado di colonnello. Nel 1946 divenne professore di geofisica all'Università di Toronto. Rimase all'Università di Toronto, di cui fu anche rettore, fino al pensionamento (1974); dopo di che ricoprì fino al 1985 l'incarico di direttore dell' Ontario Science Centre, il museo delle scienze di Toronto.

Ricerca[modifica | modifica sorgente]

Punti caldi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1963 Wilson sviluppò uno dei concetti fondamentali della tettonica a zolle, con la sua ipotesi sull'origine dei punti caldi (in lingua inglese hot spot), formazioni vulcaniche attive per lunghissimi periodo di tempo collocate nel mezzo delle placche, anziché ai confini di esse come prevede la teoria generale. Wilson ipotizzò che il magma originasse da una specie di colonna di fuoco, detta pennacchio, del diametro di 100-250 km, localizzata e mantenuta fissa all'interno del mantello terrestre. Il magma, risalito alla superficie, darebbe origine a un'isola. Lo spostamento delle placche darebbe origine a una catena di vulcani allineati lungo il percorso della zolla, come una dorsale oceanica, ma asismica. Nello schema teorico della Tettonica a zolle, i punti caldi sarebbero pertanto dei punti fissi[1].

Faglie e Placche[modifica | modifica sorgente]

Un'importanza di gran lunga maggiore ebbe un articolo pubblicato su Nature nel 1965 nel quale Wilson ipotizzò il ruolo delle faglie trasformi e delle placche (in inglese, plate), a cui diede il nome. Il modello di Wilson determinò l'accettazione universale del modello di Hess dell'espansione dei fondi oceanici [2].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1968 gli è stata assegnata la Medaglia Logan
  • Nel 1968 gli è stata assegnata la Penrose Medal
  • Nel 1978 gli è stata assegnata la Wollaston Medal
  • Nel 1980 gli è stata assegnata la Maurice Ewing Medal

La Canadian Geophysical Union ha istituito la J. Tuzo Wilson Medal.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Tuzo Wilson, A possible origin of the Hawaiian Islands in Canadian Journal of Physics, vol. 41, 1963, pp. 863-870.
  2. ^ John Tuzo Wilson, A New Class of Faults and their Bearing on Continental Drift in Nature, vol. 207, 24 luglio 1965, pp. 343-347. DOI:10.1038/207343a0.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Chase RL, J. Tuzo Wilson Knolls: Canadian hotspot in Nature, vol. 266, n. 266, 24 marzo 1977, pp. 344–346. DOI:10.1038/266344a0.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79391689 LCCN: n50015547