John Roddam Spencer Stanhope

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Roddam Spencer Stanhope ritratto dalla nipote Evelyn De Morgan

John Roddam Spencer Stanhope (Cawthorne, 20 gennaio 1829Bellosguardo, 2 agosto 1908) è stato un pittore inglese della corrente artistica dei Preraffaelliti.

Robin of Modern Times (1860) Tate Gallery

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobile famiglia, nacque nel palazzo di Cannon Hall, nello Yorkshire, e studiò presso le prestigiose scuole di Eton e Oxford.

Contro il parere dei genitori intraprese la carriera artistica: nel 1850 iniziò a Londra il suo apprendistato presso il pittore simbolista George Frederic Watts, ma se ne distaccò presto dopo essere entrato in contatto con i preraffaelliti Dante Gabriel Rossetti e Edward Burne-Jones, del quale fu uno dei maggiori seguaci.

Realizzò numerose opere, principalmente a soggetto allegorico e mitologico, ponendo grande cura nella rappresentazione dei paesaggi di sfondo.

Affetto da asma, nel 1880 si stabilì in Italia: morì nel 1908 in Villa Nutti, sulla collina di Bellosguardo, presso Firenze. Anche sua nipote Evelyn De Morgan fu un'affermata pittrice.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51218915

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura