Ingyō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Ingyō (恭天皇, Ingyō Tennō; ... – ...) è stato il diciannovesimo imperatore del Giappone secondo la lista tradizionale.

Nessuna data certa può essere assegnata al suo regno, ma si ritiene che abbia governato nella metà del V secolo.

Secondo il Kojiki e il Nihonshoki, fu il quarto figlio dell'imperatore Nintoku e della sua consorte Iwanohime, e pertanto fratello dell'imperatore Hanzei. Salì al trono alla morte di Hanzei e regnò per 41 anni. La sua consorte fu Oshisaka no Ōnakatsu no Hime. Ebbe cinque figli e quattro figlie, incluso gli imperatori Ankō e Yūryaku. Riformò il sistema di clan e nomi famigliari perché molti si diedero falsi nomi usando quelli di clan o famiglie di status maggiore.

Gli studiosi odierni lo identificano con Re Sai nel Libro di Song, che fu re del Giappone (indicato come ''Wa dagli studiosi cinesi moderni) e inviò messaggeri alla dinastia Song almeno due volte nel 443 e nel 451.

Secondo il Nihonshoki, il re del regno coreano di Silla rimpianse molto la sua morte. Per confortare l'anima di Ingyō egli offrì al Giappone ottanta musicisti.[1]

È sepolto al Eganonagano no kita no misasagi 恵我長野北陵 nella città di Fujiidera nella prefettura di Osaka.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nihonshoki, volume 13, Story of Ingyō: 允恭紀四十二年 - 於是新羅王聞天皇既崩,驚愁之,貢上調船八十艘及種種樂人八十.[1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore del Giappone Successore Imperial Seal of Japan.svg
Hanzei 411-453 Ankō

Controllo di autorità VIAF: 53969623 LCCN: no2008130710