Imperatrice Wu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Wu Zetian
A Tang Dynasty Empress Wu Zetian.JPG
Imperatore della Cina
In carica 690-705
Altri titoli Imperatrice consorte, reggente, regnò con il titolo di Imperatore Shengshen
Nascita Guangyuan, 17 febbraio 624
Morte Luoyang, 16 dicembre 705
Sepoltura Quianling mausoleum
Dinastia Zhou
Padre Wu Shihuo
Madre Lady Yang
Consorte Gao Zong
Figli Zhong Zong, Taiping, Rui Zong, Li Xiàn, Li Hong, Si of Anding
History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wei
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente

L'Imperatrice Wu, conosciuta anche come Wu Zetian 武則天 (Guangyan, 17 febbraio 624Luoyang, 16 dicembre 705), fu l'unica imperatrice cinese a fondare la propria dinastia, chiamata Zhou 周 e regnò col nome di « imperatore Shengshen » 聖神皇帝 dal 690 al 705. La sua ascesa e il suo regno furono fortemente criticati dagli storici confuciani, ma certi aspetti sono stati rivalutati a partire dagli anni cinquanta.

(le date indicate si riferiscono al calendario giuliano)


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione la fa nascere a Chang'an, capitale dell'impero, ma gli annali indicano che il padre si trovava di ruolo nel Sichuan al momento della sua nascita, è stata proposta anche la città di Guangyuan.

Il suo nome non è menzionato negli annali ufficiali. Poiché lei stessa si diede in seguito il nome di Wu Zhao 武曌, per cui fece creare un carattere fino a quel momento inesistente, è stata suggerita l'ipotesi che il suo nome fosse stato Zhao 照.

Il padre, Wu Shihuo[1] (577-635), un artigiano, aveva saputo crearsi delle aderenze nel suo lavoro. Era riuscito ad ottenere un posto di sotto-ufficiale, quindi si era distinto nella campagna militare del 617, ottenendo finalmente il titolo invidiabile di duca di Taiyuan[2] (Shanxi), nella regione d'origine della famiglia Wu[3]. L'imperatore Gao Zu, fondatore della Dinastia Tang, gli avrebbe dato in sposa in seconde nozze una donna sulla quarantina, figlia di un parente della famiglia imperiale Sui di nome Yangda[4]. Darà alla luce tre figlie, tra cui la futura imperatrice. Diventata vedova, sembra che non abbia ricevuto il minimo sostegno di nessuna delle parti della famiglia d'origine e ancora meno dai cognati di Wu Zetian.[5]

Da concubina a imperatrice[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Wu si era elevata al di sopra della condizione ordinaria, ma l'ascesa del padre era troppo recente per farne una vera grande famiglia. Entra quindi come concubina di modeste estrazioni sociali tra i 12 e i 14 anni di età nel gineceo di Tai Zong con il grado di concubina di talento[6], uno dei più bassi. Come da tradizione riceve un nuovo nome e viene chiamata Mei Niang,[7]. Non sapendo come mettersi in mostra ne piacere all'imperatore resterà per dodici anni in questa posizione, fino alla morte di Tai Zong. Sembra che non sia nemmeno riuscita ad attirare l'attenzione del principe ereditario, il futuro Gao Zong. Alla morte di Tai Zong si ritirò nel tempio buddhista di Gan Ye Si[8] dove tradizionalmente venivano recluse le concubine vedove che non avevano avuto figli.[9]

Mei Niang viene fatta uscire da Gao Zong con l'approvazione dell'imperatrice in carica, su sollecito della famiglia Wang[10], che vede in lei una subalterna docile e capace di allontanare l'imperatore dalla principale rivale di lei, Xiao Shu Fei[11]. Tutto sembra funzionare come previsto in un periodo in cui Mei Niang mostra molto attaccamento alla sua protettrice. Nonostante ciò a partire dal suo ritorno a palazzo all'età di 28 anni manifesta un'attitudine a stringere alleanze e tramare degli intrighi che non si conoscevano dai tempi di Tai Zong, come anche un'ambizione personale poco comune che si avvererà di lì a poco. Mentre il suo favore presso Gao Zong aumenta (gli darà i suoi ultimi sei figli su dodici da lei partoriti) tesserà una rete di fedelissimi radunati tra i nemici dell'imperatrice. È ancora concubina, ma il suo grado è aumentato in maniera considerevole. Raggiunto il livello di zhaoyi[12], è ora la quinta dama di corte nella gerarchia del gineceo e la prima per influenza dopo Gao Zong.[13]

Un giorno, una delle sue figlie nate da poco, viene ritrovata morta per strangolamento dopo una visita dell'imperatrice. La futura Wu Ze Tian l'accusa di omicidio e riesce a convincere l'imperatore a ritirarle il titolo, nonostante le proteste dei ministri. Nel 654, promossa ad imperatrice, li farà arrestare, torturare e giustiziare, tra cui anche Xiao Shu Fei. Secondo gli storici cinesi avrebbe ucciso di persona la figlia per raggiungere i suoi scopi.

Da imperatrice consorte a imperatrice regnante[modifica | modifica wikitesto]

Il seguito conferma l'ascesa di Wu Ze Tian sull'imperatore, forse favorita in questo dalla salute cagionevole di costui in seguito ad un infarto. Wu si siede regolarmente al suo fianco (probabilmente dissimulando dietro ad una finta veste come vuole al tradizione) e lo consiglia. In un documento che riassume i suoi « dodici propositi »[14], dà prova di grande saggezza politica: preconizza un abbassamento delle tasse, incentivi a favore dell'agricoltura, l'incoraggiamento del pluralismo di opinioni.

Tomba dell'imperatrice Wu e del marito Gao Zong (Qianling mausoleum, Chang'an)

Perseguendo il suo cammino verso il potere, fa aggiungere il suo clan d'origine, Wu, tra quelli di primaria importanza nel registro ufficiale delle grandi famiglie[15]. Si sbarazza in seguito dei ministri e dei consiglieri più ostili. Dei quattro figli che dà a Gao Zong, i primi due sono molto apprezzati dall'imperatore e dai ministri. Saranno in seguito designati principi ereditari, ma Wu Ze Tian stessa li allontanerà dal potere. Entrambi moriranno: il più vecchio, Li Hong[16], di avvelenamento, il secondo, Li Xian[17], assassinato dopo essere stato degradato e bandito. Esattamente come già per sua figlia, gli storici accusano lei stessa di avere ordinato la loro morte.[18] Il terzo figlio, di carattere estremamente docile, raggiunge il titolo di principe ereditario. Diventerà in un secondo tempo imperatore alla morte del padre nel 683 sotto il nome di Zhong Zong[19], ma Wu Ze Tian rimane incaricata della politica come Gao Zong aveva stabilito nelle sue ultime volontà. Poco dopo, poiché Zhong Zong si stava prendendo troppe libertà per i gusti della madre, lo fa dimettere e sostituire da Rui Zong[20].

Wu Ze Tian già prepara la sua ascesa al trono. Cambia il nome di Luoyang in Shendu[21] (città divina), svelando così la sua intenzione di spostare la capitale dell'impero e attribuisce nuovi titoli ai funzionari di palazzo. L'intenzione che si nasconde dietro a queste trasformazioni non sfugge ad un certo numero di oppositori che cercano di porvi fine. Nel 684 deve fare reprimere una rivolta condotta da Xu Jing Ye[22], un dignitario bandito.

Conferma la sua reputazione di essere destinata ad un destino senza precedenti. Si fa così presentare da un nipote del clan Wu una pietra presuntamente scoperta nel fiume Luo (da cui sarebbero appena usciti i trigrammi Yi Jing), su cui è incisa la frase: «Venuta di una santa madre che riprenderà con clamore la funzione imperiale»[23]. Cambia allora il nome dell'era in Yong Chang[24] (eternità e prosperità); ci saranno diciotto cambi di era durante il suo regno. Si fa attribuire da Rui Zong e dai ministri l'appello reverenziale di «Santa madre e imperatrice divina»[25]. Per sancire meglio il suo titolo fa creare allo stesso tempo dal letterato Zong Qin Ke[26] una decina di caratteri nuovi che dovranno sostituire i sinogrammi di origine.[27]


Nel 690, nel giorno della festa del doppio nove, degrada Rui Zong dal titolo di principe ereditario e si proclama «imperatore della dinastia Zhou» 周. Sostiene infatti che la sua dinastia discenda dall'antica dinastia Zhou, di cui caldeggia il primo re, Wen Wang, fondatore della propria dinastia sotto il nome di imperatore Shi Zu Wen[28]. Il padre di Wu Ze Tian viene nominato postumamente imperatore Xiao Ming[29] e viene lei stessa nominata imperatore Sheng Shen[30]. Il suo nipote preferito, Wu Cheng Si[31], riceve ugualmente un titolo.

L'imperatrice morì nel 705, all'età di 80 anni, e fu sepolta accanto al marito Gaozong nel Quianling mausoleum, vicino alla capitale Chang'an, sul monte Liang.[32]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L.V. Arena, L'imperatrice e il dragone, Casale Monferrato 2008.
  • Sa Shan, Imperatrice, biografia romanzata (Prix des Lecteurs du Le Livre de Poche|Livre de Poche en 2005) - ISBN 2253109568.
  • Tang Lin Yu, Madama Wu, Milano 1963.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 武士彠
  2. ^ Taiyuandu gong 太原郡公
  3. ^ Wenshui 文水, distretto di Bingzhou 并州
  4. ^ 楊達
  5. ^ Arena, p.23
  6. ^ cairen 才人
  7. ^ 媚娘
  8. ^ 感業寺
  9. ^ Shan Sa, p.47
  10. ^ Wanghuanghou 王皇后
  11. ^ 蕭淑妃
  12. ^ 昭儀
  13. ^ Tang Lin Yu, p. 42
  14. ^ jianyanshiershi 建言十二事
  15. ^ xingshilu 姓氏錄
  16. ^ 李弘
  17. ^ 李賢
  18. ^ Tang Lin Yu, p. 75
  19. ^ 唐中宗
  20. ^ 唐睿宗
  21. ^ 神都
  22. ^ 徐敬業
  23. ^ 聖母臨人,永昌帝業
  24. ^ 永昌
  25. ^ Shengmu Shenhuang 聖母神皇
  26. ^ 宗秦客
  27. ^ Arena, p.70
  28. ^ Shizuwen Huanggdi 始祖文皇帝
  29. ^ Xiaoming Gaodi 孝明高皇
  30. ^ Shengshen Huangdi 聖神皇帝
  31. ^ 武承嗣
  32. ^ Shan Sa, p.120

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore della Cina Successore
Rui Zong 690-705 Zhong Zong

Controllo di autorità VIAF: 64806992 LCCN: n84156888