Gustavo Colonnetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Gustavo Colonnetti
Bandiera italiana
Assemblea costituente
Luogo nascita Torino
Data nascita 20 marzo 1968
Luogo morte Torino
Data morte 7 gennaio 1973
Titolo di studio Laurea in ingegneria e matematica
Professione docente universitario
Partito Democrazia Cristiana
Gruppo Democratico Cristiano

Gustavo Colonnetti (Torino, 8 novembre 1886Torino, 20 marzo 1968) è stato un ingegnere, matematico e politico italiano.

Vita e opere[modifica | modifica sorgente]

Allievo di Camillo Guidi, nel 1908 si laureò in ingegneria civile presso la Scuola d'Applicazione per Ingegneri di Torino, e nel 1911 in Matematica con Corrado Segre.

Nel 1910 conseguì la libera docenza in scienza delle costruzioni, nel 1911 divenne professore straordinario di meccanica applicata alle costruzioni e alle macchine alla Scuola Superiore Navale di Genova.

Nel 1914 si trasferì alla Cattedra di meccanica applicata alle costruzioni presso la Scuola di Ingegneria di Pisa, divenendone direttore nel 1918.

Nel 1920 si trasferì a Torino, come professore ordinario di meccanica razionale e superiore, divenendo direttore del Politecnico dal 1922 al 1925. Nel 1928 successe al suo maestro Camillo Guidi alla cattedra di Scienza delle Costruzioni e divenne Direttore del Laboratorio sulla resistenza dei materiali.

Fu direttore del Centro Studi sui Materiali da Costruzione e tra i promotori della fondazione e dell'Istituto Dinamometrico Italiano di Torino, in seguito accorpato all'Istituto di Metrologia del CNR.

Colonnetti era membro dell'Azione Cattolica e dal 1936 accademico pontificio. Rifiutò sempre di iscriversi al partito fascista e durante gli anni della Repubblica Sociale per evitare persecuzioni politiche espatriò clandestinamente, nel 1943, in Svizzera fondando e dirigendo a Losanna, su incarico della Confederazione Elvetica, una scuola universitaria per rifugiati italiani, permettendo, con assistenza morale e materiale, ai migliori studenti rifugiati italiani di proseguire studi poi riconosciuti in Italia. In questo fu egregiamente aiutato dall'opera della moglie Laura Badini Confalonieri.

Durante il periodo trascorso in Svizzera collaborò alla Gazzetta ticinese con lo pseudonimo di "Etegonon", scrivendo articoli su temi politici. Fu rettore del CUI di Losanna dove insegnò all'Ecole Polytechnique.

Rientrato in Italia nel dopoguerra si impegnò attivamente in politica con la Democrazia Cristiana, come membro della Consulta (1945-1956) e dell'Assemblea Costituente (1946-1948).

Durante i lavori della Costituente Colonnetti fu autore, assieme a Umberto Nobile e a Giuseppe Firrao, dell'emendamento che porterà all'affermazione, nell'articolo 9 della Costituzione, che la Repubblica promuove la ricerca scientifica e tecnica[1].

Nel 1946 fu membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione.

Fu presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche dal 1945 al 1956. In tale periodo organizzò a nuovo la ricerca scientifica e dirige la sezione tecnica dell'UNRRA-Casas, abbinandovi l'assistenza sociale agli abitanti reintegrati nei villaggi ricostruiti, costituendo con questa esperienza l'unico esempio post-bellico realizzato in Europa. Dal 1956 fu nominato presidente onorario ed emerito del CNR.

Principali contributi scientifici[modifica | modifica sorgente]

Tra i principali contributi di Colonnetti c'è l'elaborazione del Secondo principio di reciprocità, detto anche Teorema di Colonnetti, di una teoria generale delle coazioni elastiche e di una teoria sull'equilibrio elasto-plastico.

Il secondo principio di reciprocità[modifica | modifica sorgente]

Questo principio della teoria dell'elasticità, talvolta indicato come Secondo teorema di reciprocità, stabilisce un rapporto di reciprocità tra le tensioni interne di un corpo elastico in equilibrio e le deformazioni non congruenti, basato sull'ipotesi di sezionare il solido e rendendo in tal modo possibili variazioni di configurazione prima non compatibili con l'essenza del solido stesso: la somma dei prodotti delle sei caratteristiche del sistema di tensioni interne, in corrispondenza di una determinata sezione di un solido elastico in equilibrio sotto l'azione di un sistema di forze esterne, per le corrispondenti caratteristiche di una deformazione relativa impressa in corrispondenza della sezione stessa, è uguale al lavoro che le forze esterne dovrebbero compiere al verificarsi del cambiamento di configurazione determinato da quella stessa deformazione relativa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La nascita della Costituzione - Articolo 9

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gustavo Colonnetti, L'equilibrio elastico dal punto di vista energetico. Memoria, Torino, V. Bona, 1912.
  • Gustavo Colonnetti, Principii di statica dei solidi elastici, Pisa, E. Spoerri, 1916.
  • Gustavo Colonnetti, Applicazione a problemi tecnici di un nuovo teorema sulle coazioni elastiche, Atti R. Acc. Torino, 54, 1918 (Torino, Bona) pp. 69-83.
  • Gustavo Colonnetti, Proiettili. Appunti, Milano, Ulrico Hoepli, 1918.
  • Gustavo Colonnetti, I fondamenti della statica. Introduzione alla scienza delle costruzioni, Torino, UTET, 1927.
  • Gustavo Colonnetti, Principii di dinamica, Torino, 1929.
  • Gustavo Colonnetti, Enzo Giacchero, Ingegneria. Scienza delle costruzioni, Milano, Bompiani, 1939.
  • Gustavo Colonnetti, Di un nuovo procedimento per la messa in tensione delle armature nelle strutture in cemento armato, Città Del Vaticano, Pontificia Academia Scientiarum, 1940 (Roma, Tip. Cuggiani), pp. 61-67.
  • Gustavo Colonnetti, Elasticità e resistenza di travi con armature preventivamente tese, Città del Vaticano, Pontif. Academia Scientiarum, 1940 (Roma, Tip. Cuggiani), pp. 155-161.
  • Gustavo Colonnetti, Deformazioni plastiche e deformazioni viscose, Città del Vaticano, Pontif. Academia Scientiarum, 1942 (Roma, Tip. Cuggiani), pp. 217-224.
  • Gustavo Colonnetti, Scienza delle costruzioni, Torino, Edizioni scientifiche Einaudi, 3º ed., 1953-57.
    1. Teoria generale dell'equilibrio, 1953.
    2. La statica delle travi e degli archi, 1955.
    3. La tecnica delle costruzioni. Le pareti sottili, 1957.
  • Il mondo della tecnica, sotto la direzione di Gustavo Colonnetti, 5 volumi, Torino, UTET, 1962
  • Gustavo Colonnetti, Pensieri e fatti dall'esilio. 18 settembre 1943-7 dicembre 1944, (con una prefazione di Beniamino Segre), Roma, Accademia nazionale dei Lincei, 1973.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 120724451