Corrado Segre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corrado Segre

Corrado Segre (Saluzzo, 20 agosto 1863Torino, 18 maggio 1924) è stato un matematico italiano. Con Eugenio Bertini viene considerato il fondatore della scuola italiana di geometria algebrica.

Figlio di Abramo e di Estella De Benedetti, proveniva da un famiglia ebraica benestante che nel 1870 si trasferì a Torino. Studia all'Università di Torino con Enrico D'Ovidio e Francesco Faà di Bruno laureandosi nel 1883. Dal 1888, quando ottiene la cattedra di geometria superiore, a Torino si svolge tutta la sua carriera universitaria e, grazie alle sue doti e alla sua passione di insegnante, ha modo di avviare alla ricerca un numero eccezionale di talenti matematici. Sotto la sua guida preparano la tesi Gino Fano, Beppo Levi, Alberto Tanturri, Francesco Severi, Giovanni Zeno Giambelli, Eugenio Togliatti e Alessandro Terracini. Presso di lui si perfezionano Guido Castelnuovo, Federico Amodeo, Federigo Enriques, William H. Young e Grace Chisholm.

L'invariante (birazionale) di Zeuthen-Segre porta il suo nome.

Sempre molto interessato alla didattica, partecipò attivamente alle riunioni della società Mathesis nei suoi primi anni di vita. Pubblicò, inoltre, un centinaio di articoli sulla Encyklopädie der mathematischen Wissenschaften.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Livia Giacardi, 2001, “Corrado Segre maestro a Torino. La nascita della scuola italiana di geometria algebrica”, Annali di storia delle università italiane, vol. 5, pp. 139-163
  • Livia Giacardi, 2001, "The Corrado Segre Archive", Historia Mathematica, 28, pp. 296-301.
  • Livia Giacardi, 2002 (a cura di) I Quaderni di Corrado Segre, CD-ROM, Dipartimento di matematica, Università di Torino.
  • Livia Giacardi (2003): Educare alla scoperta: le lezioni di Corrado Segre alla scuola di Magistero, Boll. UMI Sez. A, Ser. VIII, V. 6-A, pp. 141-164.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14844455 LCCN: n84801176